“C’È CHI DICEVA CHE ERA MALATO, UN ALTRO CHE L’AVEVANO MESSO IN FREEZER” - S’INFITTISCE IL MISTERO INTORNO ALLA MORTE DI GIUSEPPE PEDRAZZINI, L’AGRICOLTORE IN PENSIONE SPARITO DA MESI E RITROVATO SENZA VITA IN UN POZZO A TEANO, PROVINCIA DI REGGIO EMILIA - SU CHI POSSA AVER COMMESSO IL DELITTO CI SONO POCHI DUBBI: SONO STATI FERMATI LA FIGLIA, IL GENERO E LA MOGLIE. SU DI LORO GRAVA UN INDIZIO PESANTE: LA MANCATA DENUNCIA DI SCOMPARSA. MA PERCHÉ AVREBBERO DOVUTO UCCIDERLO?

-

Condividi questo articolo


Andrea Pasqualetto per il “Corriere della Sera”

giuseppe pedrazzini giuseppe pedrazzini

 

Al bar di Toano non lo vedevano da mesi. «Ma dov' è sparito Giuseppe?, abbiamo cominciato a chiederci dopo un po' - racconta l'amico Luciano -. Anche perché prima veniva a giocare a carte tutti i giorni e non è che non lo notavi, portava sempre allegria». Sono così girate le voci più disparate: «C'era chi diceva che era malato, altri che l'avevano nascosto, un altro ancora che l'avevano messo in freezer...».

 

Chiacchiere da bar. La verità l'ha scoperta un cane molecolare del Nucleo cinofili dei carabinieri di Bologna che mercoledì sera ha fiutato la presenza di Giuseppe Pedrazzini, agricoltore in pensione di 77 anni, in un pozzo vicino alla casa dove abitava, in un piccolo borgo di montagna nel comune di Toano, Appennino Reggiano.

 

Il corpo del pensionato si trovava a cinque metri di profondità ed era senza vita. Per il magistrato e per i carabinieri che hanno condotto le indagini, non si è trattato di un incidente. No, Pedrazzini sarebbe stato ucciso e buttato nel pozzo.

 

ritrovamento cadavere di giuseppe pedrazzini ritrovamento cadavere di giuseppe pedrazzini

E su chi possa aver commesso il delitto sembrano avere pochi dubbi. Ieri hanno fermato tre familiari dell'uomo: la figlia Silvia, 38 anni, giornalista freelance per hobby, il genero Riccardo Guida, 43, musicista, e la moglie Marta Ghilardini, 63enne in pensione, un tempo allevatrice.

 

Tutti conviventi e tutti ora in carcere a Reggio Emilia. Sono accusati di omicidio, occultamento di cadavere e sequestro di persona. Accuse messe nero su bianco dal pm Cristina Giannusa, sulle quali grava un indizio pesante come un macigno: la mancata denuncia di scomparsa della vittima.

 

I familiari, già interrogati, hanno fatto scena muta; la moglie ha avuto un mancamento. Per la figlia e il genero parla il legale che li difende: «I miei clienti sono frastornati e rivendicano la totale estraneità dei fatti, faremo di tutto per dimostrare che non c'entrano nulla», ha detto l'avvocato Ernesto D'Andrea, ricordando che un delitto deve avere un movente e che in questo caso non c'è. Si era ipotizzato una questione legata ai soldi, alla pensione, all'eredità.

 

ritrovamento cadavere di giuseppe pedrazzini ritrovamento cadavere di giuseppe pedrazzini

«Non sta in piedi. La vittima non era ricca, non aveva nulla di intestato, visto che tutto è di proprietà della moglie». Al bar ricordano che le cose non stanno esattamente così: «Giuseppe aveva una casa a Toano che aveva sistemato da poco».

 

In questa storiaccia c'è di mezzo anche un bambino di undici anni, figlio di Silvia e Riccardo. Di colpo si è trovato senza nessuno, il nonno morto, la nonna, la mamma e il papà in carcere. È stato affidato ai servizi sociali che già in passato si erano interessati a lui ma non per maltrattamenti.

 

Una famiglia distrutta e un paese sotto choc. Alla luce dei fermi, gli amici hanno ripercorso con toni critici le vicende degli ultimi mesi. «Qualche parente era andato a cercare Giuseppe a casa sua ma è stato respinto: dicevano che non c'era bisogno di nulla. Per questo avevamo pensato a una malattia», ricorda Luciano.

 

ritrovamento cadavere di giuseppe pedrazzini ritrovamento cadavere di giuseppe pedrazzini

Altri hanno puntato il dito sul rapporto non proprio idilliaco che Pedrazzini aveva con il genero. «Testa caldissima, quello». Anche il sindaco di Toano, Vincenzo Volpi, era un amico della vittima: «Lo conoscevo bene, brav' uomo, abbiamo lavorato insieme quando mi occupavo di vacche da latte, poi veniva da me a tagliar la legna. Io spero che si tratti di un tragico incidente. Certo è che non si capisce per quale motivo non abbiano denunciato la scomparsa. Su questo aspetto siamo tutti un po' esterrefatti». Le risulta che ci fossero problemi in famiglia? «Diciamo che a casa non mi sembrava proprio a suo agio».

 

L'autopsia, che sarà disposta oggi dal magistrato, potrà dire qualcosa di più sulle cause e sui tempi della morte di Pedrazzini. Il paesino di montagna deve ora fare i conti con la sua tragica fine.

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

ZAN! ZAN! SANNA MARIN NON SOLO COME RISORSA ORMONALE – L’ARRAPAMENTO ITALICO PER LA FASCINOSA PREMIER FINLANDESE HA COLPITO CONCITA DE GREGORIO (LA GUARDIANA DEL PRETORIO): ‘’QUI LE DONNE DI 37 ANNI LE USIAMO AL MASSIMO COME CANDIDATE DI BANDIERA DA USARE PER MOSTRARE CHE LE ABBIAMO MESSE IN ROSA, POI SCOMPAIONO E COMINCIANO A GIOCARE I MASCHI” – E POI NOTA CHE “SANNA È CRESCIUTA CON DUE MADRI (LA SUA BIOLOGICA, LA NUOVA COMPAGNA DI LEI) E HA PER QUESTO PROVATO, DICE, "UN SENSO DI INVISIBILITÀ" PERCHÉ "DELLE FAMIGLIE ARCOBALENO NON SI PARLAVA". PENSATE, NEPPURE IN FINLANDIA…”

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute