“L’UCRAINA NON RINUNCERÀ A UN SOLO PEZZO DI TERRA” - OLEKSIY DANILOV, SEGRETARIO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DI SICUREZZA E DIFESA DELL'UCRAINA: “NON SMETTEREMO DI DIFENDERE IL NOSTRO PAESE E NON LO FAREMO INDIPENDENTEMENTE DA COME GLI ALTRI PAESI VOTERANNO LE PROPOSTE A SOSTEGNO DELL'UCRAINA” - PODOLYAK, CAPO CONSIGLIERE DEL PRESIDENTE ZELENSKY: “LA RUSSIA NON STA OFFRENDO ALL’UCRAINA E ALLE DEMOCRAZIE DI NEGOZIARE, MA STA CHIEDENDO LORO DI ACCETTARE LA CAPITOLAZIONE, DI RINUNCIARE ALLA DIFESA DEI PROPRI DIRITTI SOVRANI..."

-

Condividi questo articolo


OLEKSIY DANILOV OLEKSIY DANILOV

KIEV, NON RINUNCEREMO A UN SOLO PEZZO DELLA NOSTRA TERRA

(ANSA) - ROMA, 07 DIC - L'Ucraina non abbandonerà la difesa di un solo pezzo di terra, indipendentemente da come gli altri Paesi voteranno le proposte a sostegno dell'Ucraina, ha scritto su X Oleksiy Danilov, segretario del Consiglio nazionale di sicurezza e difesa dell'Ucraina.

 

"Calma e fermezza. Indipendentemente da chi, dove e come hanno votato in qualsiasi Paese del mondo, non smetteremo di difendere il nostro Paese, non rinunceremo a un solo pezzo della nostra terra e non perdoneremo per nessuno ucciso o ferito. Ci concentreremo, trarremo conclusioni, ricaricheremo le nostre armi e continueremo a distruggere il mostro russo", ha scritto Danilov.

 

mykhailo podolyak 1 mykhailo podolyak 1

PODOLYAK: «EFFETTI FATALI PER TUTTI SE CALANO LE FORNITURE NEGOZIARE? UN INGANNO»

Estratto dell’articolo di Lorenzo Cremonesi per il “Corriere della Sera”

 

Mykhailo Podolyak, capo consigliere del presidente Zelensky […]

 

[…] Teme le conseguenze per la riduzione degli aiuti militari?

«[…] le conseguenze saranno fatali per la democrazia globale, per il diritto internazionale, per l’inviolabilità dei territori. La Russia aumenterà fortemente il suo potenziale di attacco, lavorerà sui suoi errori strategici, modernizzerà il suo esercito e la sua produzione militare, riunirà sotto la sua guida molti regimi aggressivi, trasformerà il Paese in un’enclave militarista e aumenterà fortemente la pressione soprattutto sull’Europa. Ciò avrà conseguenze disastrose anche per l’Ucraina.

oleksiy danilov oleksiy danilov

 

La Russia dispone di un numero molto maggiore di equipaggiamenti militari e di munizioni, il che significa che sarà di nuovo in grado di ottenere un vantaggio parziale e di aumentare l’assassinio dei cittadini ucraini. A mio avviso, è proprio questo il problema, dalla cui errata soluzione dipende sia l’esistenza sovrana dell’Ucraina sia la forte espansione russa. Alcuni ritardi nella consegna delle armi da parte degli alleati hanno già avuto conseguenze negative».

 

mykhailo podolyak 3 mykhailo podolyak 3

Che armi vi servono con più urgenza?

«Necessitiamo di superiorità tecnologica. Per la difesa invernale abbiamo bisogno di sistemi contraerei, di missili a lungo raggio e di un gran numero di proiettili. Per le operazioni offensive, abbiamo bisogno di aerei, carri armati, blindati e di molti droni».

 

[…] Tra gli alleati della Nato crescono le voci che vorrebbero il negoziato con Putin. Ci state pensando?

«Negoziato? La Russia non sta offrendo all’Ucraina e alle democrazie di negoziare, ma sta chiedendo loro di accettare la capitolazione, di rinunciare alla difesa dei propri diritti sovrani e di riconoscere il diritto della Russia di attaccare. La Russia oggi vuole usare il concetto di “negoziati” solo per ottenere una pausa operativa, durante la quale accumulerà risorse, adeguerà la produzione militare, condurrà ulteriori mobilitazioni e addestramenti, distruggerà l’alleanza filo-ucraina, organizzerà provocazioni nei Paesi europei per distrarre l’attenzione, infine formerà un’alleanza terroristica e darà inizio alla prossima fase della guerra. L’unica opzione resta combattere e vincere». […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE