“SONO ANCORA SCONVOLTO DA TUTTO IL SANGUE CHE HO VISTO QUANDO GLI HO TAGLIATO LA TESTA” – È STATO ARRESTATO L’ASSASSINO DI MOHAMED IBRAHIM, IL 25ENNE BENGALESE DECAPITATO NELLA SUA CASA DI TORINO – SECONDO GLI INVESTIGATORI A SCATENARE LA FURIA OMICIDA È STATA UNA MANCATA RESTITUZIONE DI UNA SOMMA DI DENARO CHE L'AGGRESSORE AVEVA PRESTATO A IBRAHIM PER SPOSARE UNA SUA PARENTE (POI IL MATRIMONIO È STATO ANNULLATO)

-

Condividi questo articolo


Irene Famà per www.lastampa.it  

 

mohamed ibrahim lavapiatti decapitato mohamed ibrahim lavapiatti decapitato

«Sono ancora sconvolto da tutto il sangue che ho visto quando gli ho tagliato la testa». Lo ha detto Mohamed Mostafa, 24 anni,  del Bangladesh, accusato di aver decapitato, l'altra notte, in un alloggio in corso Francia 95, il connazionale 25enne Mohamed Ibrahim. Le parole del giovane pronunciate oggi durante l'interrogatorio, al sesto piano della Procura, davanti ai pubblici ministeri Valentina Sellaroli e Marco Sanini, sono considerate una confessione indiretta. «Non voglio dire nulla. Non sto bene, ho male alla testa» avrebbe detto ai magistrati. E sul movente non ha dato spiegazioni: «Sono ancora sconvolto».

mohamed ibrahim lavapiatti decapitato mohamed ibrahim lavapiatti decapitato

 

Secondo gli investigatori si tratterebbe di una questione economica. «La mancata restituzione di una somma di denaro, qualcuno dice 1200 euro, qualcun altro 4mila, che l'aggressore avrebbe dato alla vittima per sposare una sua parente. Matrimonio che poi non è avvenuto, ma i soldi non sono mai stati restituiti» spiega il dirigente della Squadra Mobile Luigi Mitola.

 

UN DEBITO E UN MATRIMONIO COMBINATO DIETRO ALL’OMICIDIO DEL BENGALESE DECAPITATO IN CASA A TORINO

lavapiatti decapitato torino lavapiatti decapitato torino

Dalla ricostruzione degli investigatori, Mostafa ha prima strangolato Ibrahim con un cordino di nylon, poi l'ha decapitato con un coltello da cucina. Ripreso dalle telecamere di sorveglianza del palazzo, Mostafa è stato fermato questa mattina dalla polizia alla stazione di Porta Nuova. «È possibile che volesse fuggire. Con sé aveva il passaporto» ha spiegato il dirigente.

 

I due giovani sono arrivati in Italia insieme nel 2014 attraverso la Libia. E per un periodo, nel 2019, hanno anche vissuto insieme in corso Francia. Poi Mostafa, che lavora come aiuto cuoco a Rosta, si è trasferito. Mohamed è rimasto in città e lavorava come lavapiatti in una pizzeria di Collegno.

lavapiatti decapitato a torino 5 lavapiatti decapitato a torino 5 lavapiatti decapitato a torino 2 lavapiatti decapitato a torino 2 lavapiatti decapitato a torino 1 lavapiatti decapitato a torino 1 lavapiatti decapitato a torino 3 lavapiatti decapitato a torino 3 lavapiatti decapitato torino lavapiatti decapitato torino

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

GIRONE D'INFERNO - CON LE 4 PERE CHE LA GERMANIA HA RIFILATO AL PORTOGALLO E IL PARI DELLA FRANCIA, SI SOVVERTONO GERARCHIE E PRONOSTICI NEL GRUPPO DI FERRO DEGLI EUROPEI. I TEDESCHI (3 PUNTI) CHE AFFRONTERANNO L’UNGHERIA (1 PUNTO) RISCHIANO DI PASSARE COME PRIMI, TRA FRANCIA (4 PUNTI) E PORTOGALLO (3 PUNTI) UN DUELLO CHE PROMETTE SCINTILLE… - RONALDO NON BASTA: NELLA PARTITA PIU’ BELLA VISTA FIN QUI AGLI EUROPEI, DUE AUTORETI, L’ATALANTINO GOSENS DA SBALLO E UN DOMINIO DEL GIOCO DA PARTE DEI TEDESCHI PER LUNGA PARTE DEL MATCH...

cafonal

viaggi

salute