“SONO PRONTA A LAVORARE PER PUTIN” -  IRENE CECCHINI, LA 23ENNE ITALIANA INTERVENUTA AL FORUM DI MOSCA CON UNA DOMANDA A “MAD VLAD”, NON VEDE L’ORA DI DIVENTARE UN MEGAFONO DELLA PROPAGANDA RUSSA: “IL MIO SOGNO È RICEVERE LA CITTADINANZA E POTER VIVERE IN QUESTO PAESE. HO DETTO AL PRESIDENTE CHE SONO PRONTA AD AIUTARLO. LA GUERRA? QUI LA SITUAZIONE È TRANQUILLISSIMA E…” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Laura Gozzini per “la Repubblica”

 

Irene Cecchini - studentessa italiana a Mosca Irene Cecchini - studentessa italiana a Mosca

«È stata un’emozione incredibile, perché era tutto così spontaneo, il modo in cui il presidente mi parlava, mi poneva le domande… mi ha fatto sentire a mio agio. Il mio sogno è ricevere la cittadinanza russa e poter vivere in questo Paese. Se sono pronta a lavorare per il presidente? Perché no?».

Il presidente è Vladimir Putin e a parlare è Irene Cecchini, 23 anni compiuti il 15 febbraio.

[…]

 

Una settimana fa, proprio in occasione del suo compleanno, Irene era tornata in Italia per riabbracciare i genitori e i fratelli dopo due anni. Avrebbe dovuto fermarsi di più, quando la notizia che il suo progetto, candidato a un concorso di un ministero russo per raccogliere idee “innovative”, era stato scelto fra tremila, ha scombussolato tutti i piani.

vladimir putin 1 vladimir putin 1

 

«Sono dovuta partire in fretta e furia – racconta – Il mio progetto è tra i finalisti, siamo arrivati fino al sì di Putin e mi hanno chiamata per partecipare all’incontro». Nato dalla propria esperienza di straniera nella Grande Madre Russia, alle prese con lungaggini e cavilli burocratici, il programma messo a punto dalla 23enne punta a facilitare la vita in particolare a chi vorrebbe trasferirsi in Russia ma non ha un visto lavorativo o di studio.

«Conosco tante persone che vorrebbero vivere qui e condividere i valori della società russa», spiega.

irene cecchini 1 irene cecchini 1

 

E alla domanda se sia pronta a lavorare direttamente per Putin, non esita un secondo: «L’ho detto al presidente: “Io sono pronta ad aiutarla, a ricevere la cittadinanza e a costruire questo progetto”». È certa che la Russia sia il suo “posto nel mondo”. Dove vuole restare, nonostante la guerra con l’Ucraina e le critiche di tutto il blocco occidentale. «I russi sono molto altruisti ed empatici, anche se sembrano freddi tengono tutto vicino al cuore – dice – E io vorrei aiutare questo Paese in tutti i modi».

 

L’eco del conflitto a Mosca non la spaventa: «Qui la situazione è tranquillissima». Il che non significa che la gente non sia toccata dalla guerra: «I russi ci stanno male, come tutte le persone del mondo – conclude – Credo che si debbano costruire ponti e non muri, che bisogna collegare i Paesi, renderli vicini. C’è tanto in comune tra l’Italia e la Russia e i russi quando parlano del nostro Paese dicono sempre quanto gli piace». Ha imparato il russo da autodidatta e oggi, dice, in russo sogna pure. [...]

vladimir putin 2 vladimir putin 2 irene cecchini 2 irene cecchini 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...