“TANTI POLIZIOTTI HANNO FATTO COMING OUT, MA LA NOSTRA SOCIETÀ È OMOFOBA” - MICHELA PASCALI, SINDACALISTA DI POLIZIA LESBICA, PARLA A CIRCO MASSIMO: “SIAMO PREOCCUPATI DALL'ABUSO DELLA DIVISA DA PARTE DI SALVINI. QUESTA È LA PARTE FIGURATA ATTRAVERSO LA QUALE IL NAZIONALISMO PRENDE FORMA. I CITTADINI VEDONO PIU' IMMIGRATI, MA È SOLO PERCEZIONE. RISCHIAMO UN'ALTRA MACERATA. FUORI LE RIGHE L'ACCOGLIENZA A BATTISTI…”

-

Condividi questo articolo

Da "Circo Massimo - Radio Capital"

 

michela pascali 7 michela pascali 7

È la prima lesbica ai vertici di un sindacato di polizia: Michela Pascali, 46 anni, è assistente tecnico capo alla Questura di Firenze ed è stata eletta alla segreteria nazionale del SILP-CGIL. A Circo Massimo, su Radio Capital, Pascali racconta che il suo essere omosessuale le ha portato ad avere "delle resistenze" all'interno della polizia: "Come sto dicendo in maniera corale", spiega a Massimo Giannini e Jean Paul Bellotto, "purtroppo siamo un riflesso della società prima di essere lavoratori delle forze di polizia.

stop omofobia stop omofobia

 

E questa società culturalmente ha ancora bisogno di definizioni, perché non è ancora pronta. È una società sessista, machista, ancor prima di essere omofoba". È la prima lesbica in un ruolo dirigenziale ma, specifica, non la prima poliziotta a fare coming out: "Ci sono tanti uomini e donne delle forze dell'ordine che hanno fatto coming out, e devo dire grazie a chi mi ha preceduto e ha fatto una battaglia importante nella polizia e nelle forze armate, e ha dato coraggio a noi più giovani, spigendoci a fare una battaglia più importante".

michela pascali 5 michela pascali 5

 

Secondo Pascali, non c'è "discriminazione palese dal punto di vista formale fra uomini e donne", ma aggiunge: "Lancio una provocazione: se ha di fronte un uomo o una donna in un ufficio di polizia e deve parlare con un funzionario, il più delle volte lo stereotipo fa pensare che il funzionario sia un uomo. Bisogna fare un lavoro culturale".

 

michela pascali 4 michela pascali 4

E un problema culturale, per la sindacalista, nasce anche dall'uso della divisa della polizia fatto del ministro dell'interno: "Gli operatori della polizia che noi rappresentiamo guardano con molta preoccupazione all'abuso della divisa da parte di Salvini. Questa è la parte figurata attraverso la quale il nazionalismo prende forma.

 

Sotto la felpa di Salvini non c'è niente. Lui promette e dice di voler aiutare le forze di polizia, ma in realtà non fa niente. Questo è il governo del cambianiente". E sulla presenza dei ministri all'arrivo di Cesare Battisti a Ciampino, dice: "Ho trovato il tutto fuori le righe. Parliamo da mesi di un'ondata di nazionalismo e populismo che in realtà porta a insicurezza".

michela pascali 3 michela pascali 3

 

Che nascerà anche dal decreto sicurezza fortemente voluto da Salvini: "Temiamo una forte instabilità", riconosce Pascali, "c'è un continuo lavorare in termini di deumanizzazione, alla ricerca di capri espiatori, che spesso sono i migranti. Ci pare una mossa propagandistica che serve a poco. E aumenterà sicuramente i problemi per la polizia". In Italia, nella popolazione, Pascali vede "una componente razzista enorme, che sta crescendo.

 

michela pascali 2 michela pascali 2

Quali sono i rischi? Ad esempio, quello di un'altra Macerata". E, nonostante le denunce dei cittadini, specifica: "Se ci sono più immigrati per strada? È la percezione del cittadino. La continua politica propagandistica fa sì che il cittadino veda cose che non ci sono. E il carico del nostro lavoro viene aggravato".

michela pascali 1 michela pascali 1 polis aperta gay forze dell'ordine polis aperta gay forze dell'ordine michela pascali michela pascali gay nelle forze dell'ordine 2 gay nelle forze dell'ordine 2 michela pascali 1 michela pascali 1 michela pascali polis aperta michela pascali polis aperta gay nelle forze dell'ordine gay nelle forze dell'ordine michela pascali 6 michela pascali 6

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“QUALCOSA HA IMPEDITO LA RIEDIZIONE DEL GOVERNO M5S-LEGA CON DI MAIO PREMIER” - NEL LIBRO “LADRI DI DEMOCRAZIA”, PAOLO BECCHI E GIUSEPPE PALMA SVELANO I RETROSCENA DELLA CRISI BALNEARE: “DOMENICA 25 AGOSTO SALVINI CHIAMA MATTARELLA PER  PROPORRE DI MAIO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. SE IL PRESIDENTE ABBIA INFORMATO DI MAIO NON LO SAPPIAMO. COSÌ COME NON SAPPIAMO SE ABBIA CHIAMATO ZINGARETTI O QUALCUNO VICINO AL SEGRETARIO DEM. FATTO STA CHE IL GIORNO DOPO IL PD APRE D'IMPROVVISO AL M5S SUL NOME DI CONTE COME PRESIDENTE DEL CONSIGLIO…”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute