“VEDI MPÒ CHI SO STE SPIE DI MERDA CHE SPACCIAVANO A CASA NOSTRA” – I FRATELLI BIANCHI SI ERANO ALLARGATI UN PO’ TROPPO: SECONDO LE INTERCETTAZIONI DELL’ANTIMAFIA, SONO FINITI NEL MIRINO DEL CLAN DEGLI ALBANESI GUIDATO DA ELVIS DEMCE. E ORA POTREBBERO PAGARLA CARA, IN CARCERE – “QUEI DAUN DE COLLEFERRO HANNO FATTO I DANNI A COLORI CO QUEL RAGAZZINO CHE HANNO AMMAZZATO. STANNO AL G9 PRIMO PIANO, SCHIFOSI. MAGARI A PIZZICARLI QUEI CESSI VERI…”

-

Condividi questo articolo


Andrea Ossino per www.repubblica.it

 

WILLY E I FRATELLI BIANCHI WILLY E I FRATELLI BIANCHI

Dovranno scontare tutta la vita dietro le sbarre per aver massacrato e ucciso il ventunenne Willy Monteiro Duarte. E le giornate in carcere potrebbero non essere semplici. I fratelli Bianchi lo sanno bene. Del resto il trattamento a base di insulti, sputi, minacce riservato mesi fa nel carcere di Rebibbia potrebbe essere la diretta conseguenza di dinamiche criminali più ampie, come già rivelato da Repubblica lo scorso 16 aprile.

 

fratelli bianchi 2 fratelli bianchi 2

Perché i due fratelli di Artena avevano riscosso le attenzioni di malacarne di alto rango come Elvis Demce, 36enne albanese a capo di uno spietato gruppo di criminali. Le intercettazioni carpite dall'Antimafia di Roma lo rivelano chiaramente: "Stanno al G9 (reparto del penitenziario romano ndr), magari a pizzicarli", dicono i sodali dell'albanese pensando di sguinzagliare tale "Ciccillo", detenuto nello stesso penitenziario. La circostanza si inserisce in una conversazione sul controllo delle piazze di spaccio tra Prenestino, litorale Pontino, i Castelli Romani e Velletri. Demce non accettava che altri potessero inserirsi nei suoi affari.

 

Per questo motivo ha iniziato una guerra contro il connazionale Ermal Aramaj. Non solo. "Bigis", all'anagrafe Francesco Bastianelli, aveva informato Demce di "un'operazione di polizia nei confronti di soggetti dei Castelli Romani - scrivono i carabinieri nell'informativa dell'indagine Aquila Azzurra - e in particolare nei confronti di due fratelli, i Bianchi, coinvolti nell'omicidio del giovane Willy Duarte Monteiro".

 

ELVIS DEMCE 11 ELVIS DEMCE 11

Un affronto, per il criminale albanese, che "invita Bigis ad informarsi sulle persone che sono state tratte in arresto e che spacciavano droga a 'casa loro'", annotano gli uomini del Nucleo Investigativo.

 

"Vedi mpò chi so ste spie di merda che spacciavano a casa nostra", ordina il capo. Gli scagnozzi commentano: "Mamma mia quei daun de Colleferro hanno fatto i danni a colori co quel ragazzino che hanno ammazzato", dicono.

 

FRATELLI BIANCHI NEL MIRINO DEGLI ALBANESI - INTERCETTAZIONI DELL ANTIMAFIA FRATELLI BIANCHI NEL MIRINO DEGLI ALBANESI - INTERCETTAZIONI DELL ANTIMAFIA

E vogliono intervenire. "Stanno al G9 primo piano", vengono a sapere. Poi la conferma: "Gia? sti cessi infami (....)Si hai visto tutte foto da coatti(..).Sti schifosi". Le intenzioni sono chiare: "magari a pizzicarli quei cessi veri". Per realizzarle hanno già pensato a un nome: "Poesse che stanno co Ciccillo (un altro detenuto ndr)", dicono prima di ricordare la fine fatta fare all'ultima persona che avevano deciso di punire.

FRATELLI BIANCHI NEL MIRINO DEGLI ALBANESI - INTERCETTAZIONI DELL ANTIMAFIA FRATELLI BIANCHI NEL MIRINO DEGLI ALBANESI - INTERCETTAZIONI DELL ANTIMAFIA gabriele bianchi un giorno in pretura gabriele bianchi un giorno in pretura gabriele bianchi gabriele bianchi

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO A MISURA DUOMO - PORTALUPPI CHIAMA, MILANO RISPONDE! IN CINQUECENTO SI SONO SCAPICOLLATI PER FESTEGGIARE L’USCITA DEL LIBRO ‘’PIERO PORTALUPPI’’, L’ARCHITETTO CHE HA CAMBIATO CON I SUOI LAVORI LA FACCIA DELLA CAPITALE LOMBARDA - IN CASA DEGLI ATELLANI, IL GIOIELLO RINASCIMENTALE TRASFORMATO UN SECOLO FA DA PORTALUPPI, PIERO MARANGHI, CURATORE DELL’OPERA, HA ACCOLTO GIBERTO ARRIVABENE E BIANCA D’AOSTA, TOMMASO SACCHI E CHIARA BAZOLI, NICOLA PORRO E STEFANO BARTEZZAGHI, VERONICA ETRO E MARCO BALICH, BARNABA FORNASETTI E MICHELA MORO…

viaggi

salute