UNA LEADER È CREDIBILE SOLO SE RACCHIA? - IL PRESIDENTE DEL PARTITO CONSERVATORE GIAPPONESE, TARO ASO, AVREBBE DESIGNATO LA MINISTRA 70ENNE YOKO KAMIKAWA COME SUA EREDE POLITICA MA NEL SUO DISCORSO HA INFILATO ALCUNI COMMENTI SESSISTI CONTRO LA DONNA CHE HANNO SCATENATO UN PUTIFERIO: "NON LA DEFINIREI BELLA", "LA VECCHIA SIGNORA È NOTEVOLE" - KAMIKAWA, CONSIDERATA "MINISTRA DI FERRO", POTREBBE PRESTO GUIDARE IL GIAPPONE...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Costanza Rizzacasa per il “Corriere della Sera”

 

yoko kamikawa 4 yoko kamikawa 4

«Non la definirei bella». Domenica, in Giappone, mentre gli osservatori internazionali si concentravano sulle dichiarazioni sessiste del vice presidente dell’Ldp Taro Aso all’indirizzo della ministra degli Esteri Yoko Kamikawa, lo stesso Aso [...] stava in realtà tessendo le lodi della diplomatica.

 

«Una stella in ascesa», ha detto, elogiandone l’inglese (competenza chiave in Giappone, dove la maggior parte non lo parla), la capacità di «gestire da sé gli appuntamenti» e il lavoro all’Assemblea Generale Onu. «Consolida la sua candidatura a diventare la prima donna capo del governo. La vecchia signora è notevole».

Taro Aso Taro Aso

 

Tra un’affermazione paternalista e l’altra (ne ha anche storpiato due volte il nome in «Kamimura»), nella fumosa politica giapponese la sensazione è stata quella di un’investitura. Lei minimizza, ma un sondaggio Nikkei-TV Tokyo la dà in crescita tra i candidati preferiti dai giapponesi più anziani.

 

Si dice che le cose in Giappone non cambino mai, invece cambiano eccome. Settantuno anni a marzo, nata a Shizuoka, un master presso la John F. Kennedy School of Government di Harvard, Kamikawa, già ministro «di ferro» della Giustizia, è in carica dal rimpasto di quattro mesi fa, quello che cercava timidamente di ridurre il gender gap, dove per il World Economic Forum il Giappone è al 138° posto su 146 Paesi nella rappresentanza politica femminile (tanto da aver mandato un uomo al G7 di giugno su questi temi).

 

yoko kamikawa 3 yoko kamikawa 3

Complici i guai di Kishida, il cui mandato scade a settembre, Kamikawa si sta mettendo in luce. È stata la prima a congratularsi con Taiwan per la vittoria elettorale dell’indipendentista William Lai, poi è volata in Ucraina per un’importante missione, poi a Washington da Blinken (Kishida, che dopo i caucus dell’Iowa ha avviato contatti con Trump, sarà alla Casa Bianca il 10 aprile). [...]

 

Già a dicembre, dopo lo scandalo delle cene di finanziamento, c’era chi auspicava, un po’ ipocritamente, una donna primo ministro come soluzione a tanti problemi. Intanto, dopo Mizuho Fukushima, leader di lungo corso dei socialdemocratici, ha appena scelto di farsi guidare per la prima volta da una donna (Tomoko Tamura) anche il partito comunista. I cambiamenti, però, devono essere anche strutturali.

 

yoko kamikawa 2 yoko kamikawa 2

Il gender pay gap, ad esempio, è al 22%, tra i divari più ampi dell’Ocse. Tornando alle papabili alla guida dell’Ldp, e quindi del Paese, sembrerebbe meno probabile, dopo la morte di Shinzo Abe, anche se lei ci crede, la ministra della Sicurezza economica Sanae Takaichi, che ha appena chiesto a Kishida di rimandare l’Expo 2025 a causa del terremoto di Capodanno. [...]

yoko kamikawa 1 yoko kamikawa 1 taro aso ministro delle finanze giapponese con steven mnuchin taro aso ministro delle finanze giapponese con steven mnuchin Taro Aso Taro Aso Taro Aso Taro Aso yoko kamikawa 5 yoko kamikawa 5

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...