LECCE HOMO - IL RETTORE DELL’UNIVERSITA’ DEL SALENTO FABIO POLLICE VUOLE QUINTUPLICARSI LO STIPENDIO DA 25MILA A 121MILA EURO. LA CGIL INSORGE: “É SCONCERTANTE DOPO ANNI DI TAGLI” -GLI AUMENTI DELLE INDENNITÀ RIGUARDANO ANCHE I PRO-RETTORE E NOVE COMPONENTI DEL CDA. IL SINDACATO CHIEDE DI DIROTTARE I FONDI CHE DOVREBBERO ESSERE UTILIZZATI PER GLI AUMENTI DEI COMPENSI SULL’EDILIZIA UNIVERSITARIA…

-

Condividi questo articolo


Erika Cuscito per lecce.corriere.it

 

«È sconcertante»: così la Flc Cgil Lecce ha commentato la proposta di aumento di indennità per i componenti degli organi universitari di UniSalento. Si parla di aumenti fino al 480% per il rettore Fabio Pollice, che passerebbe da un compenso di 25.200 a 121.000 euro all’anno. Domani, martedì 19 dicembre il consiglio d’amministrazione dell’Università del Salento si riunirà per prendere una decisione definitiva nei confronti della proposta, nonostante il senato accademico abbia già espresso il suo parere contrario alla proposta nella seduta del 12 dicembre.

 

fabio pollice fabio pollice

Gli altri aumenti previsti

Il sindacato ha deciso, quindi, di rivolgersi direttamente ai soggetti più strettamente coinvolti: il rettore, il pro-rettore e i componenti del cda. Se la proposta venisse approvata, infatti, oltre all’aumento per Pollice, è previsto un aumento del 280% per il pro-rettore (da 10.800 attuali a 30.250 ipotetici), mentre i nove componenti del cda riceverebbero una somma complessiva di 108.900 euro, pari a oltre 13.600 per componente, dato che attualmente non godono di indennità. Una spesa, secondo il sindacato, assolutamente «sconcertante»

 

(...)

La richiesta di Flc Cgil arriva forte e chiara: «un passo indietro» che il rettore e il cda dovrebbero fare, nei confronti di una scelta considerata da loro «politicamente sbagliata nei modi, nei tempi, nella sostanza e nel contesto, che li vedrebbe, peraltro, in evidente conflitto di interessi», sottolineando che chi desidera valutare la candidatura per il prossimo mandato rettorale, dovrebbe assumere una responsabilità «chiara in tale direzione e definire nel programma elettorale un impegno a non incrementare i compensi degli organi di vertice».

 

I fondi risparmiati da dirottare sull'edilizia universitaria

I fondi che dovrebbero essere utilizzati per gli aumenti dei compensi, inoltre, potrebbero garantire il finanziamento per risolvere una serie di disservizi e disagi riguardanti l’ateneo, dalla mancanza di servizio di portierato di molti edifici agli impianti di riscaldamento mal funzionanti.

 

fabio pollice fabio pollice

Il sindacato, inoltre, ha voluto sottolineare quanto «la forza motrice di questo Ateneo sia la buona volontà di docenti, ricercatori e personale tecnico amministrativo che con grande dedizione e senso di responsabilità continuano a svolgere il proprio lavoro erogando servizi spesso senza la minima gratificazione professionale ed economica», ed è proprio per un senso di rispetto nei confronti della struttura universitaria che, secondo loro, la proposta non andrebbe approvata: «si scriverebbe una brutta pagina per questo Ateneo: non lo meritano i lavoratori, gli studenti ed il territorio salentino».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”