UN LETTORE SCRIVE AL “CORRIERE”: “SONO SCONCERTATO PER L’INNO DI MAMELI CANTATO DA AL BANO DURANTE LA FINALE DI COPPA ITALIA. HA SENSO CHE VENGA STRAVOLTO IN QUESTO MODO?” - CAZZULLO: “SE SI CHIAMA UN GRANDE ARTISTA, È PERCHÉ LO SI LASCIA LIBERO DI INTERPRETARE L’INNO. È SPIACIUTO VEDERE CHE, QUANDO AL BANO HA CERCATO DI COINVOLGERE IL PUBBLICO, NESSUNO HA CANTATO CON LUI. PERCHÉ I TIFOSI NON CANTANO L’INNO NAZIONALE? LE CURVE NON SONO DIVENTATE TUTTE DI DESTRA? LA DESTRA ITALIANA NON AMA IL RISORGIMENTO? O E’ UNA QUESTIONE DI SCARSO COINVOLGIMENTO EMOTIVO? PECCATO: AL BANO MERITAVA DI PIÙ” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Dal “Corriere della Sera”

al bano canta l'inno di mameli prima della finale di coppa italia 1 al bano canta l'inno di mameli prima della finale di coppa italia 1

 

Sono rimasto sconcertato ascoltando l’inno d’Italia cantato da Al Bano. Ma ha senso che l’inno, così importante e simbolico per l’Italia, venga stravolto in questo modo?

Giovanni Ferrari

 

Massimo rispetto per l’uomo e l’artista Al Bano, ammetto che la sua interpretazione non mi ha convinto, forse voleva essere originale. In ogni caso cantare davanti a 70 mila persone che ti urlano cori sopra non deve essere stato facile. E comunque la gogna social, i commenti penosi che ho letto, proprio non se li merita.

Carlo Russo

al bano canta l'inno di mameli prima della finale di coppa italia 6 al bano canta l'inno di mameli prima della finale di coppa italia 6

 

Estratto della risposta di Aldo Cazzullo

Cari lettori, mi pare che i vostri messaggi individuino le due cose importanti accadute mercoledì sera all’Olimpico. […] Quanto ad Al Bano, nessun sacrilegio: se si chiama un grande artista, è perché lo si lascia libero di interpretare l’inno. Semmai è spiaciuto vedere che, quando Al Bano ha cercato di coinvolgere il pubblico, nessuno ha cantato con lui. La curva atalantina ha proseguito i cori di incitamento alla sua squadra, come se nulla fosse. Quella juventina se non altro è rimasta in silenzio; ma alla fine l’inno della Juve l’ha cantato a squarciagola, e pure il ritornello di una canzone di Jovanotti.

 

al bano canta l'inno di mameli prima della finale di coppa italia 5 al bano canta l'inno di mameli prima della finale di coppa italia 5

In passato è accaduto di peggio. Un anno in Spagna arrivarono in finale alla Copa del Rey il Barcellona e l’Athletic Bilbao: catalani e baschi fischiarono all’unisono inno e re.

Resta la domanda: perché i tifosi non cantano l’inno nazionale? Le curve non sono diventate tutte di destra, o comunque patriottiche? Forse la destra italiana non ama il Risorgimento? O, più probabilmente, non è questione di destra o sinistra, ma di scarso coinvolgimento emotivo? Peccato: Al Bano meritava di più, e noi italiani con lui.

al bano canta l'inno di mameli prima della finale di coppa italia 4 al bano canta l'inno di mameli prima della finale di coppa italia 4 al bano canta l'inno di mameli prima della finale di coppa italia 3 al bano canta l'inno di mameli prima della finale di coppa italia 3 al bano canta l'inno di mameli prima della finale di coppa italia 2 al bano canta l'inno di mameli prima della finale di coppa italia 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - IL SISTEMA, PIÙ SECCO DI UN COLPO DI MANGANELLO, CON IL QUALE LA DUCETTA STA OCCUPANDO TUTTE LE CASELLE DEL POTERE NON S’ERA MAI VISTO, SOTTO NESSUN GOVERNO - UN'ABBUFFATA COMPULSIVA DI INCARICHI PER AMICI E FEDELISSIMI, SPESSO SENZA ALCUNA COMPETENZA, RIVINCITA DI UN'ESTREMA DESTRA SVEZZATA A PANE, LIVORE E IRRILEVANZA - LA PRESIDENZA DI FINCANTIERI, SEMPRE IN MANO A MILITARI O AMBASCIATORI, È STATA OFFERTA A BIAGIO MAZZOTTA SOLO PER RIMUOVERLO DALLA RAGIONERIA DELLO STATO - FABRIZIO CURCIO E' STATO SOSTITUITO ALLA PROTEZIONE CIVILE PER FAR POSTO A FABIO CICILIANO, DIRIGENTE MEDICO DELLA POLIZIA DI STATO, CHE GIORGIA MELONI HA MOLTO APPREZZATO NEL SUO RUOLO DI COMMISSARIO STRAORDINARIO PER L’EMERGENZA DI CAIVANO - A SETTEMBRE GIUSEPPE DE MITA, CARO AD ARIANNA E A MEZZAROMA, SARÀ PRONTO AD APPRODARE COME DG A SPORT E SALUTE, LA SOCIETÀ PUBBLICA CASSAFORTE DELLO SPORT 

DAGOREPORT - EIA EIA ALALA’, VENEZIA ECCOLA QUA: "IL POTERE ORACOLARE DEL CINEMA… SETTIMA ARTE O... DECIMA MUSA?" - CON L’AMPOLLOSISSIMA PRESENTAZIONE (CON PAUSE RITARDANTI E ACCELERAZIONI IMPROVVISE, PIÙ DA TURI PANDOLFINI CHE DA TURI FERRO), ABBIAMO FINALMENTE CAPITO PERCHÉ LA MELONA HA SPEDITO PIETRANGELO BUTTAFUOCO ALLA PRESIDENZA DELLA BIENNALE DARTE: SODDISFARE IL SUO ERUDITO TROMBONISMO DA MEGALOMANE D’ANNUNZIO SICULO-MUSULMANO - SEMMAI, CI CHIEDIAMO: PERCHÉ L’OTTIMO BARBERA, UNO DEI POCHI DIRETTORI DI SINISTRA CAPACE DI ORGANIZZARE UNA MOSTRA D’ARTE CINEMATOGRAFICA PIENA DI STAR E OTTIMI FILM, SI PIEGA AD ACCETTARE DI REGGERE PER DUE ANNI LA RASSEGNA VENEZIANA PRESIEDUTA DAL FILODRAMMATICO AEDO DELLA FUFFA CULTURALE DI DESTRA? – VIDEO STRACULT!

FLASH! – QUANTI VITTORIO FELTRI CI SONO IN CIRCOLAZIONE? DUE GIORNI FA, SU “IL TEMPO”, FELTRI1 HA ELOGIATO ROBERTO D’AGOSTINO PER IL SUO DOCU-FILM “ROMA SANTA E DANNATA”. PASSANO 48 ORE E SU “IL GIORNALE” SPUNTA IL FELTRI2 CHE, RISPONDENDO A UN LETTORE, ATTACCA DAGO PER LA POSIZIONE CRITICA DI DAGOSPIA VERSO IL GOVERNO MELONI: “SEDICENTE ESPERTI DI ARIA FRITTA”, “CORBELLERIE”, “RICOSTRUZIONI COMICHE”, “SULLA PAGINA SI RIVERSA BILE” – QUALE SARA’ IL FELTRI APOCRIFO: IL PRIMO O IL SECONDO? (MAGARI E’ SOLO UN CASO DI BIPOLARISMO SENILE)…

FLASH! – IL GOVERNO DUCIONI NON SA DOVE ARRAMPICARSI PER RACCATTARE SOLDI PER LICENZIARE LA LEGGE DI BILANCIO SECONDO LE DURISSIME REGOLE DEL NUOVO PATTO DI STABILITÀ (TAGLI DI 10/12 MILIARDI NEL BILANCIO PUBBLICO) - E LA FIAMMA TRAGICA DI PALAZZO CHIGI, NONOSTANTE IL FALLIMENTO DELLA TASSA SUGLI EXTRA-PROFITTI BANCARI, STAREBBE STUDIANDO UNA NUOVA IMPOSTA PER SPILLARE MILIARDI DI EURO A BANCHE E ASSICURAZIONI (PARE CHE NE AVREBBERO GIÀ PARLATO CON IL PRESIDENTE DELL’ABI, PATUELLI)….

FLASH! - L’IRRITAZIONE DI SERGIO MATTARELLA, PRESIDENTE DEL CSM, NON ACCENNA A DIMINUIRE PER IL RIFIUTO DI DIMETTERSI DALLA CARICA DI CONSIGLIERA DEL CSM DI ROSANNA NATOLI, AVVOCATA DI PATERNÒ (CATANIA) E VICE PRESIDENTE DIMISSIONARIA DELLA SEZIONE DISCIPLINARE (MOLTO AMICA DEL PRESIDENTE DEL SENATO IGNAZIO LA RUSSA, CHE A PATERNÒ HA IL SUO FEUDO ELETTORALE). E NULLA È SERVITO IL PRESSING DEL COLLE SUL VICEPRESIDENTE DEL CSM: FABIO PINELLI SI È LIMITATO A FARE IL PESCE IN BARILE CON NATOLI - LA PROSSIMA SETTIMANA È PREVISTA LA RESA DEI CONTI TRA SERGIONE E LO SFUGGENTE PINELLI…