LOLLI, FORTISSIMAMENTE LOLLI – L’INCREDIBILE STORIA DI GIULIO "KARIM" LOLLI, IL TRUFFATORE-PLAYBOY CONSIDERATO FRA LE MENTI DELLA JIHAD IN LIBIA - EX IMPRENDITORE, 56 ANNI, CONVERTITO ALLA CAUSA QAEDISTA, RISCHIA UNA CONDANNA PER TERRORISMO INTERNAZIONALE - IL FACCENDIERE BON VIVANT, DOPO SVARIATE TRUFFE E LA MISTERIOSA MORTE DI UN FINANZIERE, SI È TRASFORMATO IN COMBATTENTE PER IL CARTELLO ISLAMISTA DI BENGASI CONTRO IL GENERALE HAFTAR – NEL 2019 UN AEREO DEI SERVIZI SEGRETI…

-

Condividi questo articolo


Ilaria Sacchettoni per il "Corriere della Sera - Edizione Roma"

 

giulio lolli 66 giulio lolli 66

Un aereo dei servizi segreti lo aveva riportato in Italia da Tripoli. Era il dicembre del 2019. Oggi, Giulio Lolli, 56 enne emiliano dalle molte identità, playboy convertito alla causa qaedista, rischia una condanna per terrorismo internazionale. I carabinieri del Ros che avevano approfondito la spericolata vita di questo imprenditore della provincia di Bologna, incrociando quasi per caso il suo curriculum penale, lo avevano indicato tra i protagonisti della guerriglia libica.

 

E per la precisione «tra i comandanti del cartello islamista denominato Majlis Shura Thuwar Benghazi». Un Thuwar (rivoluzionario proveniente dal mondo civile in arabo) che, dalla Libia, riforniva di armi i miliziani di Bengasi, oppositori del governo del generale Kalifa Haftar. Armi messe a disposizione delle sue due imbarcazioni «Mephisto» e «Leon» a bordo delle quali erano stati rinvenuti bombe a mano, mine anticarro, razzi, lanciarazzi e altro ancora. Quindi l'allora pubblico ministero Sergio Colaiocco ne aveva chiesto l'arresto, poi convalidato dal Tribunale di Roma e confermato dai giudici della Cassazione.

giulio lolli 66 giulio lolli 66

 

Ma chi è, davvero, questo personaggio proiettato sul territorio libico dalle colline emiliane? E quali sono i suoi obiettivi? Dopo un periodo di formazione in Canada, Lolli classe '65, brillante, ingegnoso, ambizioso, scommette sulla «Rimini Yacht» che ai primi del Duemila, diviene marchio prestigioso nel commercio di barche. Tra modelle e Rolex la sua vita pare tracciata. Invece no. Un talento per vivere al di sopra delle proprie possibilità lo spinge a tentare truffe, vendendo imbarcazioni a più acquirenti in simultanea. La faccenda viene fuori ed è costretto a eclissarsi.

 

giulio lolli 44 giulio lolli 44

La sua fuga avviene a bordo di uno yacht favoloso mentre la crisi di liquidità lo spinge a chiedere e ottenere un prestito da Flavio Carboni, l'ex faccendiere del Banco Ambrosiano coinvolto nelle P2 e P3 che finisce per diventare una sua (illustre) vittima. É il 2010 e tra mille segreti Lolli lascia dietro di sé anche il cadavere di un finanziere accusato di aver evitato controlli fiscali alle sue società dietro compenso. L'anno successivo si trova a Tripoli. Ma l'Interpol lo raggiunge e lui finisce per dieci mesi in una delle celle edificate da Gheddafi.

 

giulio lolli 19 giulio lolli 19

Quindi abbraccia la religione musulmana e diventa Karim finendo per unirsi a un gruppo controllato da Al Qaeda (Ansar al Sharia autore, tra l'altro, di un attentato a un ambasciatore statunitense). Si arriva al 2017, quando pluriricercato, sposa con rito islamico una giovane dell'alta borghesia locale e dà ufficialmente il via alla sua attività di combattente contro il governo del generale Haftar. L'anno dopo le forze speciali di Rada lo arresteranno per fiancheggiamento di una formazione separatista e traffico d'armi. É ergastolo. L'ex bon vivant emiliano ora è nei guai. Ci vorranno tutta la pazienza e l'impegno dell'ambasciatore per riportarlo in Italia, dove lo aspetta l'ultimo processo la cui sentenza è attesa per oggi .

GIULIO LOLLI 3 GIULIO LOLLI 3 giulio lolli 21 giulio lolli 21

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

cronache

sport

VINCERE AIUTA A VINCERE (E ANCHE AD ARRICCHIRSI) - NON SOLO LA GLORIA E IL PRIVILEGIO DI SFOTTERE I RIVALI PER ALMENO UN ANNO: CHI VINCE LO SCUDETTO INCASSA 25,6 MILIONI DI EURO (CONTRO I 18,7 DEL SECONDO), SENZA CONTARE I PREMI DEGLI SPONSOR, LA VENDITA DELLE MAGLIETTE, LA PRIMA FASCIA IN CHAMPIONS E NEL CASO DEL MILAN, LA PARTECIPAZIONE ALLA SUPERCOPPA - UN EVENTUALE VITTORIA DEI ROSSONERI AIUTEREBBE ANCHE AD AUMENTARE IL VALORE DEL MARCHIO E DELLA ROSA, UN TOCCASANA VISTO L'INTERESSE DI REDBIRD E INVESTCORP…

cafonal

viaggi

salute