‘GLI ITALIANI USANO IL CORONAVIRUS COME UNA SCUSA PER FARE UNA LUNGA SIESTA’. ORA IL CIALTRONISSIMO DOTTOR CHRISTIAN JESSEN, STAR DELLA TV BRITANNICA, SI SCUSA: “HO CERCATO DI SDRAMMATIZZARE IL PANICO” – IL TWEET DI BURIONI: IN QUESTO SPECIFICO CASO "IDIOTA" NON È UN INSULTO, MA UNA DIAGNOSI GRATUITA. VERGOGNA!"…

-

Condividi questo articolo

Eleonora D'Amore per fanpage.it

 

Christan Jessen Christan Jessen

Era lo scorso 13 marzo quando il dottor Christian Jessen, medico e conduttore del programma inglese Malattie imbarazzanti, affermò che gli italiani stavano usando la pandemia di coronavirus come scusa per avere una "lunga siesta", riconoscendo che i suoi commenti potevano sembrare "un po' razzisti". A pochi giorni da quella frase infelice, arriva il suo commento sui social, nel quale si scusa per aver offeso l'Italia e chiunque stia affrontando questo momento di forte sofferenza:

 

Per quanto riguarda i miei commenti sull’epidemia di coronavirus in tutto il mondo e la situazione dell’Italia: Ho sbagliato, lo ammetto. Ho cercato di sdrammatizzare il panico. Tuttavia, col senno di poi riconosco che la mia osservazione era insensibile e devo scusarmi per qualsiasi turbamento io abbia causato. Capisco perché sia stato offensivo e spero possiate perdonarmi.

 

Christan Jessen Christan Jessen

Come medico, il mio lavoro è essere onesto e cercare di portare luce nella vita delle persone. Vorrei assicurarvi che i miei pensieri sono rivolti a tutti coloro che sono colpiti dal virus e a coloro che stanno lavorando duramente per aiutare tutti a superare questo momento difficile. Infine, al momento non sto usando molto i social media, quindi tenete presente che forse non vedrò le vostre risposte. Ripeto che adesso non userò i social media perché sto lottando con la mia salute mentale e Twitter non è sempre il posto migliore dove trovarsi in tali circostanze. Tornerò quando starò meglio.

Christan Jessen Christan Jessen

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute