LUANA E IL MISTERO DELLA PROTEZIONE MANCANTE - SI AGGRAVA LA POSIZIONE DEI 2 INDAGATI (LA TITOLARE DELL’AZIENDA E L’ADDETTO ALLA MANUTENZIONE DEL MACCHINARIO) PER LA MORTE DELLA 22ENNE DI MONTEMURLO – LA STRAZIANTE INTERVISTA DEL FIDANZATO: "SENTO ANCORA LA SUA VOCE CHE MI SVEGLIA LA MATTINA. A MARZO DEL PROSSIMO ANNO MI SAREBBERO SCADUTE LE RATE DELLA FINANZIARIA PER L'AUTO. QUELLO SAREBBE STATO IL MOMENTO BUONO PER…” – UN'OPERAIA: "LE FOTOCELLULE AVREBBERO DOVUTO BLOCCARE LE MACCHINE" – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Gra.Lon. per "la Stampa"

 

LUANA D'ORAZIO E IL FIDANZATO LUANA D'ORAZIO E IL FIDANZATO

Si aggrava la posizione dei due indagati per la morte di Luana D' Orazio, la mamma di 22 anni di Pistoia, rimasta uccisa lunedì mattina mentre era al lavoro nell' azienda tessile per la quale lavorava a Montemurlo, nel pratese. Oltre all' omicidio colposo, la Procura di Prato, guidata da Giuseppe Nicolosi, contesta infatti anche l' ipotesi di omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro.

 

Le indagini si concentrano su una fotocellula e in particolare su una griglia di protezione del macchinario che ha causato la morte di Luana. Gli accusati sono Luana Coppini, titolare della Orditura Luana, e l' addetto alla manutenzione del macchinario Mario Cusimano.

 

Le indagini devono, in sostanza, far luce sul sospetto che Luana D' Orazio sia stata schiacciata dall' orditoio perché, in precedenza, sarebbe stata rimossa una griglia di protezione destinata proprio a prevenire incidenti. I carabinieri di Prato e il dipartimento di prevenzione e sicurezza sul lavoro dell' Asl Toscana Centro stanno continuando a lavorare senza sosta. Durante il primo sopralluogo, gli investigatori hanno notato che la griglia di sicurezza che doveva proteggere il lavoratore era stata rimossa. E poi c' è la questione della fotocellula di sicurezza del macchinario, che sarebbe dovuta entrare in azione nel momento dell' aggancio di Luana, bloccando il movimento dei rulli che invece l' hanno stritolata in pochi secondi. Nella fabbrica sono stati sequestrati due orditoi: quello dell' incidente e un secondo modello identico per fare confronti tecnici.

LUANA D'ORAZIO E IL FIDANZATO LUANA D'ORAZIO E IL FIDANZATO

 

Ma ieri i sedici operai sono tornati al lavoro, perché la fabbrica non è sotto sequestro. Mentre Laura Coppini, sostenuta dall' avvocato Barbara Mercuri, difende la sua posizione e annuncia aiuti al bimbo di Luana: «Anche io, mio figlio e mio marito lavoriamo con questi macchinari: è morta una compagna di lavoro. Intendo esprimere il mio dolore attraverso l' impegno per la famiglia di Luana e il suo piccolo. Impegno che voglio tradurre in atti concreti da subito in ogni contesto e sede». E conclude: «Non mi sottrarrò ai miei doveri né al confronto nelle sedi appropriate anche per capire come possa essere avvenuto questo dramma».

 

Intanto, i genitori di Luana, assistiti dall' avvocato Daniela Fontaneto e il consulente legale Andrea Rubini, restano in attesa di giustizia. Sabato verrà effettuata l' autopsia, mentre i funerali sono previsti per lunedì pomeriggio. E il sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi proclama già il lutto cittadino.

 

luana d'orazio luana d'orazio

LUANA ERA SEMPRE FELICE

Elvira Serra per il "Corriere della Sera"

 

Da quanto tempo stavate insieme?

«Un anno e mezzo. Ci eravamo conosciuti tramite due nostri amici, Simone e Giulia, quelli che ha visto arrivare con me: i miei non vogliono che guidi la macchina in questi giorni... C'è stata subito un po' di attrazione. Il 31 agosto l' ho invitata al Jova Beach Party di Viareggio, e tra noi c' era già più di qualcosa».

 

Avevate una data per l' anniversario?

«Sì, il 29 settembre 2019. Eravamo a ballare a Montecatini e io d' un tratto le chiesi: "Ma io e te che siamo?". E lei tirò su le spalle: boh. Allora insistetti: "Insomma, sì o no?". E lei disse sì».

 

Alberto Orlandi ha 27 anni, barbetta bionda e occhi azzurri che si bagnano spesso e che asciuga con un fazzoletto di stoffa. Lavora in un materassificio a Quarrata, nel Pistoiese, dove è caporeparto. È il fidanzato di Luana D' Orazio, la mamma 22enne inghiottita da un orditoio a Montemurlo per mille euro al mese. Ha la fragile dolcezza di chi si sta misurando per la prima volta con un finale senza ritorno.

 

luana d'orazio luana d'orazio

Luana aveva dormito da lui, a casa dei genitori, la notte prima dell' incidente. «Io, invece, venivo a stare dai suoi il mercoledì e dormivamo qui, Luana da questa parte, io al centro e Alessio lì, vicino a me. Gli avevo comprato io il letto, perché ormai stava diventando grande: siamo nati lo stesso giorno, il 31 dicembre».

 

Sul cellulare sfoglia immagini e ricordi: il weekend all' isola di Capraia, con le foto sott' acqua e una stella marina tra le mani; il San Valentino a Verona, un soffio prima del lockdown, sotto il balcone di Giulietta e Romeo; il video del compleanno di lei, quando le aveva regalato un iPhone 11 e aveva dovuto scartare una serie di pacchi a matrioska con le forbicine che si portava sempre dietro. Piange, si ricompone, il suo dolore non tracima mai, contenuto nel recinto del pudore.

 

Cosa ricorda di lunedì?

luana d'orazio leonardo pieraccioni luana d'orazio leonardo pieraccioni

«La sveglia ha suonato alle 5 e lei l' ha spenta subito, per non svegliarmi. È andata in bagno, poi a fare colazione, ed è ritornata per darmi un bacino. "Mandami un messaggio quando arrivi". Mi è arrivato alle 5.50. Le ho risposto: "Perfetto amore"».

 

Dell' incidente chi l' ha avvisata?

«I carabinieri. Emma, la madre di Luana, mi aveva scritto che doveva dirmi qualcosa di importante, di richiamarla. Quando ho telefonato piangeva, ho capito subito».

 

È andato anche lei in fabbrica, dopo?

«Sì, con Francesco, il babbo, per riprendere gli effetti personali. Mi hanno chiesto se volevo entrare per vedere dove era avvenuto l' incidente, ma c' era ancora il sangue, non me la sono sentita...».

 

Quali progetti avevate?

luana 3 luana 3

«A marzo del prossimo anno mi sarebbero scadute le rate della finanziaria per l' auto.

Quello sarebbe stato il momento buono per prendere in affitto una casa e cominciare a convivere sul serio».

 

Lo avevate già sperimentato?

«Beh, un po' la scorsa estate, quando i suoi erano andati al mare e noi eravamo rimasti soli per un mese. È stato bellissimo».

 

La preoccupava che avesse già un figlio?

«Deve preoccupare la morte, non la vita. Forse all' inizio ero un po' in ansia all' idea di dirlo ai miei genitori, ma dopo che l' hanno conosciuta si sono innamorati. A lei bastava poco per essere felice. Era una di famiglia, ormai: in casa aiutava mia madre nelle faccende come le mie sorelle».

 

Litigavate?

«Ma sì, bischerate. Mi dava noia quando veniva a controllare il mio cellulare. Non c' erano mica segreti, ma non mi piaceva».

 

la giovane morta sul lavoro la giovane morta sul lavoro

Le cose belle?

«Tantissime, piccole, semplici. Guardare in tv Amici e sentirla cantare la canzone Lady di Sangiovanni, farle il solletico ai fianchi e vederla ridere come una bambina, guardare come le si illuminavano gli occhi per un regalo, i fiori a San Valentino anche se mi ero scordato, la collanina con i due cuori per l' anniversario, i nostri abbracci, i baci.

L' altro ieri ho cercato il suo odore nel pigiama».

 

L' ha sognata queste notti?

«L' ho proprio vista, seduta sul divano. E sento ancora la sua voce, stamattina mi ha svegliato lei».

luana 2 luana 2

 

Se potesse tornare indietro?

«Se lo avessi saputo, lunedì mattina me la sarei tenuta stretta stretta a letto, non l' avrei lasciata andare».

luana luana luana 4 luana 4 una foto di luana una foto di luana luana 1 luana 1 fabbrica tessile fabbrica tessile luana 5 luana 5

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDONO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?