MASCHERINA, TI CONOSCO! ORA LA DOGANA SEQUESTRA TUTTO - LE NUOVE REGOLE D'INGAGGIO SULLE MERCI IN ENTRATA E USCITA MA L'OPERAZIONE MIRA ANCHE A COLPIRE LE MANOVRE COMMERCIALI CHE HANNO MANDATO IN ORBITA I PREZZI DELLE MASCHERINE. CON L'EMERGENZA COVID-19 SONO DIVENTATE PRESSOCHÉ INTROVABILI O VENDUTE AL PREZZO ASTRONOMICO DI 60 EURO L'UNA…

-

Condividi questo articolo


Sergio Rizzo per “la Repubblica”

 

MASCHERINA FFP2 E FFP3 MASCHERINA FFP2 E FFP3

È successo con una partita di medicine. Un farmaco specialissimo, impiegato per sedare i ricoverati nelle terapie intensive che respirano grazie ai macchinari, prodotto da una grande azienda multinazionale con una filiale in Lombardia. Si chiama Propofol, e la partita in questione era destinata al Messico: il commissario all' emergenza sanitaria l' ha fatta sequestrare dai carabinieri del Nas, con la motivazione che quei farmaci servono come il pane agli ospedali italiani impegnati nella battaglia contro il Covid-19.

La guerra, perché per tutti ormai la sfida al coronavirus è evento bellico, ha le proprie regole d' ingaggio.

 

Anche (e forse soprattutto, in questo caso) sotto il profilo commerciale. E una delle regole è, appunto, il controllo alle frontiere e il sequestro delle merci. Così sabato 28 marzo il commissario Domenico Arcuri ha firmato un' ordinanza dai contenuti clamorosi: se non fosse giustificata, appunto, da quello che è ormai considerato un clima di guerra.

 

MASCHERINA A VALVOLA MASCHERINA A VALVOLA

Dice che le dogane devono provvedere a far entrare in Italia tutti i dispositivi di protezione individuale, a cominciare proprio dalle mascherine e per finire ai respiratori, che siano esplicitamente destinati alle strutture statali e agli ospedali pubblici o privati accreditati inseriti nelle reti regionali per l' emergenza. Oltre ai «soggetti che esercitano servizi pubblici essenziali». E allo sdoganamento di quei prodotti si dovrà provvedere velocemente, senza il pagamento di imposte doganali e dell' Iva. I dispositivi che invece arrivano dall' estero non per le strutture pubbliche ma per il mercato privato dovranno essere segnalati al commissario «affinché disponga, ove lo ritenga, la requisizione della merce».

 

L' istruzione impartita all' Agenzia delle dogane e dei monopoli ora diretta da Marcelo Minenna è senza precedenti. C' è scritto che si tratta di una misura giustificata dalla necessità «di assicurare il funzionamento del servizio sanitario nazionale » che continua a lamentare carenze negli approvvigionamenti.

 

Ma l' operazione mira anche a colpire le manovre commerciali che hanno mandato in orbita, per esempio, i prezzi delle mascherine.

DONNA CON LA MASCHERINA A MILANO DONNA CON LA MASCHERINA A MILANO

 

Con l' emergenza Covid-19 sono diventate pressoché introvabili. Un servizio delle Iene ha documentato situazioni ben oltre i limiti della decenza: con mascherine vendute non al mercato nero, bensì da una farmacia al centro di Milano, al prezzo astronomico di 60 euro l' una.

MASCHERINA FFP1 O ANTIPOLVERE MASCHERINA FFP1 O ANTIPOLVERE usa mascherina usa mascherina Domenico Arcuri Domenico Arcuri DOMENICO ARCURI DOMENICO ARCURI MASCHERINA CHIRURGICA MASCHERINA CHIRURGICA

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“DI MAIO DICE UNA BUGIA E MERITEREBBE UNA QUERELA” - VITTORIO SGARBI SI È INCAZZATO PER LA PAGINE DEL LIBRO DI LUIGINO A LUI DEDICATE: “IO NON HO MAI MALTRATTATO LE DONNE, COME DICHIARA LUI. LA MIA VIOLENZA VERBALE NON È DIRETTA ALLE DONNE IN PARTICOLARE. IO INSULTO TUTTI, SENZA DISTINGUERE UOMINI O DONNE. E POI NON ESISTE NEPPURE UNA FRASE IN CUI IO ABBIA DETTO A DI MAIO CHE È OMOSESSUALE O GAY. PER DI PIÙ IO NON HO MAI USATO LA PAROLA OMOSESSUALE IN SENSO NEGATIVO E TANTO MENO VERSO LUIGI DI MAIO"

business

RETROSCENA SUL NAUFRAGIO MPS-UNICREDIT – CON IL SUO “VAFFA” AL TESORO ANDREA ORCEL AVRA' SALVATO UNICREDIT MA SI È GIOCATO, DOPO MILANO, ANCHE LA BENEVOLENZA DEI PALAZZI ROMANI PER EVENTUALI ACQUISIZIONI, A PARTIRE DA BPM. NON È UN CASO CHE ORCEL ABBIA SPOSTATO ALL’ESTERO LE SUE BRAME: LA FRANCESE SOCIÉTÉ GENERALE E LA SPAGNOLA BBVA – L’IRA DI DRAGHI: IL DG DEL TESORO RIVERA DOVEVA ACCORGERSI PRIMA DEGLI OSTACOLI CHE HANNO FATTO SALTARE LA TRATTATIVA - PATETICO INCONTRO TRA RIVERA E CASTAGNA PER SPINGERE BPM A SCIROPPARSI GLI SCARTI DI MPS RIFIUTATI DA ORCEL - SI APRE LA VIA DEL TERZO POLO?

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute