LA MESSA È FINITA: COMPRATEVI UNA BORSETTA E ANDATE IN PACE - IL COMUNE DI NOTO, IN SICILIA, HA MESSO IN AFFITTO LA CHIESA DI SANT’AGATA, GIOIELLO DEL BAROCCO, RIDUCENDOLA A UN NEGOZIO DI ARTICOLI DI LUSSO. SULL’ALTARE CENTRALE DOMINA UNA MENSA SU CUI SI STAGLIANO BORSE LOEWE E POLACCHINE GANNI, CON AL CENTRO, UNA SACRA PANTOFOLA SAINT LAURENT DA 675 EURO - E SOTTO LA FINESTRELLA PER L'OLIO DEGLI INFERMI COMPAIONO CAPPELLI MAXMARA, E NELL'ANDITO DELLE RELIQUIE UN...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Filippo Maria Pontani per “il Fatto quotidiano”

 

santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 10 santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 10

[...] Il fenomeno del reimpiego delle chiese sconsacrate è ancora in attesa di un censimento attendibile e di una riflessione, tra fede, storia e tutela, circa le opportunità e le insidie di trasformazioni talora inattese [...]

 

Se non stupiscono le tante gallerie d’arte o le librerie (celebre quella dei Dominicani a Maastricht, più appartata la Grimaldi nella Divina Grazia a Napoli), qualche domanda la suscitano enoteche e ristoranti (la Centrale del Vino a Brescia; St.

Mark’s a Mayfair di Londra), o locali e club per serate cool (a Milano, per dire, il Gattopardo Café o la Chiesetta). Ma quanto è avvenuto a Noto il 23 giugno scorso rappresenta per l’Italia una svolta nell’ambito della rifunzionalizzazione dei nostri monumenti (il solo caso simile che io conosca è la modesta chiesa ottocentesca di St. John a Sydney).

santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 9 santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 9

 

Non si tratta qui di una tristanzuola cappellina di periferia, ma della chiesa di Sant’Agata, uno dei capolavori di Rosario Gagliardi, l’architetto che ha di fatto “inventato” il barocco netino curando buona parte della rifondazione dopo il terremoto che nel 1693 distrusse la Noto Antica.

 

La chiesa ha il torto di trovarsi nella parte più alta della città, solinga e trascurata dalle masse di turisti che si assiepano in estate lungo il Corso e attorno al Duomo ricostruito dopo il crollo del 1996. [...]

santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 2 santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 2

 

Per rilanciare il “Piano Alto”, l’amministrazione comunale – con delibera di consiglio presa all’unanimità giusto un anno fa – ha dapprima inserito Sant’Agata nel “Piano alienazioni e valorizzazioni immobili”, quindi ha subito indetto un concorso per il suo affitto a uso commerciale. Due le manifestazioni d’interesse arrivate in ottobre: quella di un’associazione di arte e danza rivolta all’accoglienza della comunità Lgbtqia+, e un’altra (economicamente più vantaggiosa, e vincitrice) della lombarda Pozzilei, boutique multibrand del lusso.

 

[...] a fine giugno la chiesa è stata riaperta come “Fashion Concept Store”: un’offerta lifestyle di abbigliamento, profumi, libri, che tiene aperto da Pasqua ad ottobre.

 

Il rebranding dell’edificio ha interessato anche la scalinata pubblica che sale dalla sottostante via Cavour: il disegno che si compone guardando dal basso le alzate dei gradini forma infatti un rombo di quattro A maiuscole, una delle quali sormontata da un segno di breve – è questo il logo di “Santagatha Pozzilei” (l’“h” del nome dà una patina di esoterico latinorum).

santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 3 santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 3

 

Varcato il portale, l’atrio ospita una parete e una ominosa vetrina di piatti e oggetti Fornasetti, mentre la navata è costellata di stender con stole e abiti di Gucci, Fendi o Jil Sander: al centro, un lungo tavolo con cassetti aperti per i fiammiferi di lusso o gli accessori fashion, cinture berretti cravatte.

 

Sugli altari laterali, novelli Vangeli del Verbo, accanto a policromi accappatoi si impilano i volumoni illustrati dell’editore Assouline (da Bali mystique a Ibiza Bohemia, da Marrakech Flair a Capri Dolce Vita, per non dire dell’indimenticabile Sicily Honor di Gianni Riotta). Sotto la finestrella per l’olio degli infermi ecco comparire i candidi cappelli MaxMara a larghe falde, mentre nell’andito delle reliquie un cuscino ospita un pregiato Borsalino (proprio davanti alla tenda del séparé che funge da camerino).

santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 7 santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 7

 

L’altare di fondo – un trionfo di splendidi marmi policromi ahimè occultato dall’altissimo manifesto del brand – domina una mensa su cui si stagliano borse Loewe e polacchini Ganni, con al centro, su un altro pillow dedicato, la Sacra Pantofola Saint Laurent da 675 euro.

santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 6 santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 6 santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 4 santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 4 santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 5 santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 5 santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 8 santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 8 santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 1 santagatha pozzilei chiesa di noto trasformata in boutique di lusso 1

 [...]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...