IL METODO MAGNA-MAGNA CASAMONICA – TRE MEMBRI DELLA FAMIGLIA SONO STATI DENUNCIATI DA ALCUNI RISTORATORI: ANDAVANO A MANGIARE, ORDINAVANO CHAMPAGNE E POI NON PAGAVANO (IN UN CASO HANNO LASCIATO UN CONTO DA 1600 EURO) - ANZI, ESTORCEVANO DENARO AI PROPRIETARI DEI LOCALI - LA FORMULA MAGICA: "SAI CHI SONO IO? SONO UN CASAMONICA E QUANDO CHIEDO QUALCOSA E' GRADITO CHE VENGA ESAUDITO" 

-

Condividi questo articolo


LA FELPA DEI CASAMONICA LA FELPA DEI CASAMONICA

Alessia Marani per “il Messaggero”

 

Non sarà metodo mafioso (questa volta), ma di sicuro è metodo Casamonica, quello con cui Diego, 43 anni, il figlio Guido e il nipote Marco, entrambi 23enni, hanno mangiato a provato a dormire a sbafo in un hotel, la notte del 9 marzo a Latina. Erano partiti da Roma con le rispettive mogli e compagne, chissà quali affari di famiglia andavano a discutere nel Sud pontino o, magari, si trattava semplicemente di una gita in compagnia.

 

villa casamonica villa casamonica

Di certo, però, è che hanno agito alla loro maniera. E quando hanno prenotato per la cena lo hanno fatto a nome di Ferdinando Ciarelli, pregiudicato del posto in combutta con i Di Silvio, altro clan rom con fama di terrore. Tanto per essere chiari. Sono entrati in un bistrot nel pomeriggio e in un ristorante a cena con attiguo albergo, si sono seduti e hanno cominciato a ordinare ogni ben di Dio, pesce, frutta e dolci, tutto annaffiato da fiumi di champagne. In un caso hanno voluto che il sommelier aprisse loro una preziosa bottiglia Giulio Ferrari 2008.

RISTORANTI ESTORSIONE RISTORANTI ESTORSIONE

 

«Lo sai chi sono io? Lo sai chi sono i Casamonica? Io sono Casamonica Marco e quando chiedo qualcosa è gradito che venga esaudito», la formula magica per non pagare il conto. Resa ancora più efficace mettendo la mano tra collo e spalla del gestore, premendo con forza.

 

Il cognome era stato fatto notare esibendo il Greenpass. Tradotto: minacce, accompagnate inoltre dall'estorsione a uno dei ristoratori da cui hanno preteso 700 euro, da un altro si sono fatti consegnare 160 euro. Per questi episodi gli uomini della mobile del capoluogo pontino, su richiesta della locale Procura, hanno arrestato i tre.

casamonica versa champagne sull orologio d'oro casamonica versa champagne sull orologio d'oro

 

LA REAZIONE 

Diego è finito in carcere, per gli altri due il gip ha disposto gli arresti domiciliari. All'operazione hanno collaborato anche gli agenti della mobile di Roma e del commissariato Romanina. Le indagini sono partite dalla denuncia dei due titolari del ristorante. Gli imprenditori pontini non sono rimasti zitti, non hanno subito inermi, hanno reagito. 

 

Non un fatto scontato: in passato c'è chi ha prima denunciato e poi ha fatto un passo indietro; moltissimi gli episodi raccontati o di cui sono stati testimoni personale di cucina e camerieri ma che, per paura, non sono mai stati manifestati alle forze dell'ordine. «È vero che non ero tenuto, ma praticamente sono stato obbligato - ha messo a verbale A. C., una delle vittime - in pratica me li ha estorti, perché mi ha fatto capire col metodo tipico della malavita che avrei dovuto farlo per non incorrere in problemi... non dandomi scelta».

 

casamonica casamonica

SPREGIUDICATI

Per il gip «la spregiudicatezza e la refrattarietà al rispetto delle regole del vivere ponendosi al di sopra delle stesse, non curanti peraltro della possibile presenza di altre persone, sono oltremodo indicativi della personalità» degli indagati. Diego non fa mistero nemmeno dei 7 anni appena trascorsi in galera. Anzi, invita A. C. a sedersi al tavolo con lui, gli versa da bere e lo mette al corrente dei suoi trascorsi. 

casamonica casamonica

 

Non solo. Spiega che gli affari gli vanno con la vendita di auto a Ostia. Quel 9 marzo, in un caso il conto era di 600 euro, nell'altro addirittura di 1610. Dal receptionista dell'hotel pretendono 300 euro, prometettendo che il denaro gli sarebbe stato restituito: «Che non ti fidi di zio?», la domanda beffarda. Ma stavolta il metodo non ha funzionato fino in fondo.

ARTICOLI CORRELATI

 

Condividi questo articolo

media e tv

PIÙ REALITY DI COSÌ – SCOPPIA LA PROTESTA SUI SOCIAL IN SOSTEGNO DI MARCO BELLAVIA, EX CONDUTTORE DI “BIM BUM BAM”, RITIRATO DAL “GRANDE FRATELLO VIP”. NEL RPOGRAMMA AVEVA PARLATO DELLA SUA DEPRESSIONE MA, AL POSTO DI RICEVERE IL SOSTEGNO DEI COINQUILINI, È STATO BULLIZZATO E ISOLATO. PATRIZIA ROSSETTI: “SE HAI DEI PROBLEMI STAI A CASA TUA, FIGLIO MIO”. ELENOIRE FERRUZZI RINTUZZA: “QUESTO È FUORI, È PROPRIO SCEMO. VAI ALLA NEURODELIRI”. GIOVANNI CIACCI NE AVEVA CHIESTO L’ELIMINAZIONE DOPO AVER FRAINTESO UNA SUA FRASE E GEGIA… - VIDEO

politica

business

cronache

TI METTI IN TASCA IL REDDITO DI CITTADINANZA? E ALLORA NIENTE GRATTA E VINCI – LA DENUNCIA DI UN TABACCAIO DI LADISPOLI CHE SI È RIFIUTATO DI VENDERE UN GRATTA E VINCI A UN UOMO CHE SI ERA PRESENTATO NEL SUO LOCALE PRETENDENDO DI PAGARE CON LA CARTA DEL REDDITO DI CITTADINANZA. NON SOLO: IL PROPRIETARIO DEL NEGOZIO RACCONTA CHE C’È CHI VORREBBE COMPRARE SIGARETTE E CHI TENTA DI INVESTIRE I SOLDI ALLE SLOT MACHINE O AL LOTTO. “UNA SIGNORA MI HA DETTO CHE IL FUMO È UN VIZIO CHE DEVE ESSERE ESAUDITO COSÌ COME IL GIOCO…”

sport

cafonal

viaggi

salute