A MILANO CI MANCA SOLO MORGAN! – IL CANTANTE ACCETTA LA SFIDA DI VITTORIO SGARBI PER LA CANDIDATURA A SINDACO DELLA CITTÀ A E SUI SOCIAL LANCIA IL PROGRAMMA ELETTORALE: “VORREI VALORIZZARE LA PROFONDITÀ CULTURALE. VORREI DARE SPAZIO A PROGETTI DI GIOVANI INGEGNOSI. VORREI RIAPRIRE LE VIE D’ACQUA DI LEONARDO. MI PIACEREBBE AVERE CON ME UOMINI INTELLIGENTI. AD ESEMPIO IL PROFESSOR ALBERONI, COSÌ COME EUGENIO FINARDI. PIÙ PERSONE DI SINISTRA CHE DI DESTRA, MA SONO DI FORMAZIONE LIBERTARIA E…”

-

Condividi questo articolo

 

Francesca Galici per "www.ilgiornale.it"

 

morgan morgan

Marco Castoldi, in arte Morgan, ha accettato la sfida di Vittorio Sgarbi per la candidatura a sindaco di Milano.

Tutto nasce dal critico d'arte che, in radio a Un giorno da pecora, ha avanzato l'ipotesi di una sua candidatura come sindaco di Roma sotto la lista "Rinascimento". Questa lista, nelle intenzioni di Vittorio Sgarbi, proporrà un candidato sindaco in tutte le principali città del Paese e per Milano sarebbe stato scelto proprio Morgan: "Sono intenzionato a candidare a Milano Morgan, il cantante, gliel'ho detto ieri. Lui mi ha detto che preferirebbe Milano a Napoli, dove ancora non so chi ci sarà come candidato".

 

morgan e vittorio sgarbi morgan e vittorio sgarbi

Dopo la rivelazione del critico d'arte, i conduttori di Un giorno da pecora hanno contattato Morgan, che ai loro microfoni ha confermato quanto detto da Vittorio Sgarbi: "Se è vero che ho accettato la proposta di Sgarbi di candidarmi con la lista 'Rinascimento' a sindaco di Milano? L'ho accettata, mi piacciono le sfide e amo la mia città. La proposta mi è arrivata a tarda notte".

morgan morgan

 

Nel programma radiofonico, Morgan ha abbozzato anche un elenco di personaggi noti e influenti della cultura di cui vorrebbe circondarsi nel caso di elezione: "Mi piacerebbe avere con me uomini intelligenti. Ad esempio il professor Alberoni, così come Eugenio Finardi". Il cantante non si è tirato indietro nemmeno davanti alla domanda sul suo schieramento politico, dando una risposta in puro stile Morgan: "Sicuramente più di sinistra che di destra, ma non mi piace fare questo ragionamento.

morgan sgarbi morgan sgarbi

 

Sono di formazione libertaria, più vicino alla sinistra, ma non è destra né sinistra". Coerentemente con questo ragionamento, successivamente ha aggiunto: "Salvini non mi dispiace, ha dei tratti positivi. Vedo più le persone che gli schieramenti, oggi i partiti non è che siano proprio portatori di ideali. Non si può credere in un partito come ai tempi di Berlinguer e Almirante".

 

morgan morgan

Dopo la chiacchierata radiofonica, Morgan ha confermato la sua inedita discesa in campo con un post condiviso sul suo profilo Facebook, nel quale spiega le ragioni della sua decisione. "Amo profondamente questa città, ci vivo e ci sono nato, la considero un luogo intelligente e dalle infinite potenzialità.

 

Vorrei valorizzare la profondità culturale intendendo la cultura e l’istruzione la base sulla quale si fonda un’economia e non viceversa. Vorrei dare spazio a progetti di giovani ingegnosi e pieni di energia e creatività per togliere il grigiore deprimente", esordisce il cantante, prima di annunciare che, se verrà eletto, vorrebbe riaprire "le vie d’acqua di Leonardo e renderle luoghi belli, piacevoli, adatti a bambini, cittadini turisti e commercio".

vittorio sgarbi e morgan 2 vittorio sgarbi e morgan 2

 

Ma quello esposto da Morgan nel suo profilo Facebook non sarebbe un vero e proprio programma ma un elenco di sentimenti. "La realtà è complessa ma ci sono tante persone intelligenti e propositive con cui collaborare per un progetto condiviso di vera rinascita", ha concluso il cantante.

LO SCAZZO TRA BUGO E MORGAN SUL PALCO DI SANREMO LO SCAZZO TRA BUGO E MORGAN SUL PALCO DI SANREMO morgan morgan BUGO MORGAN - MEME BY SHILIPOTI BUGO MORGAN - MEME BY SHILIPOTI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute