NARCISISTI, SVEGLIA! ORA POTETE SPOSARE VOI STESSI – IL MATRIMONIO "IN SOLITUDINE" SI CHIAMA “SOLOGAMIA” E, AL MOMENTO, E' SOLO UNA PROVOCAZIONE DELL’ARTISTA ELENA KETRA CHE HA CREATO UNA POSTAZIONE DIGITALE PER RILASCIARE UNA “CERTIFICAZIONE” DEL MATRIMONIO "AL SINGOLARE" - AL GAZOMETRO DI ROMA È POSSIBILE COMPIERE IL "RITO" CHE SI CONCLUDE CON LA POSSIBILITÀ DI STAMPARE (PAGANDO 85 EURO) IL DOCUMENTO - E DOPO IL RITO? DI CORSA IN CAMERA DA LETTO A CONSUMARE UN RAPPORTO IN COMPAGNIA DELLA PROPRIA MANO...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Gianluca Nicoletti per “la Stampa”

 

ELENA KETRA 1 ELENA KETRA 1

Ho sperimentato l'unione sologama. Ora sono marito di me medesimo, anche moglie però. Per non negarmi nulla ho attraversato anche la terza opzione, sono diventato così anche compagn* di me stess*.

 

L'officiante di questa mia plurima esperienza matrimoniale solitaria è stata la performer digitale Elena Ketra, che al Gazometro di Roma in questi giorni ha installato una postazione dove è possibile coronare la propria storia d'amore autarchico, con marcia nuziale in chiave sologamy. La pratica, pare che abbia origini giapponesi.

 

A Kyoto un'agenzia specializzata offrirebbe pacchetti per matrimoni "self-wedding", a cui sarebbero interessate soprattutto donne alla ricerca del proprio benessere interiore. La cerimonia matrimoniale sologamica da me celebrata è però stata austera, algida e tecnologica.

 

ELENA KETRA ELENA KETRA

Tutto si è svolto davanti al touchscreen di un totem che riproduce uno smartphone grande quanto una persona, nulla è stato concesso allo sfarzo pacchiano, a cui ci ha abituati la classica iconografia barocca del wedding planning di cultura mediterranea.

[…]

 

Tutto questo però è sicuramente parte del messaggio dirompente dell'installazione: «Filo conduttore della ricerca di Elena Ketra è l'empowerment femminile e l'inclusione sociale, ponendo come centro della riflessione il sé come persona, oltre stereotipi di genere». Proprio in forza di questo non mi sono limitato all'autosposalizio nella mia banale collocazione anagrafica, per farlo però sono stato costretto al triplice adulterio nel giro di un paio di minuti. Il problema di coscienza che questo mi ha provocato ancora debbo elaborarlo. […]

 

SOLOGAMIA SOLOGAMIA

È comprensibile un'assegnazione civile di condivisione tra chi dovrà fare un mutuo, spartirsi oneri familiari, convivere e sostenersi quando possibile, ereditare. È pure parte delle libertà individuali scommettere sull'esistenza di un principio superiore e metafisico, che si farà garante del carattere imperituro di tale unione. Ammettiamo pure che a certe latitudini le convinzioni sociali impongano, in nome del quieto vivere, che questo passaggio avvenga in parchi a tema appositamente costruiti, con un esercito di parenti e amici agghindati e speranzosi di potersi satollare a fronte di denaro gettato in liste di nozze o rimpolpamento di bustarelle, acquisto di abbigliamento, scarpe trucchi e parrucchi da bruciarsi in una sola giornata.

 

masturbazione masturbazione

Potrà pure esserci una via alternativa allo sprezzante raccapriccio da parte di chi si sente superiore a tutto questo? Ogni pretesa di originalità sponsale è tracimata velocemente nella burinate del tipo matrimonio in masseria, officiato da un Masai, del banchetto etnico-vegano, della sposa con le sneakers. Si scorra a proposito l'illuminante rassegna on line "case pacchiane" e se ne avrà ampia documentazione. […]

 

masturbazione 4 masturbazione 4

Come anticipato io per strafare ho seguito tre volte la stessa procedura, per ognuno dei miei tre matrimoni con la mia persona. Ogni volta quindi ho promesso di amarmi e prendermi cura di me, di non permettere a nessuno di ferirmi o di farmi del male (se a qualcuno però questo desse un po' di gusto? Si può derogare? È ammesso il cilicio e l'autoflagellazione? Non vorrei fosse discriminatorio verso le minoranze che amano tali pratiche catartiche).

 

Ho anche promesso che mi batterò sempre per difendere le mie idee e la mia libertà (lo sto dimostrando in questo mio perculaggio benevolo). Ho infine promesso che mi basterò e non mi lascerò mai solo (anche sola e sol* naturalmente).

 

Purtroppo tra le tre opzioni di rilascio della certificazione degli avvenuti matrimoni ho scelto quella più micragnosa: il rilascio gratuito di un pdf spedito per mail.

masturbazione 1 masturbazione 1

Una signora attempata chiedeva se avessero valore legale, tutto oggi è credibile e questo è il segno della contemporaneità. Forse avrei potuto anche permettermi l'opzione intermedia: «Certificato di matrimonio firmato a mano dall'artista in cartoncino bianco 40X40», al costo di euro 85,40. Mai avrei però potuto ambire all'offerta premium: sempre firmato a mano da Elena Ketra ma con sontuosa «stampa su alluminio specchiato 70x70, certificato e numerato» per cui alla fine 732,00 euro sembrano persino pochi […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?