NON CI SONO PIÙ LE MANTENUTE DI UNA VOLTA – SONO FINITI I BEI TEMPI IN CUI L’ASSEGNO DIVORZIO ERA PARAMETRATO SUL TENORE DI VITA. L’AVVOCATO RIMINI: “UNA SIGNORA ELEGANTISSIMA, ALLA PRIMA UDIENZA, AVEVA MESSO A METÀ DELLA LISTA IL COSTO DI UN AUTISTA. IL GIUDICE SI ERA PERMESSO DI CHIEDERLE SE ALMENO ALL’AUTISTA NON POTESSE PENSARE DI RINUNCIARE. «SIGNOR GIUDICE — AVEVA RISPOSTO — MA LEI HA PRESENTE CHE PENA È CERCARE PARCHEGGIO ATTORNO AI NEGOZI DEL CENTRO?”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Carlo e Cesare Rimini per il “Corriere della Sera”

 

divorzio divorzio

L’assegno di divorzio non è più quello di una volta. Fino a qualche anno fa, il tenore di vita coniugale era il principale parametro nella sua determinazione. Chi lo chiedeva si rivolgeva al giudice elencando nei minimi particolari le spese, anche futili e voluttuarie, che caratterizza-vano la vita coniugale per ottenere un assegno che permettesse di fare, dopo il divorzio, la stessa vita di prima.

 

divorzio divorzio

Ricordiamo una signora, elegantissima, alla prima udienza del suo giudizio di divorzio. Elencando le proprie incomprimibili esigenze, aveva messo a metà della lista il costo di un autista. Il giudice si era permesso di chiederle se almeno all’autista non potesse pensare di rinunciare. «Signor giudice — aveva risposto — ma lei ha presente che pena è cercare parcheggio attorno ai negozi del centro? Per non parlare dei posteggi sotterranei, luoghi infrequentabili. Con l’autista il problema è risolto».

divorzio 2 divorzio 2

 

Il giudice, che in tribunale era venuto in bicicletta, si limitò ad assentire: aveva presente il problema. Nel 2018 la giurisprudenza è cambiata. La Cassazione, a Sezioni Unite, ha affermato che, dopo il divorzio, l’ex coniuge più debole non ha diritto a mantenere il tenore di vita matrimoniale. È necessario invece valutare se la parte che chiede un contributo abbia effettuato un rilevante sacrificio a favore delle esigenze familiari durante il matrimonio, ad esempio dedicandosi alle esigenze dei figli.

Divorzio Divorzio

 

In questo caso ha diritto a una adeguata compensazione, perché frequentemente al momento del divorzio non è possibile per il coniuge, che durante il matrimonio ha rinunciato alle proprie prospettive professionali, reinserirsi nel mondo del lavoro. […]

amore amore fine di un amore 7 fine di un amore 7 Divorzio Divorzio divorzio 3 divorzio 3 fine di un amore 3 fine di un amore 3

 

Divorzio Divorzio Divorzio Divorzio Divorzio Divorzio fine di un amore 2 fine di un amore 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…