NON SI MUOVE FOGLIA CHE ARMANI NON VOGLIA – COME TUTTI I GRANDI IMPRENDITORI, RE GIORGIO HA DECISO COSA SUCCEDERÀ DOPO DI LUI E IL PIZZINO MANDATO IERI PARLA CHIARO: SE L’INDIPENDENZA DEL MARCHIO È SEMPRE STATO UN PUNTO DI FORZA, IN FUTURO NON SI POTRÀ ESCLUDERE DI FINIRE SOTTO L’ALA DI LVMH, KERING O ESSILUX - PIETRA MILIARE PER IL DOPO-ARMANI È STATA L'ASSEMBLEA DI SETTEMBRE, IN CUI LO STILISTA HA MODIFICATO LO STATUTO CON EFFICACIA DIFFERITA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Anna Franco e Rosario Dimito per “Il Messaggero”

 

giorgio armani. giorgio armani.

[…]  Giorgio Armani […] Il leggendario stilista, incoronato sulla copertina del Time già nel 1982 come purosangue di un made in Italy che non c'è (quasi) più, ha rilasciato un'intervista a Bloomberg dove, alla soglia del suo novantesimo compleanno, parla dei piani per il futuro dell'azienda, che ha voluto, fondato e guidato in prima persona dal 1975, difendendo sempre una fondamentale autonomia del marchio. «L'indipendenza dai grandi gruppi potrebbe rappresentare ancora un valore trainante per il Gruppo Armani in futuro, ma non sento di escludere nulla - ha dichiarato - Ciò che da sempre caratterizza il successo del mio lavoro è la capacità di adattarsi ai tempi che cambiano».

 

Insomma, il designer, che ha impostato il suo lavoro su un grande controllo su ogni dettaglio della filiera produttiva e organizzativa della griffe, non esclude che un giorno la sua creatura possa finire nel portafogli anche di un grande gruppo del lusso. Sì, ricorda ciò che è già successo per altri tesori dello stile italiano, come Valentino, Gucci, Versace o Fendi […]

 

giorgio armani la nipote silvana e leo dell orco giorgio armani la nipote silvana e leo dell orco

Pietra miliare per il dopo-Armani è stata l'assemblea svoltasi a Milano, nello studio del notaio Elena Terrenghi, alle ore 9,30 del 26 settembre 2023 che ha modificato lo statuto con efficacia differita, all'apertura della successione di Armani, titolare del 99,9% del gruppo dei cui la Fondazione Armani ha lo 0,1%. L'imprenditore non ha figli, ma solo i nipoti Andrea Camerana (figlio della sorella Rosanna), Silvana e Roberta Armani (figlie del fratello Sergio). Lo statuto che sarà adottato alla scomparsa del fondatore prevede sei categorie di azionisti nel capitale, considerati uguali al momento della distribuzione del dividendo (sarà ripartito solo il 50% degli utili) ma diversi in termini di diritti di voto e di nomina del vertice.

silvana armani con zio giorgio armani silvana armani con zio giorgio armani

 

Ma a parte lo sbarco in Borsa, tutte le alleanze sono sulla carta possibili, comprese quelle con Lvmh di Bernard Arnault o con Kering di François Pinault, senza tralasciare nemmeno Essilux. Va ricordato che Armani ha avuto un solido legame di amicizia e di affari con Leonardo Del Vecchio, scomparso a giugno 2022 […]

giorgio armani tra le nipoti silvana e roberta giorgio armani tra le nipoti silvana e roberta andrea camerana giorgio armani andrea camerana giorgio armani giorgio armani 1 giorgio armani 1 giorgio armani 3 giorgio armani 3 giorgio armani 2 giorgio armani 2 giorgio armani con la nipote silvana giorgio armani con la nipote silvana giorgio armani con alexia e andrea camerana giorgio armani con alexia e andrea camerana giorgio armani con le nipoti silvana e roberta giorgio armani con le nipoti silvana e roberta giorgio e roberta armani giorgio e roberta armani

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – RISIKO BESTIALE A BRUXELLES! URSULA VON DER LEYEN, NONOSTANTE I VETI DEL TRIO TUSK-MACRON-SCHOLZ, S’ALLISCIA LA MELONI PER BLOCCARE I FRANCHI TIRATORI TRA POPOLARI E SOCIALISTI. MA L’INCIUCIONE SARÀ RIVELATO DOPO IL VOTO: SE L’ITALIA INCASSERÀ UN COMMISSARIO DI PESO, FRATELLI D’ITALIA SI SARÀ APPECORONATO ALLA COFANA TEDESCA (E ALLORA SÌ CHE SALVINI E LE PEN INIZIERANNO A CECCHINARE LA “TRADITRICE” GIORGIA) – OCCHIO A MACRON: ANCHE SE INDEBOLITO PER L’AVANZATA DELLE DESTRE IN FRANCIA, DA “ANIMALE FERITO” PUÒ DIVENTARE UNA MINA VAGANTE

FLASH! - COSA PUOI FARE PER DENUNCIARE LE GUERRE NEL MONDO? PER NON SBAGLIARE, VAI A CASA E ARRUOLA TUA MOGLIE! - È QUELLO CHE DEVE AVER PENSATO IL PRESIDENTE DEL CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA SERGIO CASTELLITTO QUANDO SI È INVENTATO “DIASPORA DEGLI ARTISTI IN GUERRA”. AL CENTRO DELL’EVENTO, FINANZIATO DAL PNRR, BRILLA IL LONGANESIANO “TENGO FAMIGLIA”: LA SCRITTRICE MARGARET MAZZANTINI, MOGLIE DI CASTELLITTO, CONVERSERÀ CON DAVID GROSSMAN – A SANGIULIANO, CUI DIPENDE IL CSC, PARE OPPORTUNO CHE TRA TANTI LETTERATI IN CIRCOLAZIONE, SI VA A SCEGLIERE LA PROPRIA CONIUGE? 

STREGA CONTRO STREGA – SOSPINTA DAI QUEI SALOTTI ROMANI ALL’INSEGNA DELLA ‘’FROCIAGGINE’’, COME DIREBBE IL PAPA, CHIARA VALERIO STA INSEGUENDO LA FAVORITISSIMA DONATELLA DI PIETRANTONIO - ALL’INIZIO LA VALERIO SOSTENEVA CHE LEI MAI E POI MAI AVREBBE PARTECIPATO ALLO STREGA E CHE CON IL SUO ROMANZO AMBIVA AL PREMIO CAMPIELLO. INVECE, MISTERO DEI MISTERI, AL CAMPIELLO PRESIEDUTO DA VELTRONI IL NOME VALERIO NON È MAI APPARSO TRA I CANDIDATI. COME MAI? UN DISSAPORE CON VELTRONI DA PARTE DI CHIARA MOLTO LEGATA A ELLY SCHLEIN CHE NON AMA WALTER-EGO? AH, SAPERLO…