NUN TE REGGAE PIÙ - LA BAND REGGAE SVIZZERA "LAUWARM" VIENE CACCIATA DA UN LOCALE A BERNA DURANTE UN CONCERTO PERCHÉ ACCUSATA DI "APPROPRIAZIONE CULTURALE" - I MEMBRI DEL GRUPPO, TUTTI BIANCHI, SAREBBERO "COLPEVOLI" DI PORTARE I DREADLOCK E INDOSSARE VESTITI MULTICOLORE AFRICANI - IL CASO HA FATTO SCOPPIARE UNA POLEMICA NEL PAESE, CON IL PARTITO SVIZZERO NAZIONALISTA E CONSERVATORE CHE HA PRESO LE DIFESE DEI MUSICISTI: "DISCRIMINATI PERCHÉ BIANCHI…"

-

Condividi questo articolo


Daniel Mosseri per “il Giornale”

 

Lauwarm Lauwarm

Il concetto si è sviluppato negli ambienti accademici statunitensi impegnati a lottare contro il razzismo, e ha presto preso piede in Europa. Si chiama «appropriazione culturale» e, secondo l'Oxford Dictionary si traduce con «l'adozione involontaria o inappropriata dei costumi, delle pratiche, delle idee di un popolo o di una società da parte di un'altra persona o società tipicamente più dominante».

 

Un esempio eclatante: durante la campagna per la sua rielezione nel 2021 il primo ministro canadese Justin Trudeau si scusò dopo che erano state fatte circolare in rete alcune sue foto, studente a una festa universitaria dal tema «Arabian Nights», con un turbante in testa e il volto dipinto di nero.

Lauwarm Lauwarm

 

«Sono profondamente dispiaciuto e chiedo scusa», affermò Trudeau, poi rieletto. Il capo del governo di Ottawa ammise anche di aver cantato al liceo la famosa Banana-song («Day O.») di Harry Belafonte, sempre con il volto dipinto di nero. Come tante definizioni, però, anche quella della «cultural appropriation» è sfuggita di mano a chi l'ha messa per iscritto.

 

Lauwarm Lauwarm

Dal Canada si passa così a Berna. Qua, riferisce il Corriere del Ticino, lo scorso 18 luglio la band Lauwarm si stava esibendo in un ristorante cittadino. I Lauwarm sono cinque ragazzi elvetici, tutti bianchi, e il loro repertorio è principalmente reggae, il genere giamaicano reso famoso da Bob Marley. Durante l'esibizione nel bar-ristorante sono partiti i fischi: la contestazione da parte di un gruppo di avventori è cresciuta e il gruppo ha dovuto interrompere lo show.

 

I cinque ragazzi sono stati accusati di appropriazione culturale perché due di loro hanno in testa i dreadlocks, ossia i capelli annodati in lunghe trecce così come li portano i rastafariani giamaicani (e con loro anche milioni di induisti, e altri popoli del mondo fra cui i guerrieri Masai in Kenya e Tanzania e molti aborigeni australiani). Aggravante: i due musicisti della band elvetica indossavano anche vestiti multicolore di foggia africana. Davanti alle proteste, la Brasserie Lorraine ha cancellato la performance scusandosi con chi si fosse sentito a disagio durante il concerto.

 

Lauwarm Lauwarm

Le proteste contro i Lauwarm sono presto uscite dal Brasserie Lorraine di Berna. Per primi si sono scatenati i social. Su Facebook molti utenti si sono chiesti se adesso sia necessario essere giamaicani per suonare il reggae, se i contestatori fossero al corrente che il papà di Bob Marley era un uomo bianco o se abbia senso importare in Svizzera l'Oktoberfest che invece dovrebbe essere relegato in Baviera.

 

Il passo successivo è stato l'intervento dei giovani della Udc, partito svizzero nazionalista e conservatore che, riferisce ancora il CdT, «ha presentato una denuncia contro il ristorante-bar storicamente di sinistra, per violazione della legge antirazzismo». L'interruzione del concerto, ha scritto il presidente dei giovani Udc Nils Fiechter, «è l'unica cosa razzista veramente accaduta nella Brasserie Lorraine: i membri della band sono stati discriminati perché bianchi».

Lauwarm Lauwarm

 

Ai contestatori del ristorante forse non farà piacere apprendere che i calciatori della Premier League non si inginocchieranno più prima delle partite in segno di solidarietà verso il movimento «BlackLivesMatter» e contro il razzismo. La decisione è stata annunciata da Londra al termine di una riunione con i capitani delle 20 squadre del campionato. La ragione? «Non si vuole rischiare di inflazionare un messaggio che, invece, è ricco di significato».

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

AGENTI DELL'FBI HANNO FATTO VISITA NELLA RESIDENZA DI TRUMP IN FLORIDA GIA’ LO SCORSO APRILE. SECONDO LA “CNN” IN QUELL'OCCASIONE INCONTRARONO DUE AVVOCATI DEL TYCOON –L’ARCINEMICA NANCY PELOSI GONGOLA VELENOSA: “NESSUNO È AL DI SOPRA DELLA LEGGE, NEANCHE UN EX PRESIDENTE” – IL FIGLIO ERIC: “SONO STATO IO AD AVVERTIRE MIO PADRE SUL RAID. ERANO UNA TRENTINA, FORSE DI PIÙ. NON VOGLIONO CHE MIO PADRE VINCA ANCORA NEL 2024” – A QUESTO PUNTO THE DONALD RISCHIA DI NON POTERSI RICANDIDARE PERCHE’…

business

TEMPI DURI PER SOFTBANK – IL COLOSSO GIAPPONESE NAVIGA DI NUOVO IN ACQUE BURRASCOSE: NEL SECONDO TRIMESTRE DEL 2022 HA BRUCIATO 23 MILIARDI DI EURO E IL VALORE DEGLI INVESTIMENTI È CROLLATO – LA SOCIETÀ INCOLPA L’INFLAZIONE, MA IL PROBLEMA È PIÙ AMPIO: A ESSERE COLPITO MAGGIORMENTE È IL “VISION FUND”, IL FONDO CHE INVESTE IN TECNOLOGIA E STARTUP. LA CINA HA VARATO UNA STRETTA SU BIG TECH E LE VALUTAZIONI, GONFIATE PER ANNI, INIZIANO A MOSTRARE QUALCHE CREPA. INSOMMA, LA BOLLA STA PER SCOPPIARE…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute