NUOVO COLPO DI SCENA NELLA TELENOVELA CHE VEDE PROTAGONISTA VITTORIO SGARBI E IL QUADRO "IL GIARDINO DELLE FATE" DI VITTORIO ZECCHIN - LA GUARDIA DI FINANZA VUOLE CAPIRE PERCHE', NEL 2020, IL MINISTERO DELLA CULTURA AVEVA MANIFESTATO L’INTERESSE AD ESERCITARE IL DIRITTO DI PRELAZIONE SULLA TELA, DOPO L’ACQUISTO DA PARTE DELLA COMPAGNA DEL "CRITICO D'URTO", MA POI, NON L'HA ESERCITATO - L'EX SOTTOSEGRETARIO ALLA CULTURA, ALL’EPOCA NON AVEVA INCARICHI AL MINISTERO, NON È INDAGATO. MA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Giuseppe Scarpa per www.repubblica.it

 

vittorio sgarbi vittorio sgarbi

Il quadro è “Il giardino delle fate” di Vittorio Zecchin che tanti dispiaceri ha dato all’ormai ex sottosegretario alla Cultura Vittorio Sgarbi che, per il suo acquisto, è indagato per reati fiscali. Ma questa vicenda è conosciuta. La novità, che riguarda lo stesso dipinto, è un’altra ed è un caso spinoso che tira in ballo anche la condotta del Ministero della Cultura.

 

Il Mibac, infatti, aveva manifestato l’interesse ad esercitare il diritto di prelazione sulla tela, in quanto bene vincolato, dopo l’acquisto all’asta dell’opera da parte di Sabrina Colle, compagna di Sgarbi, ma poi, improvvisamente, stabilì di non affondare il colpo. […] Adesso la procura e la guardia di finanza vogliono vederci chiaro. […] Cosa o chi fece cambiare idea ai Beni Culturali nell’autunno del 2020?

 

il giardino delle fate il giardino delle fate

Sia chiaro, Sgarbi che all’epoca non aveva incarichi al Ministero, non è indagato. Ma occorre raccontare l’intera inchiesta dall’inizio per comprenderne al meglio questa nuova costola.

 

I pm Mario Dovinola e Francesco Saverio Musolino accusano il critico d’arte di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, per un totale di 700 mila euro. […] Nell’ottobre 2020, Sabrina Colle si aggiudica la tela in un’asta. Tuttavia Colle avrebbe agito — secondo il nucleo di polizia economico finanziaria della guardia di finanza di Roma — per conto di Sgarbi. Tutto ciò per aggirare il fisco. L’ex sottosegretario aveva una serie di debiti con l’erario e avrebbe preferito non intestarsi il dipinto, questa la tesi. Perciò, per la procura, il reale acquirente era il politico.

vittorio sgarbi sabrina colle vittorio sgarbi sabrina colle

 

Questa, come si diceva, è la prima inchiesta conosciuta. […] Ma cosa accadde tre anni fa dopo l’acquisto del dipinto da parte della compagna di Sgarbi? La prima stranezza. La casa d’aste, dopo la vendita, comunicò tardivamente al Ministero la cessione a Colle. Successivamente, però, avvenne qualcosa di molto più singolare. Sebbene l’informazione della vendita della tela fosse avvenuta in tempi non così brevi, alla fine, i Beni Culturali vennero avvisati. A questo punto dal Ministero, come spesso accade, avevano una doppia scelta: esercitare la prelazione o non esercitarla. Stop.

 

Il Mic valutò seriamente il riscatto dell’opera: per questo esercitò una manifestazione d’interesse. La tela era stata venduta ad un prezzo ragionevole, perciò, il Ministero era orientato a comprarla.

 

VITTORIO SGARBI VITTORIO SGARBI

Ma è qui che accade l’imponderabile, e su questa manifestazione che, a un certo punto, sulla strada Roma.Torino (città in cui era stato venduto il quadro) tutto si perde. A questa iniziale volontà dello Stato non è stato dato seguito nulla. Niente. E per quale motivo? Non è affatto chiaro, ma pm e finanza adesso lo vogliono capire.

ARTICOLI CORRELATI

vittorio sgarbi sabrina colle foto di bacco vittorio sgarbi sabrina colle foto di bacco vittorio sgarbi foto di bacco (5) vittorio sgarbi foto di bacco (5) vittorio sgarbi foto di bacco (4) vittorio sgarbi foto di bacco (4) vittorio sgarbi foto di bacco(3) vittorio sgarbi foto di bacco(3) vittorio sgarbi foto di bacco (2) vittorio sgarbi foto di bacco (2) tweet su vittorio sgarbi 2 tweet su vittorio sgarbi 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…