OCCIDENTE, SVEGLIATI: AUTOFLAGELLARSI E' DA COJONI - L'UNIVERSITA' DI HARVARD HA STANZIATO 100 MILIONI DI DOLLARI PER STUDIARE I SUOI LEGAMI CON LA SCHIAVITU' ED ESPIARE, ALMENO IN PARTE, LE SUE COLPE - IL FINANZIAMENTO E' STATO ANNUNCIATO DURANTE LA PRESENTAZIONE DI UN NUOVO RAPPORTO CHE DESCRIVE IN DETTAGLIO I MOLTI MODI IN CUI IL COLLEGE HA BENEFICIATO DEGLI SCHIAVI E DELLA DISUGUAGLIANZA RAZZIALE PERPETUATA...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Seattle Times

 

Harvard 4 Harvard 4

L'Università di Harvard ha promesso di spendere 100 milioni di dollari per studiare ed espiare i suoi ampi legami con la schiavitù. Lo ha annunciato martedì il presidente della scuola. L’intenzione è quella di identificare e sostenere i discendenti delle persone ridotte in schiavitù che hanno lavorato nel campus della Ivy League.

 

Il presidente Lawrence Bacow ha annunciato il finanziamento presentando un nuovo rapporto stilato dalla prestigiosa università che descrive in dettaglio i molti modi in cui il college ha beneficiato della schiavitù e della disuguaglianza razziale perpetuata. Ma il rapporto si limita a raccomandare riparazioni finanziarie dirette e i funzionari non hanno piani immediati per quel tipo di sostegno.

 

Harvard 3 Harvard 3

Harvard, il college più antico e ricco della nazione, è l'ultimo di un numero crescente di scuole statunitensi che tentano di affrontare il loro coinvolgimento con la schiavitù e anche di fare ammenda.

 

Il rapporto, commissionato da Bacow, ha rilevato che, dall’anno della sua fondazione, nel 1636 e fino al 1783, il personale e i dirigenti di Harvard hanno ridotto in schiavitù più di 70 neri e nativi americani. Avverte che la cifra è «quasi certamente una cifra insufficiente». Utilizzando i documenti storici, i ricercatori sono stati in grado di identificare per nome dozzine di persone ridotte in schiavitù, insieme al loro legame con l'università.

 

Harvard 2 Harvard 2

La maggior parte sono stati identificati solo da un unico nome, come Cesar, Dina e Venere.

 

«Uomini e donne ridotti in schiavitù servivano presidenti e professori di Harvard e nutrivano e si prendevano cura degli studenti di Harvard», hanno scoperto i ricercatori. «Inoltre, durante questo periodo e fino al 19° secolo, l'Università e i suoi donatori hanno beneficiato di ampi legami finanziari con la schiavitù».

 

Harvard Harvard

Il rapporto afferma che l'università «dovrebbe assumere un impegno monetario significativo e dovrebbe investire in rimedi di ampiezza uguale o maggiore rispetto ad altre università». Bacow ha affermato che Harvard tenterà di riparare i suoi torti attraverso «l'insegnamento, la ricerca e il servizio». Sta creando un comitato per attuare i suggerimenti del rapporto.

 

Basandosi su precedenti ricerche ad Harvard, il rapporto descrive in dettaglio come l'università sia dipesa dalla tratta degli schiavi nei suoi primi anni e ne abbia tratto profitto per decenni.

 

harvard harvard

Harvard ha investito direttamente nel commercio di zucchero e rum nei Caraibi, insieme alle industrie del cotone e delle ferrovie statunitensi. La prima crescita del college è avvenuta per il sostegno di ricchi donatori che hanno accumulato le loro fortune attraverso la tratta degli schiavi e le industrie che facevano affidamento su di essa.

 

Insieme alle 70 persone che sono state ridotte in schiavitù, il rapporto elenca anche i loro schiavisti - inclusi diversi presidenti di Harvard e funzionari di alto rango - e gli edifici del campus, le stanze e le cattedre che portano ancora il loro nome.

 

harvard 2 harvard 2

Anche dopo l'abolizione della schiavitù, afferma il rapporto, eminenti studiosi hanno continuato a promuovere concetti che alimentavano idee razziste. Cita il lavoro del professor Louis Agassiz del XIX secolo, che ha spinto teorie screditate sulla "scienza della razza" e sull'eugenetica. Un altro studioso ha condotto un programma di "educazione fisica" che ha raccolto le misurazioni fisiche degli studenti per supportare la ricerca che fa avanzare le teorie eugenetiche.

 

Nel suo messaggio, Bacow ha definito i risultati «inquietanti e scioccanti» e ha riconosciuto che la scuola «perpetrava pratiche profondamente immorali». «Di conseguenza, credo che abbiamo la responsabilità morale di fare il possibile per affrontare i persistenti effetti corrosivi di quelle pratiche storiche sugli individui, su Harvard e sulla nostra società», ha scritto.

 

il campus dell'universita' di harvard il campus dell'universita' di harvard

Il rapporto di 130 pagine includeva una serie di raccomandazioni approvate da Bacow. I 100 milioni di dollari saranno utilizzati per portare a termine il lavoro, con alcuni fondi da mettere a disposizione ora e altri da trattenere in una dotazione. L'università stessa ha una dotazione di oltre 50 miliardi di dollari, la più grande della nazione.

 

Il rapporto afferma che Harvard dovrebbe identificare i discendenti delle persone ridotte in schiavitù e impegnarsi con loro «attraverso il dialogo, la programmazione, la condivisione di informazioni, la costruzione di relazioni e il supporto educativo».

 

«Attraverso tali sforzi, questi discendenti possono recuperare le loro storie, raccontare le loro storie e perseguire la conoscenza potenziante», afferma il rapporto.

 

universita' di harvard universita' di harvard

Più in generale, esorta Harvard a combattere la disuguaglianza razziale ampliando le opzioni di istruzione per i discendenti delle persone ridotte in schiavitù, specialmente nel sud e nei Caraibi. Invita l'università a lavorare a stretto contatto con i college storicamente neri in tutto il paese, con nuovi finanziamenti per portare studenti e studiosi ad Harvard per un massimo di un anno alla volta.

 

E riconoscendo la riduzione in schiavitù dei nativi americani, invita Harvard a costruire legami più stretti con le tribù del New England. Harvard dovrebbe reclutare più studenti dalle comunità tribali, afferma il rapporto, e organizzare una conferenza nazionale che promuova la ricerca sulla riduzione in schiavitù degli indigeni.

 

studenti di harvard 1 studenti di harvard 1

Accettando le raccomandazioni, Harvard si unisce a un numero crescente di college che tentano di passare dalla ricerca all'azione mentre si riconciliano con le loro storie.

 

La Georgetown University nel 2019 ha promesso di raccogliere 400.000 dollari all'anno per i discendenti degli schiavi venduti dalla scuola. Il seminario teologico di Princeton ha creato una dotazione riparativa di 27,6 milioni di dollari. L'Università della Virginia ha istituito borse di studio per i discendenti degli schiavi.

 

Harvard ha iniziato formalmente a esplorare i suoi legami con la schiavitù nel 2016, quando l'ex presidente Drew Gilpin Faust ha riconosciuto che la scuola era «direttamente complice del sistema americano di schiavitù razziale». Faust organizzò un comitato per studiare l'argomento e fece installare una targa nel campus in onore delle persone ridotte in schiavitù che vi lavoravano.

 

studenti di harvard studenti di harvard

Gli attivisti studenteschi hanno fatto luce sulle storie più oscure di Harvard per anni. Nel 2015, gli studenti hanno chiesto alla Harvard Law School di abbandonare il suo stemma ufficiale, che era legato a un donatore del 18° secolo la cui famiglia ha ridotto in schiavitù dozzine di persone. Mesi dopo, la scuola ha ritirato il simbolo.

 

Subito dopo essere diventato presidente, Bacow ha istituito una nuova iniziativa presidenziale su Harvard e l'eredità della schiavitù per approfondire il ruolo dell'università. Questo sforzo ha portato alla nuova relazione.

 

Harvard University Harvard University

«L'Harvard che ho conosciuto, sebbene tutt'altro che perfetto, ha sempre cercato di essere migliore - di portare la nostra esperienza vissuta sempre più vicino ai nostri alti ideali», ha scritto Bacow. «Nel pubblicare questo rapporto e impegnarci a seguire le sue raccomandazioni, continuiamo una lunga tradizione nell'abbracciare le sfide che abbiamo davanti».

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

I RELIGIOSI VADANO A PREGARE, SUI SOLDI MEGLIO I LAICI – PAPA FRANCESCO NOMINA PREFETTO DELLA SEGRETERIA PER L'ECONOMIA IL MANAGER MAXIMINO CABALLERO LEDO - È IL SECONDO LAICO CHE PRENDE LA GUIDA DI UN MINISTERO DELLA SANTA SEDE - LA SEGRETERIA, NATA NEL 2014, DOPO LA CONTROVERSA GESTIONE DEL CARDINALE GEORGE PELL, HA INTRODOTTO NOVITA’ COME IL CODICE DEGLI APPALTI, LA GESTIONE DELLE "MATERIE RISERVATE", IL NUOVO CODICE PER GLI INVESTIMENTI FINANZIARI, L'ACCENTRAMENTO DELLE RISORSE DELLA SANTA SEDE (CIRCA 2 MILIARDI) NELL'APSA (E AFFIDATE IN GESTIONE ALLO IOR)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute