IL PASTICCIACCIO MELONIANO ALL’AGENZIA PER IL FARMACO - SI FA DA PARTE VINCENZO LOZUPONE, DA POCO NOMINATO DAL SUO AMICO E SOTTOSEGRETARIO ALLA SALUTE DI FDI, MARCELLO GEMMATO, NELLA COMMISSIONE SCIENTIFICA ED ECONOMICA DELL’AIFA – LA SCELTA ERA STATA CRITICATA PERCHÉ IL CURRICULUM DI LOPUNZONE, TITOLARE DI UNA FARMACIA A BARI, ERA APPARSO INADATTO AL RUOLO. AL SUO POSTO UNA FUNZIONARIA DEL MINISTERO DELLA SALUTE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Michele Bocci per www.repubblica.it

 

Vincenzo Lozupone Vincenzo Lozupone

Vincenzo Lozupone ha detto no. Con l’apertura dell’attività della Commissione scientifica ed economica di Aifa, a fine marzo, si è chiusa (almeno per ora) la carriera pubblica del farmacista di Bari, amico del sottosegretario Marcello Gemmato, che a sorpresa era stato scelto per l’organismo regolatorio appena rinnovato e si era detto “pronto a ricoprire l’incarico”.

 

La nomina è stata una delle tante con le quali il centrodestra al governo sta occupando il mondo della sanità, spesso tenendo in poco conto le competenze del prescelto per il determinato ruolo (cosa avvenuta in modo eclatante nel caso specifico).

 

marcello gemmato giorgia meloni marcello gemmato giorgia meloni

L’Agenzia del farmaco, dopo un lavoro durato mesi, è stata riformata e Lozupone, titolare di farmacia nel capoluogo pugliese, aveva ricevuto una nomina per la quale ai più era subito apparso inadatto e che sembrava esclusivamente legata ai suoi rapporti con il sottosegretario ed esponente di spicco di Fdi.

 

In effetti si deve essere reso conto anche lui, quando sono iniziate ad arrivargli le carte di Aifa in vista della prima riunione, di non essere in grado di ricoprire il ruolo, così si è fatto da parte e non si è presentato al primo incontro, dove gli altri nove membri hanno posato per la foto di rito. […]

 

Vincenzo Lozupone Vincenzo Lozupone

Visto che il farmacista era stato nominato dal ministero, come detto dal sottosegretario pugliese nello specifico, verrà sostituito sempre da una figura scelta allo stesso modo. Il nome è quello di Bruna Vinci, farmacista formatasi a Pisa, ha lavorato nella spa delle Farmacie comunali. Di recente è passata al ministero alla Salute e viene anche lei considerata una figura vicina a quella di Gemmato, il cui peso all’interno di Aifa è importantissimo […]

 

Aifa dunque accoglie il nuovo presidente, Robert Giovanni Nisticò nominato dopo l’uscita poco serena di Giorgio Palù, con una commissione leggermente rinnovata. E anche con una presa di posizione critica delle Regioni sulla prima presa di posizione dell’agenzia.

 

Come previsto in Finanziaria alcuni farmaci per il diabete sono passati dalla distribuzione cosiddetta “per conto” (cioè dopo essere acquistati dalle Asl venivano consegnati ai pazienti alle farmacie) alla classe A (cioè diventano come gli altri medicinali, acquistati direttamente dai farmacisti poi rimborsati dallo Stato).

marcello gemmato giorgia meloni marcello gemmato giorgia meloni

 

La manovra, che secondo il suo grande sponsor Gemmato, dovrebbe essere a costo zero per il servizio pubblico e migliorare il servizio ai cittadini, secondo le Regioni, che hanno mandato una lettera sul tema, rischia di far spendere invece di più allo Stato.

Marcello Gemmato Marcello Gemmato Marcello Gemmato Marcello Gemmato

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – RISIKO BESTIALE A BRUXELLES! URSULA VON DER LEYEN, NONOSTANTE I VETI DEL TRIO TUSK-MACRON-SCHOLZ, S’ALLISCIA LA MELONI PER BLOCCARE I FRANCHI TIRATORI TRA POPOLARI E SOCIALISTI. MA L’INCIUCIONE SARÀ RIVELATO DOPO IL VOTO: SE L’ITALIA INCASSERÀ UN COMMISSARIO DI PESO, FRATELLI D’ITALIA SI SARÀ APPECORONATO ALLA COFANA TEDESCA (E ALLORA SÌ CHE SALVINI E LE PEN INIZIERANNO A CECCHINARE LA “TRADITRICE” GIORGIA) – OCCHIO A MACRON: ANCHE SE INDEBOLITO PER L’AVANZATA DELLE DESTRE IN FRANCIA, DA “ANIMALE FERITO” PUÒ DIVENTARE UNA MINA VAGANTE

FLASH! - COSA PUOI FARE PER DENUNCIARE LE GUERRE NEL MONDO? PER NON SBAGLIARE, VAI A CASA E ARRUOLA TUA MOGLIE! - È QUELLO CHE DEVE AVER PENSATO IL PRESIDENTE DEL CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA SERGIO CASTELLITTO QUANDO SI È INVENTATO “DIASPORA DEGLI ARTISTI IN GUERRA”. AL CENTRO DELL’EVENTO, FINANZIATO DAL PNRR, BRILLA IL LONGANESIANO “TENGO FAMIGLIA”: LA SCRITTRICE MARGARET MAZZANTINI, MOGLIE DI CASTELLITTO, CONVERSERÀ CON DAVID GROSSMAN – A SANGIULIANO, CUI DIPENDE IL CSC, PARE OPPORTUNO CHE TRA TANTI LETTERATI IN CIRCOLAZIONE, SI VA A SCEGLIERE LA PROPRIA CONIUGE? 

STREGA CONTRO STREGA – SOSPINTA DAI QUEI SALOTTI ROMANI ALL’INSEGNA DELLA ‘’FROCIAGGINE’’, COME DIREBBE IL PAPA, CHIARA VALERIO STA INSEGUENDO LA FAVORITISSIMA DONATELLA DI PIETRANTONIO - ALL’INIZIO LA VALERIO SOSTENEVA CHE LEI MAI E POI MAI AVREBBE PARTECIPATO ALLO STREGA E CHE CON IL SUO ROMANZO AMBIVA AL PREMIO CAMPIELLO. INVECE, MISTERO DEI MISTERI, AL CAMPIELLO PRESIEDUTO DA VELTRONI IL NOME VALERIO NON È MAI APPARSO TRA I CANDIDATI. COME MAI? UN DISSAPORE CON VELTRONI DA PARTE DI CHIARA MOLTO LEGATA A ELLY SCHLEIN CHE NON AMA WALTER-EGO? AH, SAPERLO…