PICCHIARE DAVANTI AD ALTRI BAMBINI NON È POI COSÌ GRAVE - SCONTO DI PENA PER LA MAESTRA DI 67 ANNI CONDANNATA IN PRIMO GRADO A 1 ANNO E 10 MESI DI CARCERE: IN APPELLO SI È PRESA 1 ANNO E 4 MESI PERCHÉ SECONDO LA CASSAZIONE NON È UN'AGGRAVANTE COMMETTERE MALTRATTAMENTI ALLA PRESENZA DI ALTRI MINORI - UN STORIA DI VIOLENZA, MA ANCHE DI "BURNOUT", LA SINDROME DA ECCESSIVO STRESS...

-

Condividi questo articolo


Andrea Ossino per “la Repubblica - Edizione Roma

 

scuola materna io scarabocchio scuola materna io scarabocchio

Scatoloni tirati sui volti di bambini che avevano appena compiuto quattro anni. E poi strattoni, capelli strappati e violenze ai danni dei piccoli alunni della scuola materna "lo Scarabocchio", di Fiumicino. La maestra ieri è stata condannata in Appello a scontare 1 anno e 4 mesi di reclusione, una sentenza più mite rispetto a quella pronunciata in primo grado, al termine del rito abbreviato: un anno e dieci mesi di carcere.

 

maltrattamenti nella scuola materna di fiumicino maltrattamenti nella scuola materna di fiumicino

Grazie a una recente pronuncia della Cassazione è infatti caduta l'aggravante dell'avere commesso maltrattamenti alla presenza di altri minori. Quella venuta alla luce nel 2017, con l'arresto dell'insegnante di 67 anni, è una vicenda che racconta l'incubo vissuto dai piccoli studenti e allo stesso tempo il fenomeno del burnout, la sindrome stressogena che riguarda lavoratori impegnati in relazioni interpersonali.

 

scuola materna scuola materna

Così un'insegnante con più di 25 anni di servizio si è accanita con i bimbi che le sono stati affidati. E adesso è stata condannata. «Siamo soddisfatti da un punto di vista processuale - commenta l'avvocato di parte civile, Sebastiano Russo - tuttavia la vittoria di ieri ha comunque per noi un sapore amaro, data la consapevolezza dei traumi inflitti a dei bambini di poco più di 4 anni».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE ANCHE URSULA VON DER LEYEN – LA MELONI È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DALLA REAZIONE DI SALVINI, PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI, E DAL SUO ELETTORATO EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…