PIPPAROLI D’OLTRALPE IN ALLARME: LA FRANCIA DICHIARA GUERRA AI SITI PORNO - IL GOVERNO CASTEX HA SCRITTO UN PROVVEDIMENTO PER RENDERE INACCESSIBILE I SITI HOT AI MINORENNI, MA SI RISCHIA LA CHIUSURA GENERALIZZATA - CON IL NUOVO DECRETO BASTERÀ CHE UN GENITORE SEGNALI LA MANCANZA DI “BLOCCHI” PER I MINORENNI PER FAR SCATTARE LA CONTROMOSSA: IL SITO HA QUINDICI GIORNI PER ADEGUARSI. IN CASO CONTRARIO SCATTERÀ UNA DENUNCIA PENALE E IL BLOCCO DELL’INDIRIZZO IP…

-

Condividi questo articolo


Alessandro Imperiali per "www.ilgiornale.it"

 

Pornhub Pornhub

Il governo presieduto da Jean Castex attraverso un decreto sta cercando di limitare e bloccare l'accesso dei minorenni ai siti pornografici in Francia. Ovviamente non è così semplice verificare effettivamente che la persona dietro lo schermo abbia più di 18 anni e non sia un minorenne che dichiara di aver la maggiore età. Ancor di più, è difficile fare tutti i controlli del caso senza violare le regole sulla privacy.

 

Per questo motivo il governo Castex ha scritto il provvedimento seguendo le linee guida del Cas, il Comitato superiore dell'audiovisivo. Le indicazioni sono quelle per bloccare gli accessi e impedire soprattutto che venga diffusa della pedopornografia.

 

jean castex jean castex

Entrando nello specifico, il decreto è composto da sei articoli e permette al Comitato di rendere inaccessibile su tutta la Francia un sito pornografico che permette la fruizione ai minori. La questione più spinosa però riguarda il come il sito eviterà che un minorenne acceda per vedere i suoi contenuti. La semplice domanda: "Hai più di 18 anni?" non basta. Difficile, se non addirittura impossibile, che un ragazzino affermi di avere meno di 18 anni se basta un semplice click sulla risposta "sì" e non c'è nessuna verifica ulteriore. 

 

pornhub censored pornhub censored

Come riporta La Nazione, sono diverse le volte in cui questo è accaduto, ad esempio si ricordano le dichiarazioni mendaci di minori per entrare al cinema per film vietati. O più semplicemente quando la sera escono con i propri amici e bevono qualcosa di alcolico. Non potrebbero farlo ma se al bar nessuno chiede loro il documento e il controllo si limita alla domanda scritta sopra di certo non sarà il minore a dire di non poterlo fare.

Pornhub Pornhub

 

Inoltre, se il semplice interrogativo "hai più di 18 anni" non va bene, si rischia una chiusura generalizzata che potrebbe coinvolgere tutti i siti specializzati in contenuti per adulti. Sotto la lente d'ingrandimento i domini di Pornhub e Youporn.

 

Come si arriva alla chiusura

Il rischio però è che si arrivi a una censura indiscriminata. Con il nuovo decreto l'operazione inizia quando un genitore o delle associazioni in difesa dei minori e delle famiglie segnala la mancata prevenzione. Così prende forma l'iter: il Comitato accerta la veridicità della segnalazione e il sito viene diffidato. Questo avrà quindici giorni per realizzare delle contromisure. Qualora tutto ciò non accade, il responsabile legale riceverà una denuncia penale per "attentato alla persona" con pena massima di 3 anni e 75mila euro di multa. Oltre, ovviamente, al blocco dell'indirizzo Ip.

jean castex jean castex

 

Nel caso in cui tutto ciò accadesse davvero, l'utente che naviga su internet troverebbe, al posto del classico sito, una pagina web redatta dal Cas dove viene spiegato il motivo per cui non è più possibile connettersi con esso.

 

Concretamente però è praticamente impossibile che tutto ciò accada davvero. Sono troppi gli ostacoli, in particolare sulla privacy, che non permetteranno che tutto ciò si realizzi. Chiedere un documento per entrare in un dominio sapendo che ci sono migliaia di società che hanno come sede Paesi che permettono di inviare ogni tipo di sollecitazione pubblicitaria qualora si riesca ad entrare in possesso dei dati sensibili dell'utente, non rispecchia la realtà dei fatti.

mia khalifa college mia khalifa college

 

Forse, piuttosto che i decreti, basterebbe semplicemente un genitore, o chi per lui, presente e in grado di spiegare cosa sarebbe meglio fare o non fare.

pornhub pornhub pornhub pornhub Pornhub Pornhub foto adolescenti pornhub foto adolescenti pornhub jean castex jean castex jean castex 5 jean castex 5 pornhub 1 pornhub 1

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

AIUTO! SONO IN ARRIVO LE “NUOVE KARDASHIAN” – CHARLI D’AMELIO È LA “TIKTOKER” PIÙ SEGUITA AL MONDO, CON 170 MILIONI DI “FOLLOWERS” E INSIEME ALLA SORELLA DIXIE, ANCHE LEI NELLA TOP TEN DEI “TIKTOKERS” PIÙ FAMOSI, SONO LE PROTAGONISTE DI UN REALITY SU DISNEY+ CHE RACCONTA LE LORO VITE PRIVATE – “IN TV NON NASCONDIAMO LE CRISI D’ANSIA, DOBBIAMO ANCORA FARE L'ABITUDINE A TUTTA QUESTA POPOLARITÀ” – MA INSIEME AGLI AMMIRATORI ARRIVANO ANCHE GLI “HATERS”

politica

COSI' NON SI PASS - SALLUSTI "AVVISA" SALVINI E MELONI DOPO IL FLOP DELLE PROTESTE NO PASS: “MI AUGURO CHE ANCHE GLI ESPONENTI DI CENTRODESTRA CHE IN QUESTI MESI HANNO STRIZZATO L'OCCHIO AI NO PASS PRENDANO ATTO CHE GLI ITALIANI LA PENSANO DIVERSAMENTE - SOGNO UN CENTRODESTRA CHE SI CANDIDI A GOVERNARE IL PAESE, NON UNO CHE SI METTE ALLA TESTA DI UNA MINORANZA NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI IMPAURITA MA PIÙ PROBABILMENTE IGNORANTE, OSTILE ALLA SCIENZA E IN CERCA DI UN RUOLO CHE ALTRIMENTI NON AVREBBE”

business

cronache

GIOVANNA BODA, INDAGATA PER CORRUZIONE, ERA CANDIDATA A DIVENTARE MINISTRO DELL'ISTRUZIONE CON L'APPOGGIO DEL QUIRINALE E DI MARIA ELENA BOSCHI, ALLA CUI COGNATA STAVA CERCANDO UN POSTO DI LAVORO - “LA VERITÀ”: “QUALCUNO AI VERTICI DELLA PROCURA O DELLA FINANZA HA AVVERTITO CHI DI DOVERE CHE QUALCUNO STAVA CANDIDANDO A MINISTRO UN'INDAGATA PER CORRUZIONE, INTERCETTATA E A RISCHIO DI ARRESTO? FONTI SMENTISCONO QUESTA SECONDA IPOTESI. LA VICENDA DIFFICILMENTE SARÀ CHIARITA, ANCHE PERCHÉ SU DI ESSA È CALATO IL SILENZIO…”

sport

cafonal

viaggi

salute

“UNA CURA PER IL COVID C'È GIÀ E SI PUÒ USARE DA SUBITO” - GIUSEPPE REMUZZI, DIRETTORE DELL'ISTITUTO MARIO NEGRI: “IL NOSTRO TRATTAMENTO CON ANTINFIAMMATORI RIDUCE LE OSPEDALIZZAZIONI DEL 90%. GLI STUDI SONO PUBBLICATI, I MEDICI POSSONO APPLICARLI A PRESCINDERE DALLE LINEE GUIDA. LE EVIDENZE A FAVORE DEGLI ANTINFIAMMATORI COMINCIANO A ESSERE TANTE ANCHE SE NON GIUSTIFICANO ANCORA IL CAMBIO DELLE RACCOMANDAZIONI DA PARTE DI AIFA. L'UNICO SCETTICO CHE ABBIAMO INCONTRATO? UN ITALIANO…”