LA PIZZA TE LA DO IN FACCIA – UN CAMIONISTA PESTA A SANGUE UNA BRASILIANA DI 47 ANNI "COLPEVOLE" DI AVER ORDINATO UNA PIZZA IN ITALIANO E NON IN FRIULANO: "DEVI PARLARE IL NOSTRO DIALETTO PER LEGGE" – IL GESTO FOLLE È AVVENUTO IN UN LOCALE IN PROVINCIA DI PORDENONE DOVE LA DONNA ERA ANDATA CON I FIGLI PER PORTARE VIA DELLE PIZZE: L’UOMO L’HA SPINTONATA, L’HA COLPITA AL VOLTO E…

-

Condividi questo articolo

Da "www.ilmessaggero.it"

 

AGGRESSIONE  AGGRESSIONE 

Pestata in un locale pubblico perché non parla friulano. Accade fuori da una pizzeria da asporto, a Mereto di Tomba. La donna, brasiliana, 47 anni, residente a Cavasso Nuovo nel Pordenonese, era entrata nel locale insieme ai figli, per ordinare delle pizze da portare a casa. 

 

Ha chiesto le pizze in buon italiano, ma ad un uomo presente nel locale, un camionista, non è bastato: «Qui siamo in Friuli e si deve parlare friulano per legge». La donna, per evitare liti, è uscita fuori, al freddo, per attendere le pizze. Ma l'uomo è uscito e nonostante il figlio della donna cercasse di difenderla, l'ha spintonata e colpita al volto. Col naso sanguinante e sotto choc la brasiliana è andata al pronto soccorso: ha numerosi traumi.

aGGRESSIONE aGGRESSIONE

 

«Siamo davanti a un atto grave e particolarmente insopportabile sia perché commesso ai danni di una donna sia perché dal retrogusto razzista» -  afferma l’eurodeputata del Pd Isabella De Monte - abbiamo già sentito qualcuno affrettarsi a dire che non si tratta di una aggressione a sfondo razziale e che il pestaggio è avvenuto per colpa dello stato di ebbrezza dell’aggressore: la ricostruzione delle dinamiche è in capo alle forze dell’ordine e agli inquirenti, ma certamente non può passare inosservato il fatto che l’uomo si sia scagliato contro una donna straniera, rea, a suo avviso, di essere “diversa”, laddove la diversità si riscontra nell’appartenenza territoriale e linguistica”.

AGGRESSIONE AGGRESSIONE

 

“Siamo davvero davanti a un fatto disgustoso – commenta De Monte -. Il friulano è una ricchezza da tutelare e valorizzare, non certamente un alibi per offendere, escludere e tantomeno aggredire il prossimo, di qualsivoglia città, regione o Paese sia.

 

AGGRESSIONE AGGRESSIONE

Riflettano ancora una volta quei politici che istigano continuamente all’odio, esasperando le differenze sociali e culturali, gettano nei cassonetti le coperte dei senzatetto o diffondendo stupide filastrocche sui migranti, perché ci sarà sempre qualcuno che penserà che, se cattiveria e intolleranza sono di casa nelle Istituzioni, allora sono concessa a tutti».

 

Condividi questo articolo

media e tv

IPOCRISIA CANAGLIA - FRANK CIMINI A DAGOSPIA: “IL QUOTIDIANO ‘IL MATTINO’ HA UNA BELLA FACCIA TOSTA. OGGI RICORDA CHE IL POVERO GIANCARLO SIANI AVREBBE COMPIUTO 60 ANNI. UN ARTICOLO IN MALAFEDE PERCHÉ OMETTE DI RICORDARE CHE SIANI ERA UN CRONISTA PRECARIO PAGATO A PEZZO, COME ANCORA OGGI CE NE SONO TANTISSIMI, SENZA CONTRATTO SENZA COPERTURE DI ALCUN TIPO - IL PRECARIATO DILAGA C’È GENTE CHE LAVORA PRATICAMENTE GRATIS E CON UN SINDACATO CHE, PER LA RESPONSABILITÀ CHE HA, È PURE PEGGIO DEGLI EDITORI CHE…”

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute