I POTERI FORTI: I BALNEARI - IN ITALIA LE SPIAGGE LIBERE SONO "IN VIA D'ESTINZIONE": MENO DELLA METÀ SONO LIBERAMENTE ACCESSIBILI - I MOTIVI SONO VARI: LA CRESCITA DELLE CONCESSIONI BALNEARI (UN AUMENTO DEL 12,5% NEGLI ULTIMI 3 ANNI), L'INQUINAMENTO DELLE ACQUE E L'EROSIONE COSTIERA - IN ALCUNI TERRITORI SI ARRIVA AL 100% DEI LITORALI "OCCUPATI" - LEGAMBIENTE: "MANCANO INDICAZIONI NAZIONALI DI OCCUPAZIONE MASSIMA DI SPIAGGE IN CONCESSIONE E IN ALCUNE REGIONI NON C'È…"

-

Condividi questo articolo


spiaggia libera 11 spiaggia libera 11

Simona Buscaglia per “la Stampa”

 

«Un'estate al mare», cantava Giuni Russo in un celebre ritornello degli Anni 80. Oggi bisognerebbe aggiungere «per chi se lo può permettere». Uno dei simboli della bella stagione italiana, la cosiddetta «spiaggia libera», in molte zone del nostro Paese è infatti un lontano ricordo. A spiegare le motivazioni di questa lenta ma graduale sparizione è il Rapporto spiagge di Legambiente.

 

spiaggia libera 10 spiaggia libera 10

 Le ragioni sono principalmente tre: la crescita in questi anni delle concessioni balneari, che arrivano a toccare quota 12.166 (con un aumento del 12,5% in 3 anni), l'incremento dell'erosione costiera, che oggi riguarda circa il 46% delle coste sabbiose, e l'inquinamento delle acque, che tocca il 7,2% della costa sabbiosa interdetto alla balneazione.

spiaggia libera 4 spiaggia libera 4

 

Complessivamente lo studio stima che meno di metà delle spiagge del Paese sia liberamente accessibile e fruibile per fare un tuffo in mare (perché il 43% ospita stabilimenti balneari e il 7,2% non è balneabile perché inquinata), arrivando a raggiungere dei record in alcune regioni: in Liguria, Emilia-Romagna e Campania quasi il 70% delle spiagge è occupato da stabilimenti balneari.

 

spiaggia libera 5 spiaggia libera 5

«Questo accade perché mancano indicazioni nazionali di occupazione massima di spiagge in concessione - spiega Sebastiano Venneri, responsabile territorio e innovazione di Legambiente -. Il dato inquietante è che in alcuni territori si arriva quasi al 100% ed è un fenomeno che sta crescendo: in Sicilia solo negli ultimi 4 anni sono state date 200 nuove concessioni».

 

spiaggia libera 3 spiaggia libera 3

Le normative che regolano la percentuale di spiaggia libera da mantenere sul proprio territorio «sono regionali e spesso vengono disattese, in maniera a volte eclatante - prosegue Venneri -. In Liguria la legge prevede il 40% di aree balneabili libere ma se non viene applicata non è prevista nessuna sanzione. In Sicilia, Basilicata, Toscana, Veneto e Friuli non c'è una norma che regoli una quota minima per la spiaggia libera».

 

spiaggia libera 2 spiaggia libera 2

Sulla questione delle concessioni è intervenuto il Decreto Concorrenza, che fissa dei paletti: «Le concessioni per gli stabilimenti dovranno essere date a valle di una procedura trasparente e non, come accaduto negli ultimi 20 anni, a colpi di proroghe - spiega il responsabile territorio di Legambiente - la sentenza del Consiglio di Stato ha obbligato il nostro Paese a fare una legge, approvata la settimana scorsa, che delega al governo la necessità di fare chiarezza in questo settore entro il primo gennaio 2024. Oltre alle gare la legge prevede, ad esempio, una premialità per chi mette in atto buone pratiche per l'ambiente. Il problema è che questa legge ha bisogno di decreti attuativi che dovranno essere fatti dal prossimo governo».

spiaggia libera 1 spiaggia libera 1

 

Le spiagge però se le sta portando via anche il mare: in 50 anni sono spariti 40 milioni di metri quadrati di spiagge. Il fenomeno dell'erosione dei litorali è diffuso su tutto il territorio nazionale, con picchi del 60% per le coste sabbiose in Abruzzo, Sicilia e Calabria. Ci sono altre situazioni critiche: «Ad esempio anche nella zona padano-veneta ed emiliano-romagnola, dove si deve affrontare anche il fenomeno dell'abbassamento del suolo» spiega Diego Paltrinieri, geologo marino e membro del comitato scientifico dell'Osservatorio paesaggi costieri di Legambiente.

 

spiaggia libera 9 spiaggia libera 9

«Le cause dell'erosione sono principalmente due: una è il minore apporto di materiale dai fiume verso il mare, causato da chiuse e dighe, l'altro è legato all'urbanizzazione del litorale e al consumo del suolo». Ce n'è poi una terza: ad erodere ulteriormente le nostre coste sono stati proprio gli interventi messi in atto per proteggerle: «Dagli Anni 70 ad oggi abbiamo speso 4 miliardi e mezzo di euro in opere rigide, come scogliere e pennelli, nate per difendere la costa dall'erosione, ma questo tipo di approccio ha peggiorato purtroppo le cose. L'erosione - conclude Paltrinieri - non è causata dal moto ondoso, come si pensava, ma da una componente della dinamica marina e costiera, la corrente litoranea di fondo, che scorre in un certo senso lungo la costa. Serve quindi un cambio di paradigma anche negli interventi».

spiaggia libera 7 spiaggia libera 7 spiaggia libera 6 spiaggia libera 6 spiaggia libera 8 spiaggia libera 8

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

MANICOMIO ITALIA - A CHI LE CHIEDE QUANTI POTREBBERO ESSERE I "POLITICI" E QUANTI I "TECNICI", LA MELONI RISPONDE METTENDO LE MANI AVANTI: "LEGGO COSE SURREALI CHE POI DOVREI COMMENTARE, CONSIGLIEREI PRUDENZA" - TAJANI PARLA DI UN ESECUTIVO CHE SARÀ "POLITICO" ANCHE SE CI DOVESSE ESSERE "QUALCHE TECNICO" - IL PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA CARLO BONOMI: "NON POSSIAMO PERMETTERCI IMMAGINIFICHE FLAT TAX E PREPENSIONAMENTI” – GRILLO LANCIA UNA PROPOSTA PER 'RIVITALIZZARE' IL REDDITO DI CITTADINANZA: I 3 MILIONI CHE LO PERCEPISCONO CREINO LE "BRIGATE DI CITTADINANZA"…

business

ARRIVA LA TEMPESTA E GLI ITALIANI METTO I SOLDI AL SICURO (O ALMENO CREDONO DI FARLO) – AD AGOSTO I DEPOSITI SUI CONTI CORRENTI SONO AUMENTATI DI 61 MILIARDI DI EURO RISPETTO A UN ANNO PRIMA. UN TREND SOSPINTO DALLA PRUDENZA, ANCHE SE TENERE I SOLDI FERMI, CON L'INFLAZIONE CHE GALOPPA, PORTA A UNA SVALUTAZIONE DEI RISPARMI: 10 MILA EURO DEPOSITATI OGGI, TRA 12 MESI VARRANNO 9.160 EURO – NELL'UTIMO ANNO SI REGISTRA POI UNA FORTE RIDUZIONE IN PORTAFOGLIO DEI BOND, A CAUSA DEI RENDIMENTI AI MINIMI, VANNO FORTE LE POLIZZE ASSICURATIVE

cronache

sport

LA CHIAPPA ACCHIAPPA! - IL BARI ASFALTA IL BRESCIA 6-2 IN CASA, MA NESSUNO SE NE ACCORGE PERCHÉ GLI OCCHI SONO TUTTI PUNTATI SUGLI SPALTI, DOVE UNA BOMBATISSIMA TIFOSA ESIBISCE IL SUO MONUMENTALE SEDERE EN PLEIN AIR - LA FANCIULLA DESNUDA È UNA MODELLA DI ONLYFANS E NON È LA PRIMA VOLTA CHE SI ABBASSA I PANTALONI ALLO STADIO, MA NON PER PUBBLICIZZARE LA SUA PAGINA (ALMENO COSÌ DICE), BENSI' E' "UN GESTO CONTRO IL MASCHILISMO. IL MIO CORPO NUDO NON DEVE CREARE TUTTO QUESTO SCALPORE…" (CIAO CORE)

cafonal

viaggi

salute