PRENDI IL JET E SCAPPA – PUR DI SFUGGIRE ALLA MOBILITAZIONE MILITARE IMPOSTA DA PUTIN E NON ANDARE A COMBATTERE IN UCRAINA, I RUSSI CHE POSSONO PERMETTERSELO ARRIVANO A SPENDERE FINO A 28 MILA EURO PER UN POSTO SU UN AEREO PRIVATO, VISTO CHE QUELLI DI LINEA SONO SOLD OUT – LE PRINCIPALI METE DEI DISERTORI SONO TURCHIA, ARMENIA E AZERBAIGIAN...

-

Condividi questo articolo


Da www.tag43.it

 

CARTELLI PER LA MOBILITAZIONE MILITARE RUSSA CARTELLI PER LA MOBILITAZIONE MILITARE RUSSA

Continua la fuga degli uomini in età militare dalla Russia (insieme a forti proteste) per evitare il reclutamento. Ai valichi di frontiera si sono formati ingorghi lunghi chilometri, mentre la maggior parte dei biglietti aerei commerciali di sola andata, verso gli Stati che consentono ai russi l’ingresso senza visto, vanno esauriti in poche ore: secondo fonti giornalistiche russe, sarebbero già scappati circa 260 mila arruolabili. E il panico aumenta, viste le voci che vorrebbero una prossima chiusura del confini della Federazione Russa, per adesso smentite dalle autorità. Terminati i posti sui voli di linea, come riporta il Guardian, è esplosa la richiesta per quelli su jet privati, con i prezzi che sono schizzati fino a 28 mila euro.

 

reclutamento soldati in russia reclutamento soldati in russia

I russi fuggono per via aerea principalmente in Armenia, Turchia e Azerbaigian. Un posto su un jet privato costa ormai tra 22 mila e 28 mila euro. Il noleggio di un intero jet da otto posti varia invece da 90 mila a 155 mila euro. «La situazione è assolutamente fuori controllo. Prima ricevevamo 50 richieste al giorno, adesso circa 5 mila», ha detto al Guardian Yevgeny Bikov, direttore della compagnia di jet privati Your Charter.

 

Inizialmente, l’azienda ha preso a noleggiare aerei commerciali più grandi, nel tentativo di soddisfare la domanda e abbassare i prezzi: fino a pochi giorni fa, un posto su un volo per Erevan, capitale dell’Armenia, costava poco più di 3 mila euro. Adesso invece non c’è altra strada che i piccoli jet privati. FlightWay, che offre lo stesso servizio, ha affermato di aver riscontrato un aumento del 50 per cento delle richieste di voli di sola andata anche per Kazakistan e Dubai.

 

fuga dalla russia fuga dalla russia

La disponibilità di jet è stata fortemente limitata da quando l’Unione Europea e il Regno Unito hanno introdotto sanzioni contro la Russia, che vietano il noleggio di aeromobili nel Paese guidato da Vladimir Putin. Tutte le compagnie europee di jet privati hanno lasciato il mercato russo: da qui l’impennata dei prezzi. E la richiesta continua a aumentare, mentre cresce in Russia il timore che Cremlino possa chiudere i confini entro questa settimana: secondo gruppo di attivisti per i diritti umani, pare che due giorni fa le guardie di frontiera all’unico valico operativo della Russia con la Georgia abbiano impedito ad alcune persone di uscire dal Paese, citando la legge sulla mobilitazione.

 

PREZZO BIGLIETTI AEREI DOPO IL DISCORSO DI PUTIN PREZZO BIGLIETTI AEREI DOPO IL DISCORSO DI PUTIN

Secondo uno studio, la Russia era già destinata a perdere il 15 per cento dei suoi milionari, che entro il 2022 si sarebbero trasferiti all’estero. È probabile che la mobilitazione parziale acceleri e aumenti questo deflusso, iniziato con l’invasione dell’Ucraina, esacerbando potenzialmente i danni all’economia russa.

 

L’esodo dei più ricchi, osservano gli analisti, potrebbe alimentare parte della rabbia delle fasce più povere della popolazione, che sembrano essere colpite in modo sproporzionato dalla coscrizione. Nei giorni scorsi il 32enne Nikolaj Peskov, figlio del portavoce del Cremlino, è stato vittima di uno scherzo telefonico dal collettivo che fa capo ad Alexei Navalny, che ha finto una telefonata di arruolamento: «Non verrò. Cercherò di risolvere la questione a un livello più alto», ha risposto il giovane, che fa parte dei 300 mila ex-riservisti. In ogni caso, non sono solo i ricchi a ricorrere in questo momento ai jet privati. Secondo Kommersant, una società di progettazione di videogiochi di Mosca ha noleggiato un intero volo per portare tutti i suoi dipendenti fuori dal Paese e, così, salvare l’azienda.

VOLI ESAURITI DALLA RUSSIA VOLI ESAURITI DALLA RUSSIA A SAN PIETROBURGO CARTELLI PER LA MOBILITAZIONE MILITARE A SAN PIETROBURGO CARTELLI PER LA MOBILITAZIONE MILITARE proteste in russia 7 proteste in russia 7 PROTESTE E ARRESTI IN RUSSIA CONTRO LA CHIAMATA ALLE ARMI DI PUTIN 2 PROTESTE E ARRESTI IN RUSSIA CONTRO LA CHIAMATA ALLE ARMI DI PUTIN 2 proteste per la mobilitazione militare in russia proteste per la mobilitazione militare in russia

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

AMATO-MELILLO, CHE DUELLO SULL’ANTIMAFIA! ALL’AUDITORIUM DI ROMA, DURANTE LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ALESSANDRO BARBANO, IL DOTTOR SOTTILE CHE DA EX PREMIER FIRMÒ LE LEGGI SPECIALI CONTRO LA MAFIA HA AMMESSO CHE L’ORDINAMENTO GIUDIZIARIO HA “PASSATO IL SEGNO”. TOTALMENTE OPPOSTA LA POSIZIONE DEL PROCURATORE NAZIONALE, CONTRARIO ALL’IDEA DI COMPRIMERE L’AZIONE DEGLI INQUIRENTI – IN PLATEA ANCHE GIANNI LETTA, PAOLO SAVONA, CARLO CALENDA, MARIA ELENA BOSCHI, MATTEO RICHETTI, RENATO BRUNETTA…

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

COPRITEVI, STA ARRIVANDO UN'ONDATA DI INFLUENZA “AUSTRALIANA”: NELLA SETTIMANA DAL 20 AL 27 NOVEMBRE, E' STATO COLPITO IL 13% DEGLI ITALIANI COME CI PROTEGGE? CON I FARMACI ANTIPIRETICI, PER FAR ABBASSARE LA FEBBRE. NON SONO INDICATI GLI ANTIBIOTICI PERCHÉ L'INFLUENZA È UNA MALATTIA VIRALE, NON BATTERICA. POSSONO ESSERE UTILI SEDATIVI PER LA TOSSE E AEROSOL - I SINTOMI TIPICI DELL'INFLUENZA SONO TRE: FEBBRE ALTA, TOSSE E DOLORI MUSCOLARI - LA MAGGIOR PARTE DELLE PERSONE GUARISCE IN 7-10 GIORNI…