LO PSICOTERAPEUTA NON HA COLTO I SEGNALI D’ALLARME? FILIPPO TURETTA È ANDATO A CINQUE INCONTRI CON UNO PSICOTERAPEUTA PRIMA DI UCCIDERE GIULIA CECCHETTIN: IL SESTO INCONTRO ERA PREVISTO PER IL 17 NOVEMBRE, MA LUI ERA GIÀ IN FUGA - ORA GLI INQUIRENTI VOGLIONO CAPIRE SE IL 22ENNE ABBIA MANIFESTATO SEGNALI DI PREMEDITAZIONE CHE LO PSICOLOGO NON HA CARPITO: CON LUI AVEVA PARLATO DELLA TIMIDEZZA, DELLA DIFFICOLTÀ NEGLI STUDI E NELLE RELAZIONI E ANCHE DELLA FINE DELLA STORIA CON GIULIA - DAI VOCALI INVIATI AGLI AMICI DELLA VITTIMA EMERGE COME TENTASSE DI CONTROLLARE TUTTO E... VIDEO

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Alfio Sciacca e Cesare Giuzzi per il "Corriere della Sera"

 

l audio di filippo turetta l audio di filippo turetta

Era stato lui, ai primi di settembre, a chiamare il Centro unico prenotazioni per fissare l’appuntamento con lo psicologo.

Filippo Turetta per 5 volte era stato davanti a uno psicoterapeuta prima di uccidere Giulia: il 22 settembre, il 3, il 17 e il 27 ottobre e il 3 novembre. Il sesto colloquio era fissato per venerdì 17, ma il 21enne era già in fuga. In quei cinque incontri con gli psicologi dell’Ulss 6 Euganea, aveva parlato della sua «timidezza», delle difficoltà «negli studi» e «relazionali». Ma anche di Giulia, del rapporto finito.

filippo turetta filippo turetta

 

Ora i professionisti saranno sentiti dai carabinieri di Venezia e sarà acquisita tutta la documentazione medica. I magistrati vogliono capire se il 22enne abbia mai manifestato i segnali di una «premeditazione». Ma anche valutare se gli psicoterapeuti non abbiano colto possibili segnali di allarme. E se in quelle occasioni Turetta abbia parlato del suo essere «fortemente possessivo» emerso in questi giorni sia dalle testimonianze dei familiari di Giulia sia da chat e audio.

 

filippo turetta elena cecchettin messaggi chi l'ha visto filippo turetta elena cecchettin messaggi chi l'ha visto

La difesa, invece, nelle prossime settimane potrebbe richiedere una consulenza psichiatrica proprio sulla base di quei pregressi disturbi. Carta decisiva per valutare imputabilità ed eventuali sconti di pena legati ad un vizio totale e parziale di mente.

 

Filippo è ancora rinchiuso nel reparto di Infermeria del carcere di Verona. Gioca a carte con il compagno di cella. Non ha avuto altri incontri con i genitori. È seguito ogni giorno da un psicoterapeuta perché il suo è un caso delicato. Tra dieci giorni compirà 22 anni e sarà un momento ancora più delicato per il rischio di un crollo emotivo.

giulia cecchettin giulia cecchettin

 

Da alcune chat rese pubbliche da Chi l’ha visto? emerge quanto fosse malato il rapporto con Giulia che controllava in modo soffocante, ritenendosi l’unico in grado di poter dire quali fossero le cose a lei gradite. In vista della laurea interviene in una chat WhatsApp tra amici comuni che si stanno organizzando per festeggiarla e hanno preparato anche una caricatura che ne sintetizza i tratti caratteriali.

FILIPPO TURETTA FILIPPO TURETTA

 

[...] Mette bocca persino su cosa si debba lanciare sulla festeggiata. «Per quello che so, che ha detto quando ne abbiamo parlato, perché anche lei non ha le idee chiare al riguardo...

Poi dobbiamo considerare che sarà fra tre o quattro settimane, quindi sarà freddino, perché sarà a fine novembre... Poi mi diceva, comunque, che è un evento che succede una volta nella vita e quindi speciale... Quindi qualcosa di divertente, tipo coriandoli sì, anche farina sì... poi cose più pesanti, tipo uova, tendenzialmente è no». Sembra animato da un malatissimo senso di protezione.

filippo turetta giulia cecchettin filippo turetta giulia cecchettin

 

«Poi per il bere anche lì qualcosa di non eccessivo per quanto riguarda l’alcol. Perché poi rischia il mal di testa forte, poverina». E quando qualcuno, sempre con riferimento alla caricatura, pensa che la si potrebbe mostrare con un accendino in mano, lui interviene brusco. «Qualcuno aveva detto di farle tenere in mano l’accendino mentre l’accendeva. Non mi sembra una roba così speciale o caratteristica, anzi non lo metterei questo dettaglio... secondo me un’idea è farle tenere con un braccio Djungelskog e l’altro braccio farlo stare senza niente in mano».

LA FUGA DI FILIPPO TURETTA LA FUGA DI FILIPPO TURETTA giulia cecchettin e filippo turetta 1 giulia cecchettin e filippo turetta 1 FILIPPO TURETTA FILIPPO TURETTA giulia cecchettin e filippo turetta 2 giulia cecchettin e filippo turetta 2 LA RICOSTRUZIONE DELL OMICIDIO DI GIULIA CECCHETTIN LA RICOSTRUZIONE DELL OMICIDIO DI GIULIA CECCHETTIN

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE