PER PUTIN L'UNICO DISSIDENTE BUONO È IL DISSIDENTE AVVELENATO  – ANATOLY CHUBAIS, EX BRACCIO DESTRO DI "MAD VLAD", FUGGITO DALLA RUSSIA, DOPO LA GUERRA IN UCRAINA, SI È SENTITO MALE DURANTE UNA VACANZA IN UN RESORT DELLA COSTA SMERALDA: NON SENTIVA PIÙ LE MANI E I PIEDI E NON RIUSCIVA A MUOVERSI – È STATO RICOVERATO PER PAURA DI UN COLLASSO E L’ESITO DELLE ANALISI ARRIVERÀ NEI PROSSIMI GIORNI. IL SOSPETTO DEI NOSTRI SERVIZI DI SICUREZZA: È UNA MALATTIA NEUROLOGICA O È STATO AVVELENATO?

-

Condividi questo articolo


Giuliano Foschini e Fabio Tonacci per www.repubblica.it

 

anatoly chubais anatoly chubais

Era in vacanza in un resort della Costa Smeralda quando sono comparsi, improvvisi, i primi sintomi: «Non sento più le mani e i piedi» ha detto alla moglie. «Non riesco a muovermi».

 

La corsa in ospedale. I primi accertamenti e un tremendo sospetto che ha messo in allarme i nostri servizi di sicurezza: è una malattia neurologica, la sindrome di Guillain-Barré, come i sintomi lasciano supporre, o sono invece i segnali di un avvelenamento?

 

anatoly chubais 2 anatoly chubais 2

Sì, perché quel paziente che si è presentato al Pronto soccorso di un ospedale dell’isola in piena attività turistica, non è un uomo qualsiasi. Si tratta di Anatolij Chubais, uno dei grandi padroni della Russia, l’uomo delle privatizzazioni degli anni Novanta, per anni braccio destro di Putin e ora in fuga da Mosca, dopo essere entrato in rotta con il presidente sulla guerra in Ucraina.

 

boris eltsin anatoly chubais boris eltsin anatoly chubais

Repubblica aveva raccontato a maggio come Chubais, dopo aver preso pubblicamente posizione contro l’attacco a Kiev, fosse scappato in Italia, passando da Turchia e Israele. Frequentava da tempo il nostro paese facendo la spola tra la Sardegna e la Toscana, dove controlla alcune proprietà. E dall’Italia dovrebbe essersi spostato poco, se non per niente, in questi mesi. Nelle ultime settimane era in vacanza in Sardegna.

 

Le sue condizioni di salute erano sempre state buone fino, appunto, ai sintomi apparsi qualche giorno fa. «Improvvisamente – ha raccontato l’uomo ai medici, insieme con la moglie, Avdotia Smirnova – ho cominciato ad avere difficoltà a muovere gambe e braccia».

 

anatoly chubais anatoly chubais

Le condizioni sono apparse subito gravi tanto da essere ricoverato con la paura che potessero collassare organi vitali. Visti i sintomi, è stata allertata la Polizia che ha inviato i suoi tecnici specializzati per effettuare analisi.

 

«Sono entrati con le tute e hanno fatto una serie di operazioni», ha raccontato la donna ad alcuni media russi, cercando però di tenere nascosto di trovarsi in Italia. L’esito delle analisi arriverà nei prossimi giorni. Al momento, però, tutti i dati che sono sul tavolo fanno pensare alla Guillain-Barré anche perché cominciata la terapia le condizioni di Chubais sono già molto migliorate. Non è in pericolo di vita.

 

Il sospetto arriva dai precedenti: Yushchenko, Litvinenko, Navalny, e più recentemente i sospetti su quanto accaduto a Roman Abramovich, insegnano che l’avvelenamento è uno dei principali strumenti utilizzati dagli apparati di Putin per disfarsi degli oppositori. Come Chubais oggi è considerato.

vladimir putin anatoly chubais vladimir putin anatoly chubais VLADIMIR PUTIN Anatoly Chubais VLADIMIR PUTIN Anatoly Chubais palazzo di kiev distrutto palazzo di kiev distrutto carro armato russo carro armato russo anatoly chubais 3 anatoly chubais 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

PIÙ REALITY DI COSÌ – SCOPPIA LA PROTESTA SUI SOCIAL IN SOSTEGNO DI MARCO BELLAVIA, EX CONDUTTORE DI “BIM BUM BAM”, RITIRATO DAL “GRANDE FRATELLO VIP”. NEL RPOGRAMMA AVEVA PARLATO DELLA SUA DEPRESSIONE MA, AL POSTO DI RICEVERE IL SOSTEGNO DEI COINQUILINI, È STATO BULLIZZATO E ISOLATO. PATRIZIA ROSSETTI: “SE HAI DEI PROBLEMI STAI A CASA TUA, FIGLIO MIO”. ELENOIRE FERRUZZI RINTUZZA: “QUESTO È FUORI, È PROPRIO SCEMO. VAI ALLA NEURODELIRI”. GIOVANNI CIACCI NE AVEVA CHIESTO L’ELIMINAZIONE DOPO AVER FRAINTESO UNA SUA FRASE E GEGIA… - VIDEO

politica

business

cronache

TI METTI IN TASCA IL REDDITO DI CITTADINANZA? E ALLORA NIENTE GRATTA E VINCI – LA DENUNCIA DI UN TABACCAIO DI LADISPOLI CHE SI È RIFIUTATO DI VENDERE UN GRATTA E VINCI A UN UOMO CHE SI ERA PRESENTATO NEL SUO LOCALE PRETENDENDO DI PAGARE CON LA CARTA DEL REDDITO DI CITTADINANZA. NON SOLO: IL PROPRIETARIO DEL NEGOZIO RACCONTA CHE C’È CHI VORREBBE COMPRARE SIGARETTE E CHI TENTA DI INVESTIRE I SOLDI ALLE SLOT MACHINE O AL LOTTO. “UNA SIGNORA MI HA DETTO CHE IL FUMO È UN VIZIO CHE DEVE ESSERE ESAUDITO COSÌ COME IL GIOCO…”

sport

cafonal

viaggi

salute