QUESTA VOLTA LA REPRESSIONE RISCHIA DI NON BASTARE – LE PROTESTE ESPLOSE IN TUTTA LA CINA CONTRO LA POLITICA “ZERO COVID” CRESCONO E XI JINPING NON HA UN PIANO B – SE CONTINUA CON I LOCKDOWN, LA MOBILITAZIONE RISCHIA DI TRAVOLGERLO. SE APRE, VISTI I LORO VACCINI FARLOCCHI CHE NON FUNZIONANO E L’ASSENZA DI IMMUNITÀ DI GREGGE, RISCHIA MILIONI DI MORTI. “THE ECONOMIST”: “LA CINA HA SPRECATO L'INTERO 2022”

-

Condividi questo articolo


Articolo di “The Economist” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

proteste in cina contro la strategia zero covid 9 proteste in cina contro la strategia zero covid 9

Non si sa come e quando finirà la politica del " zero Covid" di Xi Jinping – scrive The Economist

 

Da Urumqi nel nord-ovest a Shanghai nell'est, manifestazioni e proteste hanno scosso la Cina negli ultimi giorni. Sono state diverse per dimensioni, tenore e composizione, ma tutte sono state accomunate da un unico tema: la richiesta di porre fine alle dure chiusure e ai controlli arbitrari della campagna "zero covid" del Paese.

 

xi jinping con la mascherina 2 xi jinping con la mascherina 2

Nel loro insieme, rappresentano un grido di frustrazione ampio e diversificato, come raramente se ne sentono in Cina. Anche se non tutte le proteste sono esplicitamente politiche, sono un inequivocabile rimprovero al presidente Xi Jinping, salutato dai media statali come "comandante in capo della guerra del popolo contro il covid".

 

Molti sono sempre più stufi di questa guerra. L'ultima causa scatenante è stata il 24 novembre, quando un incendio in un condominio di Urumqi, la capitale della regione dello Xinjiang, ha ucciso almeno dieci persone e ne ha ferite altre nove. I residenti locali hanno affermato che le porte e le uscite di sicurezza dell'edificio erano state sigillate per contenere il covid.

 

proteste in cina contro la strategia zero covid 18 proteste in cina contro la strategia zero covid 18

I funzionari di Urumqi hanno negato questa ipotesi. "La capacità di salvataggio di alcuni residenti era troppo debole... e non sono riusciti a fuggire", ha spiegato il capo dei vigili del fuoco, provocando ancora più rabbia. Lo Xinjiang, dove vive la minoranza uigura della Cina, è da mesi sottoposto a rigide restrizioni di sicurezza.

 

La situazione degli uiguri spesso non ha risonanza nel resto della Cina. Nell'ultimo decennio il governo ha detenuto centinaia di migliaia di loro per motivi arbitrari e ha tenuto lo Xinjiang sotto stretta sorveglianza. L'incendio, tuttavia, ha spinto i residenti arrabbiati a inscenare proteste con rischi personali sorprendenti. E, in una rara dimostrazione di solidarietà interetnica, queste proteste si sono diffuse.

 

l arresto del giornalista della bbc edward lawrence l arresto del giornalista della bbc edward lawrence

A Shanghai, nel fine settimana, la maggior parte dei giovani si è riunita per vegliare per le vittime dell'incendio in Urumqi Road, una strada meglio conosciuta per i caffè hipster e i negozi di abbigliamento. Alcuni hanno persino invocato il rovesciamento di Xi e del Partito Comunista. Una protesta a Pechino il 27 novembre è durata fino a notte fonda, con canti di solidarietà per gli arrestati di Shanghai e per i morti dello Xinjiang. Anche in decine di campus universitari in tutto il Paese si sono svolte manifestazioni contro la politica dello zero Covid.

 

Questi sono solo gli ultimi segnali del fatto che i cittadini cinesi pensano che la politica sia durata troppo a lungo. Nelle ultime settimane si sono verificati casi di residenti indignati che hanno preso a calci le barriere d'acciaio destinate a sigillarli nei quartieri residenziali o, all'estremo più signorile delle proteste, hanno chiamato la polizia per mettere in discussione l'autorità legale delle restrizioni relative al covid a livello locale.

CINA - PROTESTE ALLA FOXCONN CINA - PROTESTE ALLA FOXCONN

 

Il 23 novembre, folle di lavoratori della più grande fabbrica di iPhone del mondo, fuori dalla città di Zhengzhou, si sono scontrate con la polizia in assetto antisommossa. Secondo quanto riferito, i lavoratori erano arrabbiati per le promesse non mantenute da parte della Foxconn, che gestisce la fabbrica, in merito ai bonus e dopo che i nuovi assunti erano stati messi negli stessi dormitori della forza lavoro esistente, nonostante i numerosi casi sospetti di Covid nel vasto campus della Foxconn. All'inizio di questo mese, alcuni lavoratori della Foxconn hanno scavalcato le recinzioni per sfuggire a un focolaio nel campus. (La Foxconn afferma che tutte le promesse contrattuali sono state rispettate e che i lavoratori infetti non vivono ancora nei dormitori della fabbrica).

 

proteste in cina contro la strategia zero covid 8 proteste in cina contro la strategia zero covid 8

Anche se la frustrazione per la politica "zero covid" cresce, non sembra esserci alcun piano di uscita. La Cina ha sprecato l'intero 2022, rifiutandosi di intraprendere i preparativi necessari per un'apertura sicura e pianificata al mondo. Non ci sono segnali di una nuova campagna di richiamo per proteggere la popolazione cinese sotto-vaccinata, che comprende i cinesi più anziani.

 

Di recente, diplomatici stranieri hanno visitato il più moderno sito produttivo cinese per la produzione di vaccini contro il virus del Covid, trovandolo praticamente inattivo, il che fa pensare che non siano stati fatti nemmeno grandi ordini. Nel frattempo, le iniezioni di mrna più efficaci, prodotte nei Paesi occidentali, non sono mai state approvate per l'uso in Cina. Un'apertura rapida all'inizio dell'inverno porterebbe alle ondate di morti che il partito si è vantato di aver evitato finora.

 

proteste in cina contro la strategia zero covid 1 proteste in cina contro la strategia zero covid 1

Le autorità hanno almeno iniziato a ritoccare i controlli per renderli più precisi e più duraturi. Ma il piano in 20 punti reso noto dal governo due settimane fa, che mira a eliminare le tattiche inefficaci, ha probabilmente contribuito all'attuale stato d'animo. All'inizio dell'anno i leader del partito hanno espressamente condannato il dissenso nei confronti della politica "zero covid". Tuttavia, suggerendo che i controlli irragionevoli possono essere eliminati, il partito ha reso legittimo il dibattito sull'intera politica. Ha anche innescato confusione, con controlli allentati e poi frettolosamente ripristinati in grandi città come Shijiazhuang, vicino a Pechino.

 

Quale sarà il prossimo passo?

proteste in cina contro la strategia zero covid 15 proteste in cina contro la strategia zero covid 15

Per Xi, la sfida immediata è contenere i disordini. In 73 anni di governo ferreo, il partito ha imparato a scegliere le sue battaglie e a portare armi diverse in ogni scontro. Le sue tattiche tendono alla repressione violenta in regioni come lo Xinjiang, dove si teme un conflitto etnico.

 

I leader delle proteste studentesche rischiano lunghe pene detentive (i leader universitari sono stati recentemente filmati mentre avvertivano gli studenti che avrebbero potuto chiamare i loro genitori se non fossero tornati nei loro dormitori).

 

proteste in cina contro la strategia zero covid 22 proteste in cina contro la strategia zero covid 22

Ma di fronte alle proteste dei lavoratori, per riportare la calma si ricorre in genere a un misto di bustarelle e coercizione (anche se i leader possono aspettarsi di essere portati via e puniti). Per quanto riguarda gli scontenti della classe media urbana, il partito è spesso pronto a trattare con loro, offrendo concessioni a patto che la sua autorità generale non venga messa in discussione.

 

Alcune di queste tattiche sono state messe in mostra a Tiantongyuan, un complesso residenziale di palazzine malandate di Pechino che ospita centinaia di migliaia di residenti, molti dei quali lavoratori immigrati da fuori la capitale. Il 26 novembre le immagini degli smartphone hanno mostrato i residenti che prendevano a calci le recinzioni di acciaio blu erette per isolare una parte del quartiere.

proteste in cina contro la strategia zero covid 23 proteste in cina contro la strategia zero covid 23

 

Ma il giorno successivo il vostro corrispondente è entrato facilmente nello stesso complesso dopo aver scansionato la sua applicazione del codice sanitario di Pechino. Per spiegare i disordini, un uomo di mezza età ha detto che molti dei suoi vicini sono operai che non vengono pagati se rimangono chiusi in casa. Le autorità lo hanno capito, ha suggerito, aggiungendo che tutti i residenti avevano ricevuto una consegna conciliante di verdure gratuite la sera precedente.

 

proteste in cina contro la strategia zero covid 20 proteste in cina contro la strategia zero covid 20

L'umore a Tiantongyuan era calmo e le opinioni dei residenti erano divise sulle politiche cinesi in materia di covi. "Spero che rimangano a zero covid, altrimenti sarà il caos", ha detto una donna anziana. Ma un uomo ha azzardato che la Cina ha perso la paura del virus. "All'inizio pensavamo che fosse come la Sars, che se la prendi muori", ha detto. "Ma ora la gente si chiede: come mai non lo controllano nel mondo esterno? Forse non è così grave".

 

Ha citato un amico in America che ha avuto il covid "tre volte, ed è come prendere un raffreddore". I cittadini cinesi hanno fatto riferimento alla Coppa del Mondo di calcio, dove i tifosi senza mascherina affollano gli stadi del Qatar. La censura di Stato ha risposto riducendo drasticamente il numero di riprese della folla durante la copertura del torneo da parte della televisione di Stato.

proteste in cina contro la strategia zero covid 21 proteste in cina contro la strategia zero covid 21 proteste in cina contro la strategia zero covid 24 proteste in cina contro la strategia zero covid 24 proteste in cina contro la strategia zero covid 7 proteste in cina contro la strategia zero covid 7 proteste in cina contro la strategia zero covid 10 proteste in cina contro la strategia zero covid 10 proteste in cina contro la strategia zero covid 13 proteste in cina contro la strategia zero covid 13 proteste in cina contro la strategia zero covid 11 proteste in cina contro la strategia zero covid 11 proteste in cina contro la strategia zero covid 3 proteste in cina contro la strategia zero covid 3 proteste in cina contro la strategia zero covid 6 proteste in cina contro la strategia zero covid 6 proteste in cina contro la strategia zero covid 16 proteste in cina contro la strategia zero covid 16 proteste in cina contro la strategia zero covid 17 proteste in cina contro la strategia zero covid 17 proteste fabbrica apple in cina 7 proteste fabbrica apple in cina 7 proteste fabbrica apple in cina 8 proteste fabbrica apple in cina 8 proteste fabbrica apple in cina 9 proteste fabbrica apple in cina 9 proteste in cina contro la strategia zero covid 19 proteste in cina contro la strategia zero covid 19 proteste in cina contro la strategia zero covid 2 proteste in cina contro la strategia zero covid 2 proteste in cina contro la strategia zero covid 14 proteste in cina contro la strategia zero covid 14 proteste in cina contro la strategia zero covid 25 proteste in cina contro la strategia zero covid 25

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO A MISURA DUOMO - PORTALUPPI CHIAMA, MILANO RISPONDE! IN CINQUECENTO SI SONO SCAPICOLLATI PER FESTEGGIARE L’USCITA DEL LIBRO ‘’PIERO PORTALUPPI’’, L’ARCHITETTO CHE HA CAMBIATO CON I SUOI LAVORI LA FACCIA DELLA CAPITALE LOMBARDA - IN CASA DEGLI ATELLANI, IL GIOIELLO RINASCIMENTALE TRASFORMATO UN SECOLO FA DA PORTALUPPI, PIERO MARANGHI, CURATORE DELL’OPERA, HA ACCOLTO GIBERTO ARRIVABENE E BIANCA D’AOSTA, TOMMASO SACCHI E CHIARA BAZOLI, NICOLA PORRO E STEFANO BARTEZZAGHI, VERONICA ETRO E MARCO BALICH, BARNABA FORNASETTI E MICHELA MORO…

viaggi

salute