"ALEX MARANGON È STATO UCCISO DA CHI PARTECIPAVA AL RITO" - IL 25ENNE VENEZIANO, MORTO DOPO UN RITUALE SCIAMANICO ALL'ABBAZIA DI SANTA BONA A VIDOR, VICINO TREVISO, È STATO AMMAZZATO CON DEI COLPI ALLA TESTA DATI CON UN SASSO O UN BASTONE - IL RAGAZZO AVREBBE DATO IN ESCANDESCENZE DOPO AVER ASSUNTO SOSTANZE PSICHEDELICHE E SAREBBE STATO PICCHIATO NEL TENTATIVO DI CALMARLO - IL "CURANDERO" JHONNI BENAVIDES E IL COMPAGNO, LE ULTIME PERSONE AD AVERLO VISTO VIVO, HANNO DATO LA LORO VERSIONE DEI FATTI - SPUNTA UN VIDEO DOVE SI VEDE MARANGON CHE...

-

Condividi questo articolo


1. LE INDAGINI SUL BARMAN DI 25 ANNI TROVATO SENZA VITA NEL PIAVE DOPO AVER PARTECIPATO A UN EVENTO SCIAMANICO. L’IPOTESI CHE SIA STATO COLPITO PER «CALMARLO»

Estratto dell'articolo di Roberta Polese per www.corriere.it

 

alex marangon alex marangon

Nessuna pista «esterna». Chi ha ucciso Alex Marangon la notte tra il 29 e il 30 giugno scorso ha partecipato al rito sciamanico al qualche aveva preso parte anche la vittima nell’abbazia sconsacrata di Santa Bona a Vidor, nelle colline trevigiane. Ne sono convinti gli investigatori che ieri hanno messo qualche punto fermo nell’indagine sull’omicidio del barman veneziano di 25 anni.

 

[...] È sui venti partecipanti che si continua a puntare per trovare l’assassino. Alex è stato ucciso con feroci colpi al capo dati con un sasso o un bastone, prima è stato anche preso a calci e pugni sul torace.

abbazia di santa bona a vidor abbazia di santa bona a vidor

 

IL MOVENTE

Il movente, sempre secondo indiscrezioni investigative, sarebbe da ricercare in un violento tentativo di calmare Alex che in preda a sostanze psicotrope avrebbe dato in escandescenze, uscendo dal «cerchio» creato all’interno dell’abbazia e allontanandosi in giardino. Il tentativo di calmare il giovane sarebbe degenerato in un pestaggio estremamente violento: con ogni probabilità chi ha agito era in preda alle stesse sostanze che potrebbe aver preso Alex.

Alex Marangon Alex Marangon

 

La vittima, priva di sensi, sarebbe stata poi gettata nel fiume che si trova a pochi metri dal giardino dell’abbazia. A mettere gli investigatori su questa strada sono gli esiti dell’autopsia svolta venerdì sul corpo di Alex dal medico legale incaricato dalla Procura Alberto Furlanetto, con il collega Antonello Cirnelli nominato dalla famiglia di Alex Marangon. [...]

 

LE INDAGINI E I PARTECIPANTI AL RITO

Ora si attendono gli esiti degli esami tossicologici sul corpo di Alex. L’abbazia non è stata sequestrata, nonostante sia stata passata al setaccio dai cani molecolari. [...] Anche il «curandero» Jhonni Benavides, giunto dalla Colombia insieme con il suo amico medico e «guest star» dell’evento, avrebbe dato la sua versione dei fatti. I due stranieri non sono spariti, non sono latitanti.

jhonni benavides 5 jhonni benavides 5

 

I carabinieri guidati dal comandante del reparto operativo Marco Turrini fanno sapere di averli interpellati e di non avere al momento nessun elemento a loro carico. Eppure sono loro due, insieme con una terza persona, ad aver seguito Alex alle 3.30 della notte quando si è alzato dal cerchio sciamanico pare in preda a una crisi. Sono stati loro, e un’altra persona, gli ultimi ad averlo visto vivo.

 

tatiana marchetto e andrea gorgi zuin tatiana marchetto e andrea gorgi zuin

IL PAPÀ: «NESSUNO MI HA CHIAMATO»

Ieri in un’intervista alle tv locali il conte Giulio Da Sacco, con vicino l’avvocato Cesare Dal Maso, ha continuato a ribadire di non credere all’omicidio. Intanto il padre di Alex dice: «Nessuno dei partecipanti si è fatto sentire, Andrea Zuin a noi ha detto di non aver visto niente, ora rilascia interviste dicendo di aver visto che si è alzato e che si è allontanato». [...]

 

Alex Marangon Alex Marangon

 

2. ALEX MARANGON E LA FUGA DALL’ABBAZIA DEI MISTERI, NEL VIDEO L’OMBRA CHE LO SEGUE E...

Estratto dell'articolo di Valeria Lipparini per www.ilmessaggero.it

 

La verità sulla morte di Alex Marangon, il barista 25enne di Marcon, massacrato di botte e ritrovato cadavere su un isolotto del Piave il 2 luglio, potrebbe arrivare dalle telecamere che lo hanno ripreso mentre corre fuori dall’abbazia di Santa Bona a Vidor (Treviso) dove aveva partecipato a un rito sciamanico sabato 29 e domenica 30 giugno. È stato sentito parlare tra sé e sé e urlare «No, no» prima di scappare fuori dall’abbazia, seguito dai due curanderi colombiani che partecipavano alla cerimonia nelle colline dell’Unesco. […]

 

jhonni benavides 2 jhonni benavides 2

Intanto, il sindaco di Vidor, Mario Bailo, conferma: «I filmati delle quattro telecamere comunali sono stati consegnati ai carabinieri che li visioneranno». Sembra che in un frame relativo a sabato notte si veda un giovane che scappa inseguito da un’altra persona. Che sia Alex? È tutto da verificare.

 

IL BUCO

Resta un “buco” di tre ore prima della fine di Alex che gli inquirenti stanno ricostruendo. Da quando, cioè, il giovane è corso fuori dall’abbazia, alle 3,30 di sabato notte, a quando gli organizzatori ne hanno denunciato la scomparsa, alle 6,30 di domenica mattina. «Abbiamo provato a cercarlo» hanno riferito ai carabinieri i partecipanti al rito di medicina curativa. Sono già stati sentiti i primi testimoni, mentre alcuni dei partecipanti hanno ribadito: «Qui nessuno ha ucciso Alex. Forse, invece, è uscito e ha assistito a qualcosa che non doveva vedere. Lo dice lo stesso Zuin, sostenendo: «Mi rendo conto di aggiungere assurdo all’assurdo. Ma per noi sarebbe l’unica spiegazione».

 

ritrovamento del corpo di Alex Marangon ritrovamento del corpo di Alex Marangon

Le domande senza risposta sono, comunque, ancora numerose. Perché Alex è uscito dall’abbazia? Era sotto l’effetto di qualche droga o sostanza allucinogena, oppure era lucido? E come ci è arrivato fino al Piave? È stato portato da qualcuno, dopo che era già morto? Oppure l’omicidio è avvenuto lungo le sponde del fiume sacro alla Patria? Interrogativi a cui gli inquirenti stanno cercando di dare una risposta.

 

L’ADDIO

Intanto, la procura ha dato il nulla osta per la sepoltura e il funerale di Alex verrà celebrato sabato, alle 10, nella chiesa SS. Patroni d’Europa di Marcon. «Venite vestiti con tutti i colori del mondo, come lui avrebbe voluto» chiedono i familiari. […]

ARTICOLI CORRELATI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)