"IN BRASILE SIAMO DI FRONTE A UNA FUKUSHIMA BIOLOGICA" - DOPO AVER SUPERATO PER LA PRIMA VOLTA I 4 MILA MORTI DI COVID IN UN GIORNO, IL MEDICO DELLA DUKE UNIVERSITY MIGUEL NICOLELIS HA PARAGONATO LA SITUAZIONE A "UN REATTORE NUCLEARE CHE HA INNESCATO UNA REAZIONE A CATENA ED È FUORI CONTROLLO" - EPPURE IL PRESIDENTE JAIR BOLSONARO NON NE VUOLE SAPERE DI MASCHERINE, CHIUSURE E DISTANZIAMENTO SOCIALE...

-

Condividi questo articolo


Da www.axios.com

 

Jair Bolsonaro 1 Jair Bolsonaro 1

Il Brasile ha registrato per la prima volta più di 4 mila morti per COVID-19 in un arco di tempo di 24 ore nella giornata di martedì 6 aprile, secondo quanto ha annunciato il ministero della salute.

 

Questo aumento vertiginoso dei casi e dei decessi, favorito dalle restrizione troppo blande decise dal presidente Jair Bolsonaro e dalla circolazione della contagiosissima variante locale, sta travolgendo il sistema sanitario del Paese.

 

LA MASCHERINA DI BOLSONARO CON SE STESSO LA MASCHERINA DI BOLSONARO CON SE STESSO

Ormai i pazienti con il coronavirus occupano oltre il 90% dei letti in terapia intensiva nella maggior parte degli stati brasiliani.

 

Il Paese è sulla buona strada per superare il record che appartiene agli Stati Uniti di media più alta di morti giornalieri in una settimana, fissata a gennaio a quota 3.285 vittime: secondo l'Institute for Health Metrics and Evaluation dell'Università di Washington quella soglia verrà oltrepassata già la prossima settimana.

 

Il medico brasiliano Miguel Nicolelis, uno dei professori alla Duke University che sta monitorando il virus, ha paragonato la situazione a "un reattore nucleare che ha innescato una reazione a catena ed è fuori controllo", secondo quanto riferito da Reuters. "Siamo di fronte a una Fukushima biologica", ha detto Nicolelis.

 

JAIR BOLSONARO JAIR BOLSONARO

Il ministero della Salute ha dichiarato martedì di aver registrato 4.195 morti per COVID-19 e 86.979 nuovi casi nelle ultime 24 ore. Il Paese ha registrato più di 336.940 morti e 13,1 milioni di contagi dall'inizio della pandemia. Solo gli Stati Uniti hanno contato più morti e casi.

 

Lo stato di San Paolo, il più popoloso del Brasile, ha fatto segnare quasi 1.400 morti martedì. I funzionari sanitari hanno detto che la cifra era così alta in parte a causa del conteggio ritardato dovuto alle vacanze di Pasqua.

 

CORONAVIRUS BRASILE CORONAVIRUS BRASILE

Eppure nonostante tutto questo il presidente Jair Bolsonaro continua a rifiutare l'idea di distanziamento sociale, mascherine e chiusure.

 

"Il fatto è che la narrativa anti-lockdown del presidente Bolsonaro ha vinto", ha detto ad AP Miguel Lago, direttore esecutivo dell'Istituto brasiliano per gli studenti di politica sanitaria.

 

CORONAVIRUS BRASILIA CORONAVIRUS BRASILIA

"Ai sindaci e ai governatori è politicamente proibito rafforzare le misure di distanziamento sociale perché sanno che i sostenitori del presidente, compresi gli imprenditori, le saboterebbero".

 

Il ministro dell'Economia Paulo Guedes ha detto martedì che crede che il Brasile "potrebbe tornare al lavoro" in due o tre mesi, secondo Reuters.

 

BRASILE CORONAVIRUS BRASILE CORONAVIRUS

Anche la campagna di vaccinazione del Paese è stata rallentata dalla carenza di fiale. "Il Brasile arrancava mentre il mondo correva per assicurarsi i vaccini, frenando così il lancio di un serio programma di immunizzazione nazionale", ha osservato Reuters.

jair bolsonaro jair bolsonaro

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute