"CAMERATA BENITO MUSSOLINI, PRESENTE!" – PER IL CENTENARIO DELLA MARCIA SU ROMA, UN GRUPPO DI FASCISTELLI VARI E AVARIATI SI SONO RITROVATI A PREDAPPIO PER UN CORTEO FINO ALLA CRIPTA DOVE È SEPOLTO IL DUCE – HANNO INTONATO “FACCETTA NERA” E SALUTATO IL LORO IDOLO. IL PRESIDENTE DEGLI “ARDITI”, MIRCO SANTARELLI, AVEVA CHIESTO DI EVITARE I SALUTI ROMANI PER NON RISCHIARE UNA DENUNCIA, MA IN MOLTI NON HANNO RESISTITO E HANNO TESO IL BRACCIO. LE VECCHIE ABITUDINI SONO DURE A MORIRE… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

Da www.corriere.it

 

raduno di fascisti a predappio per il centenario della marcia su roma 2 raduno di fascisti a predappio per il centenario della marcia su roma 2

Sono circa 2.000 i nostalgici del fascismo che oggi, in occasione del centenario della marcia su Roma, si sono ritrovati a Predappio. In mattinata è partito il corteo che, dalla cittadina in provincia di Forlì che diede i natali a Mussolini ha come meta la cripta dove è sepolto il duce. Numerosi dei partecipanti - gli «Arditi» - indossano la camicia nera e il fez: qualcuno ha accennato saluti romani e intonato «Faccetta nera» o «Allarmi, siam fascisti». Tra i partecipanti ci sono anche bambini.

 

In apertura della manifestazione nostalgica ha parlato Orsola Mussolini pronipote del capo del fascismo: «Se dopo 100 anni siamo ancora qui è per rendere omaggio a colui che questo Stato volle e al quale non faremo mai mancare la nostra ammirazione», ha detto. «Siete uno spettacolo. Il desiderio mio e di mia sorella Vittoria - ha proseguito - è portarvi un caloroso ringraziamento per aver organizzato e portato a termine questa manifestazione così sentita. Manifestazione servita a ricordare la marcia di 100 anni fa» che portò il re «a conferire al nostro bisnonno l’incarico di fare il presidente del Consiglio.

 

raduno di fascisti a predappio per il centenario della marcia su roma 3 raduno di fascisti a predappio per il centenario della marcia su roma 3

Da lì lui e i suoi collaboratori partirono per fare uno Stato nuovo, più efficiente e più efficace, teso a risolvere i problemi». «Ho piacere che abbia vinto Giorgia Meloni - ha detto invece Mirco Santarelli, presidente degli «Arditi» - perché il mio nemico numero uno è la sinistra».

 

Giunti al cimitero, i partecipanti hanno declamato la formula di rito: «Camerata Benito Mussolini, presente!». Il presidente degli Arditi ha chiesto a tutti di mettersi una mano sul cuore anziché esibirsi nel saluto a braccio teso, per non rischiare una denuncia per apologia del fascismo. Non tutti, però, hanno rispettato l’invito.

 

Venerdì, giorno preciso della ricorrenza della presa del potere da parte di Mussolini, sempre a Predappio si era svolta un’altra manifestazione di segno opposto, organizzata dall’Anpi. Il Comune aveva negato il patrocinio motivando che il corteo avrebbe intralciato il traffico.

raduno di fascisti a predappio per il centenario della marcia su roma 4 raduno di fascisti a predappio per il centenario della marcia su roma 4 raduno di fascisti a predappio per il centenario della marcia su roma 5 raduno di fascisti a predappio per il centenario della marcia su roma 5 raduno di fascisti a predappio per il centenario della marcia su roma 6 raduno di fascisti a predappio per il centenario della marcia su roma 6 raduno di fascisti a predappio per il centenario della marcia su roma 1 raduno di fascisti a predappio per il centenario della marcia su roma 1

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“ENTRO FINE ANNO AVREMO 10 MILIONI DI ITALIANI A LETTO CON L'INFLUENZA” - IL VIROLOGO FABRIZIO PREGLIASCO: “NEGLI ULTIMI ANNI DI VIRUS NE È CIRCOLATO POCO PER VIA DI MASCHERINE E DISTANZIAMENTO E PER QUESTO ABBIAMO UNA QUOTA MAGGIORE DI POPOLAZIONE PREDISPOSTA AL CONTAGIO - GLI ANTIBIOTICI NON VANNO MAI PRESI, NEMMENO A SCOPO PROTETTIVO PER I PIÙ ANZIANI, COME QUALCHE VOLTA ERRONEAMENTE SENTO DIRE. UNICA ECCEZIONE LA FANNO LE PERSONE CHE SOFFRONO DI BRONCHITE CRONICA O NEL CASO CI SIA UNA CONTEMPORANEA INFEZIONE BATTERICA. È SCONSIGLIATO FARE DA SÉ..."