"CI SONO DUE COSE CHE NON SI CHIEDONO A UNA RAGAZZA TRANS: IL SUO VECCHIO NOME E COS'HA TRA LE GAMBE" – PARLA LA 20ENNE DI AVELLINO A CUI È STATO RICONOSCIUTO DAL TRIBUNALE IL CAMBIO DI SESSO ANAGRAFICO ANCHE SENZA INTERVENTO CHIRURGICO – “SONO STATA BULLIZZATA, DALL'ASILO ALLE SCUOLE SUPERIORI. UNA RAGAZZA TRANS SI VEDE SEMPRE SBAGLIATA. VIVE IN UN VORTICE DI DEPRESSIONE COSTANTE. CONOSCO TANTE PERSONE CHE NON HANNO RETTO E SI SONO RIFUGIATE NELLA DROGA O NELLA PROSTITUZIONE"

-

Condividi questo articolo


trans trans

Antonio E. Piedimonte Per “la Stampa”

 

«Ho pianto, ho esultato, ma voglio aspettare che sia davvero tutto finito. Ho avuto tante delusioni in passato». È un'emozione che vuole controllare, Sarah. Dopo la sentenza di ieri, la giovane avellinese non dovrà più sopportare gli sguardi di chi non riusciva a conciliare la ragazza che aveva davanti con ciò che leggeva sulla carta d'identità.

cambio sesso cambio sesso

 

 A renderlo possibile è stata una sentenza del Tribunale di Avellino che ha accolto la richiesta di riconoscimento del cambio di sesso anagrafico anche senza intervento chirurgico. E ha ordinato al Comune di «effettuare la rettificazione di attribuzione del sesso nel relativo registro da maschile in femminile».

cambio sesso cambio sesso

 

I giudici hanno accolto la tesi presentata dallo studio legale De Stefano & Iacobacci, ritenendo di dare la priorità al rispetto del diritto alla salute, «garantito dall'equilibrio psico-fisico derivante dal riconoscimento del genere percepito». Passo non da poco, specie per chi ha vissuto il disagio di una profonda dicotomia psicofisica (tecnicamente: disforia di genere).

 

cambio sesso 9 cambio sesso 9

La storia è incominciata quando il suo nome era un altro, posso chiederglielo?

«Assolutamente no. Anzi, guardi, mi faccia una cortesia, lo scriva in grassetto che ci sono due cose che non devono mai chiedere a una ragazza transessuale, e una di questa è il vecchio nome».

 

E l'altra?

«Cos' ha tra le gambe. Scusi la brutalità».

 

Si figuri. Prosegua pure...

«Non credo sia una storia così diversa da tante altre. Sin da piccolina avevo le idee chiare.

 

cambio sesso 11 cambio sesso 11

Ero una bambina anche se il corpo diceva altro, e lo stesso, purtroppo, facevano tutti». Anche la sua famiglia?

«Quando avevo 7-8 anni mi portarono dallo psicologo. Disse che era una fase. Poi i miei genitori l'hanno capito, molti altri invece no».

 

È cresciuta in un paese piccolo, immagino ci siano state delle criticità...

«Meglio chiamare le loro cose con il loro nome».

cambio sesso 3 cambio sesso 3

 

Facciamolo.

«Sono stata bullizzata, dall'asilo alle scuole superiori».

 

Come l'ha affrontata?

«Con determinazione, forza, dolore. E con l'aiuto di mia sorella e di mia madre. E di chi ha saputo ascoltarmi. Perché non c'è solo l'aggressione dell'ignoranza e dei pregiudizi». 

 

disforia di genere disforia di genere

Che altro? 

«C'è che una ragazza transessuale deve fare i conti anche con lo specchio. Si vede sempre sbagliata. Vive in un vortice di depressione costante. Conosco tante persone che non hanno retto e si sono rifugiate nella droga o nella prostituzione. Io ho resistito e combattuto».

 

E continua a farlo... 

«Certo. Mica finisce. Ma non sono il tipo che si arrende. A 17 anni ho cominciato il percorso di transizione e a 18 quello ormonale». 

 

E poi, la battaglia finita ieri per il cambio del nome.

 «Sì, grazie agli avvocati Fabiola De Stefano e Stefano Iacobacci (che a giugno hanno seguito con successo un caso analogo, ndr)». 

disforia di genere 4 disforia di genere 4

 

Prossimo step? 

«Grazie alla sentenza ora potrò operarmi. Poi vorrei affermarmi professionalmente». 

 

Il primo desiderio che le viene in mente?

 «Vivo a Roma e lavoro nel campo dell'estetica. Sarebbe meraviglioso fare la truccatrice nel mondo dello spettacolo. Ora, mi scusi ma sono appena rientrata e vorrei farmi qualcosa da mangiare. Come vede, sono una ragazza normale che dopo il lavoro deve cucinare».

ARTICOLI CORRELATI

disforia di genere 1 disforia di genere 1 disforia di genere 6 disforia di genere 6 disforia di genere 5 disforia di genere 5

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“ENTRO FINE ANNO AVREMO 10 MILIONI DI ITALIANI A LETTO CON L'INFLUENZA” - IL VIROLOGO FABRIZIO PREGLIASCO: “NEGLI ULTIMI ANNI DI VIRUS NE È CIRCOLATO POCO PER VIA DI MASCHERINE E DISTANZIAMENTO E PER QUESTO ABBIAMO UNA QUOTA MAGGIORE DI POPOLAZIONE PREDISPOSTA AL CONTAGIO - GLI ANTIBIOTICI NON VANNO MAI PRESI, NEMMENO A SCOPO PROTETTIVO PER I PIÙ ANZIANI, COME QUALCHE VOLTA ERRONEAMENTE SENTO DIRE. UNICA ECCEZIONE LA FANNO LE PERSONE CHE SOFFRONO DI BRONCHITE CRONICA O NEL CASO CI SIA UNA CONTEMPORANEA INFEZIONE BATTERICA. È SCONSIGLIATO FARE DA SÉ..."