"GINO CECCHETTIN NON SI CANDIDERÀ" – GLI AVVOCATI DEL PAPA’ DELLA GIOVANE UCCISA DA FILIPPO TURETTA SMENTISCONO L’ARTICOLO DEL “FATTO QUOTIDIANO” SECONDO CUI IL 55ENNE SAREBBE IN BALLO PER UNA CANDIDATURA CON IL PD ALLE PROSSIME EUROPEE – IL QUOTIDIANO DI TRAVAGLIO SOSTENEVA CI FOSSE PER LUI UN POSTO NELLA LISTA NEL NORD EST - "L'ATTIVISMO" DI GINO CECCHETTIN TRA INTERVISTE E UN LIBRO IN USCITA...

-

Condividi questo articolo


CECCHETTIN: AVVOCATI, 'PADRE DI GIULIA NON SI CANDIDERÀ, NOTIZIA INFONDATA E FALSA'

gino cecchettin - che tempo che fa gino cecchettin - che tempo che fa

(Adnkronos) - "Il signor Gino Cecchettin, nostro tramite, rappresenta che le notizie secondo le quali lo stesso sarebbe in procinto di candidarsi o di essere candidato alle elezioni europee con il Partito Democratico sono prive di fondamento e quindi false". Lo fanno sapere gli avvocati Nicodemo Gentile e Stefano Tigani.

 

"Lo stesso si dice molto contrariato dall'accaduto; oltretutto, tale notizia sta generando numerosi commenti diffamatori e inaccettabili. Il nostro assistito non può accettare che passi il messaggio, appunto falso, secondo cui lo stesso approfitti della tragedia che ha colpito la propria famiglia per trarne notorietà, utilità o qualche posto di rilievo, pertanto lo stesso valuterà eventuali azioni a tutela della propria persona".

 

CECCHETTIN: LA LISTA PD È PIÙ VICINA

Estratto dell’articolo di WA.MA. per “Il Fatto Quotidiano”

 

GINO CECCHETTIN GINO CECCHETTIN

Dopo essere andata all’Ariston a parlare della morte di suo figlio, Giogiò Cutolo, il giovane musicista napoletano ucciso per strada, in seguito a una lite per un parcheggio, la Di Maggio si è detta disponibile a candidarsi alle Europee, per portare avanti le ragioni del Sud (e quelle dei minori). Della corsa di Cecchettin, viceversa, si parla da novembre. Da quando, dopo il femminicidio di Giulia, lui si è trasformato in una sorta di figura simbolo, con una serie di discorsi pubblici […], interviste e pure comparsate televisive.

 

[…] Con un attivismo continuo che a molti è sembrato eccessivo e che gli ha attirato anche odio e critiche. In nuce, è già un personaggio politico. all’epoca aveva annunciato un suo “impegno civico”. Smentendo, però, l’idea di una candidatura. Ora le Europee si avvicinano e le voci ricominciano, sempre più insistenti. Il 5 marzo, per Rizzoli, esce il suo libro, scritto con Marco Franzoso, Cara Giulia.

 

GINO E GIULIA CECCHETTIN GINO E GIULIA CECCHETTIN

Quello che ho imparato da te. Scritto in forma di lettera alla 22enne, in realtà il libro è però esplicitamente rivolto pure ad altri genitori e alle istituzioni. Insomma, una traccia politica è più che evidente. Non solo. Cecchettin si è rivolto anche ai servizi di un’agenzia londinese di marketing per autori e attori, la Andrew Nurnberg. Tutte scelte nella direzione di un impegno pubblico che intende portare avanti.

 

il padre di giulia cecchettin il padre di giulia cecchettin

Per lui, si parla di un posto in lista nel Nord Est. La stessa circoscrizione dove dovrebbe candidarsi Stefano Bonaccini, che peraltro non ha ancora sciolto la riserva: aveva dato come dead line per farlo, la fine di gennaio. Ma ancora non si esprime: spera ancora che alla fine Giorgia Meloni si decida a togliere il veto al terzo mandato per i Presidenti di Regione, che resterebbe la sua priorità. E chi lo sa che alla fine la candidatura di Cecchettin non finirebbe per danneggiare proprio Bonaccini, nella scelta delle preferenze da parte degli elettori. Perché la corsa sarebbe sostenuta non solo dalle ragioni contro la violenza sulle donne, ma anche dal fatto che ormai è una sorta di icona.

 

GINO CECCHETTIN GINO CECCHETTIN giulia cecchettin filippo turetta giulia cecchettin filippo turetta giulia cecchettin giulia cecchettin ELENA E GINO CECCHETTIN AI FUNERALI DI GIULIA ELENA E GINO CECCHETTIN AI FUNERALI DI GIULIA

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...