"GUAGLIÒ, T'È PIACIUTO ‘O ZINGARIELLO, O NO?" – LA GAMBIZZAZIONE A MILANO DI ANTONIO ABRUZZESE, 39ENNE SINTI CHE VIVE IN UNA ROULOTTE, VIENE RIVENDICATA SU TIK TOK DAL COGNATO CHE LO "AVVERTE" ("FAI L’UOMO. 'A GALERA ME LA FACCIO A TESTA ALTA”) MINACCIANDOLO DI NON DENUNCIARE - ABRUZZESE, CHE HA UN LUNGO CURRICULUM CRIMINALE, STA ALLE REGOLE DELLA MALAVITA E NON HA INTENZIONE DI RIVOLGERSI ALLE FORZE DELL'ORDINE – L’ASSALTO AL PRONTO SOCCORSO DEI SUOI PARENTI

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Massimo Pisa per www.repubblica.it

 

minacce ad antonio abruzzese minacce ad antonio abruzzese

Non ha parlato Antonio Abbruzzese, il 39enne sinti originario di Torre Annunziata ferito a colpi di pistola martedì pomeriggio in viale Marche. E non per le sue condizioni di salute: operato ad entrambe le gambe all'ospedale Niguarda, la vittima è ancora sotto osservazione ma cosciente e ha potuto rispondere alle domande dei carabinieri della compagnia Duomo, che indagano sull'agguato messo in atto tra le auto che percorrevano la circonvallazione esterna.

 

Abbruzzese però ha spiegato di non aver riconosciuto il suo aggressore e di non avere intenzione di fare denuncia.

 

Non è stata una sorpresa per gli investigatori, considerato il passato pieno di precedenti di Abbruzzese - che vive in una roulotte dalle parti di via Val Maira - e la sparatoria dello scorso maggio in via Cefalù, in cui due parenti di Abbruzzese furono a loro volta ferite a colpi di pistola. E viste anche alle tensioni di martedì sera al pronto soccorso del Niguarda, dove diversi parenti del ferito si erano presentati, armati e minacciosi, a chiedere informazioni. […]

 

gambizzazione a milano gambizzazione a milano

Il riferimento è ad alcuni post e video postati nelle scorse ore su Tiktok. Immortalano un certo M. B., indicato come cognato di Abbruzzese, mentre declama una sorta di rivendicazione della sparatoria: "Guagliò, t'è piaciut'o zingariello, o no? Botta e risposta", dice l'uomo ammiccando alla telecamera in napoletano.

 

Per poi consigliare alla vittima di "fare l'uomo", cioè di non denunciare, sfidandolo ad un confronto a quattr'occhi: "Sul'. Un'e uno". Infine, nel caso di denuncia, "'a galera a testa alta m'a facc', gamba su gamba". Un conteggio con le dita fino a quattro, come i colpi sparati, chiude il messaggio.

minacce ad antonio abruzzese minacce ad antonio abruzzese

 

In un ulteriore video, anche questo acquisito dai carabinieri, comparirebbe la madre di M. B., ripresa a Cinisello Balsamo con toni altrettanto minacciosi mentre agita le mani mimando il gesto di chi parla: "Canta quanto vuoi tu, tanto chi ha le p... viene qua. Hai visto chi è mio figlio?". […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA