"IO E SERENA NON SIAMO MAI STATE LIBERE. FIN DA BAMBINE, TUTTO CIO' CHE ABBIAMO FATTO E' STATO LAVORARE" - VENUS WILLIAMS E LA SORELLA, SULLA COPERTINA DELLA RIVISTA "HARPER'S BAZAAR", RACCONTANO I LORO PROGETTI PER IL FUTURO - "DICIAMO CHE DIVENTEREMO BODY BUILDERS DOPO IL TENNIS. POTREBBE NON SUCCEDERE ESATTAMENTE COSI', MA NON SI SA MAI"... - FOTO

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Daily Mail

 

serena e venus williams serena e venus williams

«Io e Serena non siamo mai state libere. Fin da bambine, tutto ciò che abbiamo fatto è stato lavorare». Sul numero di marzo della rivista Harper’s Bazaar, Serena e Venus Williams, fotografate in costume da bagno, raccontano i loro progetti per il futuro.

 

«Penso che per me e Serena la libertà è surreale. Non siamo mai state libere». Nell'intervista, Venus ha scherzosamente elaborato i loro piani per quando si ritireranno dal tennis. «Serena e io diciamo che diventeremo body builders dopo il tennis. Potrebbe essere estremo. Potrebbe non succedere esattamente così, ma non si sa mai».

 

Nel frattempo, Serena ha spiegato di non pensare alla sua eredità. «È qualcosa a cui non penso né voglio», ha detto. «Non voglio pensare a cosa sto lasciando. Penso solo a chi sono ogni singolo giorno a porte chiuse e dietro le telecamere. Ed è su questo che mi concentro».

 

serena e venus williams 9 serena e venus williams 9

Venus è stata anche reticente nel discutere l'impatto della sua eredità, dicendo: «Sono così ispirato anche da altri changemaker. Adoro il design. Adoro il tutoraggio. Amo trasmettere quello che so».

 

Sebbene entrambe le sorelle abbiano ottenuto risultati straordinari nelle loro lunghe carriere, Venus si è affrettata a elogiare sua sorella, citando i 23 titoli del Grande Slam di Serena. «Serena è quella con tutti i trofei», ha detto ad Harper's, nonostante sia stata incoronata sette volte campionessa del Grande Slam.

 

Venus ha anche riflettuto sulla copertura mediatica delle sorelle nelle loro prime carriere. «Di solito in una famiglia c'è un buon giocatore e poi l'altro non è eccezionale», ha detto Venus. «E penso che la gente abbia detto a Serena che non sarebbe stata eccezionale. L'impavidità con cui si è avvicinata al gioco è stata qualcosa che ho sempre ammirato molto».

 

serena e venus williams 8 serena e venus williams 8

«Lei non accetta di essere seconda. Lei stessa mi ha detto esplicitamente che gioca per il primo posto».  Le sorelle hanno anche discusso di King Richard, il film acclamato dalla critica del 2021 di cui sono state produttrici esecutive.

 

King Richard segue l'ascesa alla grandezza di Venus e Serena, ma è in gran parte incentrato sul padre Richard, interpretato da Will Smith. Venus ha detto: «Penso che la gente non abbia nemmeno pensato a quello che è successo prima che diventassimo professioniste».

 

Serena ha osservato: «Questo non è un film sul tennis. Questo è un film sulla famiglia». Ha spiegato la sua visione del film, paragonando King Richard a un film di supereroi. «Sono una sognatrice e amo la Marvel», ha detto Serena ad Harper's. «Penso che King Richard sia come Iron Man e che ci siano ancora altre storie attorno ad esso».

 

serena e venus williams 3 serena e venus williams 3

«La prossima, ovviamente, sarebbe la storia di Venus, e poi c'è sempre la storia delle nostre altre tre sorelle, e poi c'è la mamma, e poi c'è la storia di Serena». «Quando lo guardo, vedo che comprende tutto questo genere di cose da supereroi».

 

Serena ha spiegato come il ritratto nel film del padre, che ha dato la priorità alla salute e alla felicità rispetto alla carriera, ha sfidato la percezione comune di molte persone dei genitori degli atleti professionisti. «Molte persone hanno questa storia diversa di padri sportivi, specialmente padri del tennis, che sono davvero prepotenti», ha detto. «E non era necessariamente mio padre.  Tutti dicono, “Beh, come fai a giocare a tennis per così tanto tempo?' È perché non siamo cresciuti in un ambiente in cui era qualcosa che detestavamo”».

 

Serena ha detto che era spesso riluttante a raccontare a suo padre delle sue ferite poiché sapeva che avrebbe insistito affinché si riposasse prima di continuare a giocare. «Mi dice sempre “Prenditi il tuo tempo. Starai bene. Non giocare”».'

 

serena e venus williams 2 serena e venus williams 2

Ha anche condiviso un importante consiglio che Richard ha dato a lei e ai suoi fratelli. Serena ha detto: «Mio padre ci ha sempre detto di pianificare in anticipo. Se non riesci a pianificare, hai intenzione di fallire».

 

Ha aggiunto: «Non abbiamo mai programmato di giocare solo a tennis e di essere solo tennisti. Avevamo pianificato di fare di più».

 

Serena ha anche discusso del ritratto nel film della sua sorellastra Yetunde, uccisa in una sparatoria nel 2003, e della reazione della figlia di quattro anni Olympia al film.

 

«Ci siamo assicurati di eliminare le cose che non erano adatte ai bambini», ha detto Serena. «Non ha mai incontrato mia sorella maggiore. Dice di capire che Tunde non è nei paraggi. È stato interessante per me in un modo triste, ma almeno la conosce un po' meglio».

 

serena e venus williams 6 serena e venus williams 6

Serena ha anche sottolineato gli stretti legami della famiglia. Ha spiegato che, sebbene non celebrino le feste da quando sono cresciuti come testimoni di Geova, fanno delle riunioni di famiglia una priorità. Ha detto: «Ci piace davvero trovare sempre il modo per stare in compagnia».

 

Venus ha anche valutato l'importanza della loro famiglia come modello per altre famiglie afroamericane, anche se ha affermato che la loro famiglia era «solo unica per noi stessi». Ha continuato: «Ovviamente siamo una famiglia afroamericana ed è importante che le persone vedano le famiglie afroamericane in quella dinamica ... per avere un modello di ruolo».  Anche se, ha affermato: «La nostra famiglia era super unica».

serena e venus williams 5 serena e venus williams 5 serena e venus williams 13 serena e venus williams 13 serena e venus williams 12 serena e venus williams 12 serena e venus williams 10 serena e venus williams 10 serena e venus williams 11 serena e venus williams 11 serena e venus williams 4 serena e venus williams 4 serena e venus williams 7 serena e venus williams 7

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?