"LA MADRE DI SAMAN CI AVEVA FATTO CREDERE DI APPROVARE LA NOSTRA RELAZIONE" - LA RABBIA DI AJUB SHAQUIB, IL FIDANZATO DI SAMAN ABBAS: NEL 2020 IL PADRE DI SAMAN ANDÒ PERSONALMENTE A CASA DEI SUOI GENITORI IN PAKISTAN INSIEME AD ALTRI UOMINI, SPARANDO IN ARIA E INTIMANDO LORO DI ORDINARE AL RAGAZZO DI ROMPERE I RAPPORTI PER VIA DEL MATRIMONIO COMBINATO DI SAMAN CON UN CUGINO DI DIECI ANNI PIÙ VECCHIO - L'INGANNO CHE LA MADRE DI SAMAN HA TESO ALLA FIGLIA...

-

Condividi questo articolo


Filippo Fiorini per “la Stampa”

 

saqib ayub saman abbas saqib ayub saman abbas

Saquib risponde al telefono e quando capisce che si parla di Saman, sente tornare la paura. Le parole gli diventano mugugni, forse perché nel 2020 Shabbar Abbas, padre della diciottenne uccisa la notte del 30 aprile 2021 a Novellara, andò personalmente a casa dei suoi genitori in Pakistan accompagnato da altri uomini. Sparò in aria e intimò loro di ordinare al ragazzo di rompere i rapporti che lui e Saman intrattenevano in Italia, disobbedendo al matrimonio combinato con un cugino di dieci anni più vecchio, che lei non amava.

SAMAN ABBAS SAMAN ABBAS

 

Se gli si legge la frase «noi siamo morti in quel momento», che Nazia Shaheen, madre di Saman, ha scritto in chat con il figlio minore, in riferimento all'attimo in cui lei e il marito Shabbar l'hanno consegnata con l'inganno nelle mani dei cugini e dello zio affinché l'uccidessero, dice: «Ci aveva fatto credere di approvare la nostra relazione», poi riattacca. Lui si è rifatto una vita, si è sposato, ma la sua famiglia è ancora in Pakistan, così come anche Shabbar e Nazia, latitanti dall'indomani del delitto e mai dichiaratisi colpevoli.

 

Nelle carte che preparano il processo per l'omicidio di una giovane che si era ribellata a un'autorità famigliare guidata dai dettami dell'Islam più intransigente (esercitata da padre e zio, con la complicità di ciascuno degli altri membri del nucleo), la frase che Saquib ha detto al telefono compare in forma più estesa: «Devi dire a Saman di tornare a casa, così che tutti insieme possiamo andare in Pakistan per il vostro matrimonio», gli disse Nazia.

 

saqib ayub saman abbas saqib ayub saman abbas

 Nelle stesse carte, c'è anche il messaggio whatsapp in cui la donna scrive al figlio oggi affidato a una comunità protetta, che lei e il marito sarebbero spiritualmente morti nell'attimo del delitto. Dai documenti, emerge come entrambi (madre e figlio), in combutta col resto dei parenti, si siano adoperati per mesi allo scopo di riportare Saman nei canoni del loro stile di vita: donne in casa e uomini al lavoro, saltuariamente, ubriachi molesti (il riferimento, dalle carte, è al padre Shabbar).

 

Per farlo, Nazia e il ragazzo tuttora minorenne hanno ripetutamente fatto ricorso alla persuasione a alle menzogne, mentre gli altri (Shabbar Abbas, Ikram Ijaz, Noumanoulhaq, Noumanoulhaq, considerati complici, e Danish Hasnain, esecutore materiale) usavano anche le minacce: prima priva di una scheda sim e poi priva di un cellulare, Saman chiedeva l'hotspot dati e il telefono al fratellino, che di nascosto faceva da ponte con i restanti membri del clan per mostrare quello che loro consideravano uno scandalo.

 

saqib ayub saqib ayub

Per esempio, la foto di una sera trascorsa con due passi in centro a Bologna e un bacio per strada. Per questo, Saquib, interrogato, disse ai Carabinieri di Reggio Emilia di non fidarsi del fratello minore della fidanzata e riferì che Saman gli aveva detto di non fidarsi di sua madre Nazia.

 

Gli ultimi tranelli che la donna ha teso alla figlia, precedono di poco la notte in cui la mandò a morire. Tornata a Novellara il 20 aprile per recuperare il proprio permesso di soggiorno (sequestratole dal padre), Saman lesse un messaggio sul cellulare della madre in cui un'utenza salvata come «Zio Mamu», le diceva: «L'unica soluzione è ucciderla». Messa davanti al fatto, Nazia tentò inutilmente di tranquillizzarla dicendole che si parlava di un'altra ragazza.

 

In tutti gli 11 giorni trascorsi presso l'azienda agricola in cui gli Abbas vivevano, Saman è stata ripresa dalle telecamere di sicurezza vestendo sempre abiti tradizionali. Tutti, tranne l'ultimo, in cui aveva un giubbotto di pelle e un paio di jeans. Il motivo è che, dopo l'ennesima lite, i genitori le avevano fatto credere di potersene andare definitivamente. Si offrirono anche di accompagnarla in stazione, invece la portarono tra le serre dove zio e cugini l'attendevano per immobilizzarla e strangolarla.

 

il fidanzato di saman abbas a dritto e rovescio 2 il fidanzato di saman abbas a dritto e rovescio 2

Scoppiata a piangere e rientrata a casa prima dell'esecuzione, Nazia non ha mai espresso esplicitamente pentimento e non lo fece nemmeno nella chat col figlio: «Pensa a tutte le cose, pensa ai messaggi che ci facevi ascoltare e poi chiediti se i tuoi genitori hanno sbagliato», gli scrive quando lui protesta per l'intervento di altri due parenti nel decidere la morte di Saman e promette di «fargliela pagare». Questo adolescente sarebbe poi fuggito con zio e cugini e, da quando è stato catturato, è il principale teste dell'accusa. -

ARTICOLI CORRELATI

il fidanzato di saman abbas a dritto e rovescio 3 il fidanzato di saman abbas a dritto e rovescio 3 il fidanzato di saman abbas a dritto e rovescio 1 il fidanzato di saman abbas a dritto e rovescio 1 le ultime immagini di saman abbas viva dritto e rovescio 7 le ultime immagini di saman abbas viva dritto e rovescio 7 Danish Hasnain Danish Hasnain SAMAN ABBAS SAMAN ABBAS le ultime immagini di saman abbas viva dritto e rovescio 5 le ultime immagini di saman abbas viva dritto e rovescio 5 le ultime immagini di saman abbas viva dritto e rovescio 3 le ultime immagini di saman abbas viva dritto e rovescio 3 SAMAN ABBAS SAMAN ABBAS un fermo immagine del video che mostra lo zio e due cugini di saman abbas un fermo immagine del video che mostra lo zio e due cugini di saman abbas DANISH HASNAIN ZIO DI SAMAN ABBAS DANISH HASNAIN ZIO DI SAMAN ABBAS

 

Condividi questo articolo

media e tv

“QUI IN GENERE RUSSANO. È UN BENE CHE LA SERATA SIA RUSSA” – DAGO IRROMPE NEL FOYER DELLA SCALA E PLAUDE ALLA DECISIONE DEL TEATRO DI NON CEDERE ALLA CANCEL CULTURE E PORTARE IN SCENA IL “BORIS GODUNOV” DI MUSORGSKIJ. UN SENTIMENTO CONDIVISO DALLA MAGGIOR PARTE DEL PUBBLICO, OLTRE CHE DA MATTARELLA E MELONI – GUADAGNINO: “PER FORTUNA ABBIAMO UN’OPERA RUSSA” – JAMES BRADBURNE (DIRETTORE DELLA PINACOTECA DI BRERA): “È UN ATTO DI CIVILITÀ” – AL TERMINE DELLO SPETTACOLO CI SONO STATI 13 MINUTI DI APPLAUSI, E L’INCASSO TOTALE È STATO DI QUASI 2,5 MILIONI, SUPERIORE AL MACBETH DELL’ANNO SCORSO

politica

“IO SO’ GIORGIA” E VOI NUN SIETE UN CAZZO – LA MELONI NON SI FIDA DEI SUOI ALLEATI E PROVA A “COMMISSARIARE” LA MANOVRA: SARÀ CREATA UNA “CABINA” DI REGIA, COMPOSTA DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI DELLA MAGGIORANZA E GUIDATA DA SUO COGNATO, FRANCESCO LOLLOBRIGIDA – I DEPUTATI DI FORZA ITALIA RUMOREGGIANO E FANNO NOTARE CHE IL COORDINAMENTO DOVREBBE SPETTARE ALLA COMMISSIONE BILANCIO (PRESIEDUTA GUARDA CASO DALL’AZZURRO MANGIALAVORI), MA IL TEMPO È POCO E I SOLDI ANCORA MENO, ERGO BISOGNA FARE PRESTO…

business

cronache

sport

DOPO AVER SCASSATO IL BILANCIO DELLA JUVE, CR7 PUO’ DARE LA MAZZATA DEFINITIVA A AGNELLI - RONALDO È PRONTO A PRESENTARE LA “CARTA SEGRETA” IN PROCURA. IL PORTOGHESE È STATO RICONOSCIUTO DAI SINDACI COME “CREDITORE” DI 20 MILIONI DI EURO. LA SUA RICHIESTA DI ACCESSO AGLI ATTI È STATA RESPINTA PERCHÉ "GENERICA". MA PER GLI INQUIRENTI LUI HA IL DOCUMENTO – LA SOCIETA’ DI REVISIONE DELOITTE: "NEI BILANCI MANCANO I DEBITI" – I RISCHI DI “SANZIONI, ESCLUSIONE O LIMITAZIONE ALL'ACCESSO ALLE COMPETIZIONI” PER LE CONTROVERSIE CON LA UEFA…

cafonal

viaggi

salute

“ENTRO FINE ANNO AVREMO 10 MILIONI DI ITALIANI A LETTO CON L'INFLUENZA” - IL VIROLOGO FABRIZIO PREGLIASCO: “NEGLI ULTIMI ANNI DI VIRUS NE È CIRCOLATO POCO PER VIA DI MASCHERINE E DISTANZIAMENTO E PER QUESTO ABBIAMO UNA QUOTA MAGGIORE DI POPOLAZIONE PREDISPOSTA AL CONTAGIO - GLI ANTIBIOTICI NON VANNO MAI PRESI, NEMMENO A SCOPO PROTETTIVO PER I PIÙ ANZIANI, COME QUALCHE VOLTA ERRONEAMENTE SENTO DIRE. UNICA ECCEZIONE LA FANNO LE PERSONE CHE SOFFRONO DI BRONCHITE CRONICA O NEL CASO CI SIA UNA CONTEMPORANEA INFEZIONE BATTERICA. È SCONSIGLIATO FARE DA SÉ..."