"IL NOSTRO MESTIERE È SALVARE PERSONE, NON RACCOGLIERE CADAVERI" - VIAGGIO A CALAIS, DOVE LE ASSOCIAZIONI UMANITARIE FRANCESI PARTONO PER SOCCORRERE I NAUFRAGI NEL CANALE DELLA MANICA, NUOVA FRONTIERA DEGLI SCAFISTI - QUI IL 24 NOVEMBRE LA STRAGE DEI MIGRANTI, CON DUE SOPRAVVISSUTI SU 33 PROFUGHI - "DICONO CHE È SOLO UN LAGO MA POI LA GENTE AFFOGA. QUALCHE GIORNO FA C'ERA UNA DONNA CHE URLAVA IN MARE CON IL SUO BAMBINO DI TRE MESI IN BRACCIO E…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Anais Ginori per “la Repubblica

 

migranti a calais 1 migranti a calais 1

Quando il tempo è bello, si possono vedere le bianche scogliere di Dover. «I passeurs dicono ai migranti che questo è un lago ed è facile attraversarlo, ma non è vero. Il Canale tradisce anche i migliori navigatori». Volto scavato dalla salsedine, Charles Devos non ha dimenticato quella notte.

 

«Il nostro mestiere è salvare persone, non raccogliere cadaveri». Una settimana fa è partito con la sua imbarcazione non appena si è sparsa la voce di un gommone alla deriva. A bordo c'erano trentatre persone. Devos è riuscito a dare soccorso agli unici due sopravvissuti. Di naufragi ne aveva visti tanti, ma una strage così non era mai accaduta nella Manica.

 

migranti partono da calais 5 migranti partono da calais 5

«Pensavamo di poterci abituare, e invece è ancora scioccante, in particolare quando ci sono bambini», racconta negli uffici della Société nationale de sauvetage en mer, un cubo di cemento battuto da raffiche di vento. Nell'ultimo anno le chiamate sono quotidiane perché quel tratto di mare, poco più di trenta chilometri, è l'ultima strettoia per raggiungere il Regno Unito.

 

La zona del porto è ormai protetta da telecamere e alte recinzioni di filo spinato, in un'atmosfera lugubre che fa pensare alla Germania Est, mentre il traforo dell'Eurotunnel è circondato da profondi fossi riempiti d'acqua che ricordano battaglie medioevali contro i barbari.

 

migranti a calais migranti a calais

«Qualche giorno fa continua Devos - c'era una donna che urlava in mare con il suo bambino di tre mesi in braccio». Erano partiti da Loon Plage, landa desolata verso Dunkerque. Uomini, donne e bambini stipati in una sorta di "piscina gonfiabile" come racconta il marinaio.

 

A volte è anche peggio. I migranti salgono a bordo di piccole canoe, materassini gonfiabili, un uomo è stato ritrovato morto con indosso una ciambella fatta di bottiglie di plastica. Mohammed Sheka è uno dei sopravvissuti della strage del 24 novembre.

 

migranti a calais 3 migranti a calais 3

Il canotto ha cominciato subito a prendere acqua. «Abbiamo chiamato la polizia francese», ricorda Mohammed. «Hanno chiesto la nostra posizione e hanno detto che eravamo in acque britanniche, non era possibile intervenire».

 

«A quel punto - prosegue l'iraniano di ventuno anni - abbiamo telefonato agli inglesi. Ci hanno risposto: parlate con i francesi». Nell'assurdo rimpallo, il mare era ormai diventato una trappola. «Ci siamo presi per mano, per darci coraggio».

 

MIGRANTI NEL CANALE DELLA MANICA MIGRANTI NEL CANALE DELLA MANICA

Le autorità francesi smentiscono di aver ignorato un Sos quella notte. L'allarme ufficialmente è arrivato da un pescatore di Boulogne-sur-Mer, uno dei tanti in lotta per le licenze bloccate dal Brexit. L'inchiesta dovrà ricostruire la dinamica dei fatti e trovare i responsabili.

 

Mohammed non vuole parlare dei trafficanti che smistano le partenze e si comportano ormai da padroni sulla Côte d'Opale francese, la costa tra Dunkerque, la frontiera belga e la foce della Somme.

 

migranti nel canale della manica migranti nel canale della manica

I rumeni sono la comunità insediata da più tempo tra i passeurs. Poi ci sono i curdi, i vietnamiti. Ognuno ha la sua rotta, la sua clientela a cui far pagare anche tremila euro per una traversata.

 

Mohammed glissa le domande, spiega di essere stato minacciato dai contrabbandieri. I quasi duecento chilometri di costa sono pattugliati dalla guardia costiera e dalla gendarmeria francese per conto degli inglesi.

 

Continua a leggere su:

https://www.repubblica.it/esteri/2021/12/02/news/gommoni_nascosti_tra_dune_e_bunker_viaggio_a_calais_frontiera_degli_scafisti-328719566/

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

RISIKO QUIRINALE - LETTA LO SA CHE FRANCESCHINI, ORFINI E LA SINISTRA PD AVVERSANO L’IDEA CHE DRAGHI POSSA ANDARE AL QUIRINALE? ANCHE CONTE NON CONTROLLA IL M5S. SENZA CONTARE IL NIET A MARIOPIO DI BERSANI-D'ALEMA – IL DEM ZANDA TEME CHE LA MOSSA DEL CENTRODESTRA DI CANDIDARE BERLUSCONI AVVICINI LE URNE SE IL CAV NON CE LA FA SALVINI E RENZI POTREBBERO PUNTARE SU CASINI O FRATTINI – TRA GLI OBIETTIVI DEL GOVERNO CHE VERRA’ LA NUOVA LEGGE ELETTORALE. CHE SERVA IL PROPORZIONALE LO PENSANO CONTE, SALVINI E PARTE DI FORZA ITALIA. È LO SCENARIO PIÙ TEMUTO DA GIORGIA MELONI

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute