"AGLI OSCAR POTEVAMO VINCERE, MA SONO STATI COMMESSI TROPPI ERRORI" – MATTEO GARRONE, REGISTA DI "IO CAPITANO", FILM CANDIDATO COME MIGLIORE PELLICOLA STRANIERA, SI MANGIA LE MANI: “NON ABBIAMO AVUTO IL DISTRIBUTORE AMERICANO GIUSTO CHE HA INVESTITO QUELLO CHE ANDAVA INVESTITO. NESSUNO CI HA DETTO CHE SI POTEVA CORRERE IN TUTTE LE CATEGORIE. UNA COSA CHE FA LA DIFFERENZA PERCHÉ..." - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Federico Conte per www.corriere.it

 

matteo garrone foto di bacco matteo garrone foto di bacco

«Agli Oscar era possibile vincere. Purtroppo la campagna non è andata come

doveva andare, non abbiamo avuto il distributore americano giusto che ha investito quello che andava investito e poi, soprattutto, nessuno ci ha detto che si poteva correre in tutte le categorie.

 

Una cosa che fa la differenza perché è una gara in cui non tutti partono alla pari. Se corri per tutte le categorie hai come votanti tutti i diecimila dell'Academy, mentre per la categoria miglior film straniero a votare sono solo in mille». Così al Bif&st Matteo Garrone si toglie qualche sassolino dalle scarpe dopo la sconfitta di "Io Capitano" agli Oscar.

 

papa francesco riceve matteo garrone e gli attori del film io capitano 2 papa francesco riceve matteo garrone e gli attori del film io capitano 2

Il regista ha tenuto una master-class al teatro Petruzzelli dopo la proiezione di "Io capitano" che ha appena corso agli Oscar nella categoria film Internazionali dove ha poi vinto "La zona d'interesse" del regista inglese Jonhathan Glazer. «Gli inglesi votanti sono poi ben novecento, mentre gli italiani poco più di cento - ha spiegato -. Correre per tutte le categorie ci avrebbe dato più chance».

matteo garrone io capitano matteo garrone io capitano io capitano di matteo garrone io capitano di matteo garrone MATTEO GARRONE E IL CAST DI IO CAPITANO A NEW YORK MATTEO GARRONE E IL CAST DI IO CAPITANO A NEW YORK io capitano di matteo garrone io capitano di matteo garrone matteo garrone 2 matteo garrone 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?