"SEI CADUTO IN UNA BUCA? COLPA TUA, DOVEVI SAPERLO" - LE SENTENZE ASSURDE DEL TRIBUNALE CIVILE CONTRO I CITTADINI CADUTI NELLE BUCHE PER LE STRADE DI ROMA - IL CASO DELL'ATTRICE RAFFAELA LEBBORONI, MOGLIE DEL REGISTA FRANCESCO BRUNI, CADUTA IN UNA VORAGINE A TRASTEVERE CHE LE HA PROVOCATO UNA FRATTURA AL PIEDE: "IN PRATICA, SE TU SEI DELLE PRENESTINA E CADI IN UNA BUCA A TRASTEVERE, OK. MA SE SEI DI TRASTEVERE, CICCIO, LO DOVRESTI SAPERE CHE LÌ C'È UNA BUCA" - TUTTA COLPA DELLA "PRESUNZIONE DI CONOSCENZA"

-

Condividi questo articolo


Lorenzo d'Albergo per “la Repubblica - Edizione Roma”

buche roma 3 buche roma 3

 

Le cancellerie del tribunale civile ne sono piene. Basta aprire uno dei cassetti di viale Giulio Cesare ed ecco spuntare decine, centinaia, migliaia di cause presentate da chi ha avuto la sventura di avere contatti troppo ravvicinati con l'asfalto capitolino. Piedi fratturati, caviglie storte, bacini in frantumi. La casistica al capitolo marciapiedi è ampia. Piuttosto dolorosa a leggere le lamentele dei tumefatti.

 

buche roma 2 buche roma 2

Ma la risposta dei giudici è quasi sempre la stessa e si riassume così: «Sei caduto in una buca? Dovevi saperlo». Specie se il cratere è sotto casa. Oppure attorno al posto di lavoro. In burocratese si chiama «presunzione di conoscenza» - formula che qui, a Roma, ha le curiose sembianze di un accordo informale tra magistratura e la pubblica amministrazione a difesa delle casse del Campidoglio - ed è la croce degli avvocati romani.

buche roma. buche roma.

 

Per aggirarla servono pazienza, testimonianze di ferro e materiale fotografico di ottima qualità. Uno scatto per dimostrare che lì dove l'assistito di turno si è infortunato c'era una buca. Un altro per immortalare il rattoppo (tardivo) piazzato dopo la caduta dal Comune o dal Municipio.

 

raffaela lebboroni raffaela lebboroni

Solo così si può abbattere il muro eretto dal tribunale civile. Lo sa bene anche l'attrice Raffaella Lebboroni, a fine luglio caduta in una voragine trasteverina in via Bertani (strada di competenza municipale) che le è costata un'estate con un piede ingessato. Suo marito, il regista Francesco Bruni, giusto l'altro giorno si è sfogato contro la «presunzione di conoscenza» sui social.

 

Il sunto del film-maker che ha portato sul grande schermo Scialla! e ora attende l'esordio della serie Tutto chiede salvezza su Netflix, è particolarmente efficace: «In pratica, se tu sei delle Prenestina e cadi in una buca a Trastevere, ok. Ma se sei di Trastevere, ciccio, lo dovresti sapere che lì c'è una buca. Come se poi le buche fossero elemento immutabile del paesaggio urbano».

raffaela lebboroni francesco bruni raffaela lebboroni francesco bruni

 

Tornando alla caduta della compagna, parola alla protagonista: «Era fine luglio. Sono passata in lavanderia e mi sono allungata per via Bertani, una strada che non faccio mai per arrivare in piazza San Cosimato. Altro che presunzione di conoscenza. Quando il mio avvocato mi ha spiegato il significato di quella formula giurisprudenziale (valida in tutta Italia, ma a Roma particolarmente efficace se si conta il numero di buche disseminate in giro per la città, ndr) sono rimasta stupita. Ma comunque non mi rassegno. Faremo causa, anche perché la buca in cui sono caduta poi è stata coperta».

buche nell asfalto roma buche nell asfalto roma

 

In quel cratere, anzi due, in quei giorni è caduta «anche un'altra signora», riprende Raffaella Lebboroni. Che poi ricorda: «Quando sono arrivata al pronto soccorso, c'era anche un turista francese che era appena caduto in una buca. Tornando a me, la situazione sia assurda. Non conosco a memoria le buche sotto casa? Forse il piede avrei dovuto rompermelo a Centocelle».

BUCHE ROMA BUCHE ROMA

 

Anche qui, però, la giurisprudenza è vasta. E non propriamente amichevole. L'ultima sentenza alla voce buche è del 27 settembre ed estende il principio della «presunzione di conoscenza» al posto di lavoro. La storia è quella di una dipendente di un ufficio in via dei Gracchi, in Prati, scivolata sulla rampa per disabili che porta dalla carreggiata al marciapiede di via degli Scipioni, a due passi dalla fermata Ottaviano della metro A.

BUCHE ROMA BUCHE ROMA

 

I giudici sono impietosi: «Il sinistro si è verificato in ore diurne e in condizioni di visibilità. Né va sottaciuto che l'attrice (la persona che ha fatto causa, ndr) lavorava in zona e conosceva i luoghi teatro del sinistro e, più che verosimilmente, le condizioni del marciapiede» . Proprio così. Ecco «la presunzione di conoscenza» applicata.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…