"SONO POSITIVO MA NON LO DICO" – CHI HA SUPERATO LA MALATTIA NON NE VUOLE PARLARE PERCHÉ SI SENTE STIGMATIZZATO E C’È CHI, ANCHE SE POSITIVO, NON RACCONTA DI ESSERLO PER PAURA DI ESSERE RIFIUTATO DALLA COMUNITÀ: ''NON VOGLIO CHE GIOCHINO A FARE I POLIZIOTTI E CHE MI GIUDICHINO PER ESSERE STATA CONTAGIATA'' - IL RISCHIO È CHE MOLTI CONTINUINO A CONDURRE UNA VITA NORMALE PER EVITARE DI SENTIRSI ISOLATI E CADERE IN DEPRESSIONE…

-

Condividi questo articolo

Articolo di “El Pais”, dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

stigma coronavirus 10 stigma coronavirus 10

"Sono positivo, ma non lo dico". Lo stigma sul contagio gioca contro tutti se il malato, per nasconderlo, non prende precauzioni.

 

Raquel, una giornalista trentenne, è risultata positiva al test PCR e ha cercato di evitare che la gente scoprisse più del necessario. "Sto cercando lavoro e non volevo che si spargesse la voce e smettessero di chiamarmi: potrei entrare in qualsiasi azienda in pochi giorni, quando la mia quarantena sarà finita". Anche Julián, un manager culturale, è stato in quarantena e ancora oggi non gli piace parlarne: "Alcuni mi raccontano le loro esperienze positive o meno, ma io non racconto mai niente. Non so perché, non amo parlarne". Entrambi hanno preferito dare un nome falso. C'è uno stigma intorno a covid-19? C'è paura di questo stigma?

tampone tampone

 

Come riporta El Pais, "la stigmatizzazione è una discriminazione contro un gruppo specifico di persone, un luogo o una nazione", secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. È anche associato a pettegolezzi che promuovono voci e miti.

 

Questa situazione può riguardare individui che sono risultati positivi (anche se hanno superato la quarantena, perché non sono più attendibili nella diffusione della malattia); gruppi etnici che sono sospettati, senza fondamento, di trasmettere ulteriormente la malattia (come nel caso degli asiatici, o degli immigrati in generale); abitanti di aree con un alto numero di infezioni (come "madrileñofobia"); persone senza fissa dimora, o lavoratori in prima linea (come gli operatori sanitari, che sono venuti per essere molestati nei loro stessi edifici). O semplicemente persone che tossiscono. Secondo il Consiglio dei giovani, lo stigma sociale sui giovani si "moltiplica" nella pandemia.

 

stigma coronavirus 6 stigma coronavirus 6

Durante il confinamento, anche lo stigma associato a persone con problemi mentali o disabilità è inaspettatamente aumentato, secondo la cattedra UCM-Gruppo 5 contro lo stigma. "C'è anche un auto-stigmatismo, che si verifica quando interiorizziamo i pregiudizi", spiega Manuel Muñoz, direttore della UCM. Questo può portare ad un ulteriore contagio: "Alcune persone possono comportarsi come se non si trattasse di loro, senza accettare la realtà", dice l'esperto.

 

stigma coronavirus 4 stigma coronavirus 4

La stigmatizzazione gioca contro tutti: "Le persone colpite possono sentirsi isolate, aumentare la paura della malattia, cadere in depressione", spiega Guadalupe Fontán, portavoce del Consiglio generale delle infermiere. "Inoltre, la paura del rifiuto può portare le persone a non sottoporsi al test o, se il test è positivo, ad annullare le loro attività per non essere scoperte”. Nelle scuole, come ha sottolineato il Consiglio, i bambini che sono risultati positivi possono essere segnalati dagli altri. La soluzione è informare la comunità scolastica e la società in generale. "È normale e responsabile prendere precauzioni nel trattare con le persone infette, ma non è più ragionevole discriminare coloro che hanno già vissuto l'infezione o le famiglie degli infetti", spiega Muñoz.

stigma coronavirus 1 stigma coronavirus 1

 

A luglio, in vista dell'aumento delle infezioni, la presidente della Comunità di Madrid, Isabel Díaz Ayuso, ha fatto una proposta controversa: la creazione di una "carta" che riflettesse se le persone erano state contagiate. La proposta è stata duramente criticata dalla comunità scientifica, dall'Organizzazione mondiale della sanità e dall'opposizione: non è durata a lungo sul tavolo. L'argomento contrario: la possibilità di discriminazione.

 

stigma coronavirus 2 stigma coronavirus 2

I processi di stigmatizzazione avvengono in fasi diverse, secondo i sociologi Bruce Link e Jo Phean, della Columbia University. In primo luogo, un'etichetta è attaccata ad alcune caratteristiche che sono al di fuori di ciò che è considerato normale. In secondo luogo, a quell'etichetta sono associati attributi negativi (per esempio, "quelli positivi sono irresponsabili o possono infettarmi"). In terzo luogo, queste persone sono escluse in alcune zone. Infine, gli individui perdono il loro status, sono discriminati. Quindi, l'ipotetica carta Ayuso potrebbe contribuire alla prima etichettatura o all'esclusione delle persone interessate.

 

stigma coronavirus 3 stigma coronavirus 3

L'occultamento del proprio contagio può avvenire per altri motivi, anche per pressioni negazioniste, il che dà l'idea di una certa polarizzazione sociale a questo proposito: "Ho amici negazionisti che mettono in dubbio la gravità della malattia - spiega María, che anche lei non vuole rivelare la sua identità - così quando sono risultata positiva ho cercato di non dirlo: potrebbero dire che il mio positivo è falso, inventato per creare allarme, o che la malattia non è così grave. Non voglio che giochino a fare i poliziotti e che mi giudichino per essere stata contagiata. Non credo che sarebbe utile renderlo pubblico”.

coronavirus 4 coronavirus 4 stigma coronavirus 5 stigma coronavirus 5 coronavirus 1 coronavirus 1 coronavirus 3 coronavirus 3 stigma coronavirus 9 stigma coronavirus 9 stigma coronavirus 8 stigma coronavirus 8 stigma coronavirus 7 stigma coronavirus 7 coronavirus coronavirus

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

LA ROMA TREMA, LO STADIO ORA E’ UN MIRAGGIO – IL PD SI SFILA, IL PROGETTO DEL NUOVO IMPIANTO A TOR DI VALLE SEMPRE PIU’ IN BILICO, LA RAGGI: “I DEM NON VOGLIONO LO STADIO. VIA LIBERA ENTRO NATALE” - IL CLUB GIALLOROSSO SI ASPETTAVA IN QUESTO MESE IL VIA ALL’ITER CHE DOVREBBE PORTARE ALL’APPROVAZIONE DELLA VARIANTE E DELLA CONVENZIONE URBANISTICA – LA SINDACA E’ ALLE PRESE CON UN MOVIMENTO SPACCATO E CON UN PD CHE PARTE DA UNA “POSIZIONE DI FORTE CONTRARIETA’”

cafonal

viaggi

salute