ROMANZI E CRIMINALI – DALLO SCOPPIO DELLA GUERRA IN UCRAINA, DIVERSE BIBLIOTECHE IN TUTTA EUROPA SONO STATE COLPITE DA (UNA O PIU’) BANDE DI LADRI, CHE RUBANO I LIBRI ANTICHI DEI PIU’ GRANDI AUTORI RUSSI, SOSTITUENDOLI CON COPIE DI ALTISSIMA QUALITÀ – GLI OBIETTIVI PREFERITI SONO I TESTI DI ALEKSANDER PUSHKIN, CONSIDERATO IL PADRE DELLA LETTERATURA RUSSA: “VALGONO COME L’ORO" - DUE GEORGIANI SONO STATI FERMATI, UNO A BRUXELLES E L’ALTRO IN ESTONIA, CHE...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Estratto dell’articolo di Mara Gergolet per il “Corriere della Sera”

 

prime edizioni rare dei libri russi rubati e sostituiti da copie 2 prime edizioni rare dei libri russi rubati e sostituiti da copie 2

Chi sta rubando le prime edizioni di Pushkin in giro per l’Europa? L’ultimo colpo noto è alla Staatsbibliothek di Berlino. Ci è voluto l’intervento della polizia tedesca, che ha chiesto alla direzione della biblioteca di fare una verifica sulle edizioni rare degli autori russi, per scoprire che […] Cinque libri antichi erano stati sostituiti da copie perfettamente forgiate da falsari.

 

Tra queste, un Boris Godunov del 1831, un Prigioniero del Caucaso del 1828, I fratelli masnadieri del 1827. I ladri di Pushkin, e di altri autori russi, stanno colpendo in Europa da quasi due anni.

Le prime azioni coincidono grosso modo con l’inizio della guerra in Ucraina: […] Tarsu (Estonia), Riga (Lettonia), Vilnius (Lituania), Varsavia (Polonia), Ginevra (Svizzera), Lione, Parigi (Francia), Berlino (Germania). «I facsimile sono estremamente ben fatti — ha detto Barbara Heindl, la portavoce della Staatsbibliothek al Tagespiegel —. Occorre osservarli con lenti d’ingrandimento per notare le discrepanze, come piccoli difetti di stampa, un timbro con un errore, una carta diversa».

prime edizioni rare dei libri russi rubati e sostituiti da copie 3 prime edizioni rare dei libri russi rubati e sostituiti da copie 3

 

E allora dietro a questa sparizione di un centinaio di edizioni rare che valgono almeno 2 milioni di euro, bisogna immaginarsi […] una gang altamente specializzata. […] In parte, la banda sarebbe stata rintracciata: si tratta di georgiani. Uno è stato fermato all’aeroporto di Bruxelles, un altro arrestato in Estonia. Tutti negano qualsiasi coinvolgimento. Ai vertici delle istituzioni coinvolte nei furti è successo il finimondo. È crisi alla prestigiosa Bibliothèque nationale de France — 8 Pushkin scomparsi —, mentre alla Biblioteca universitaria di Varsavia la direttrice si è dovuta dimettere: i libri rari scomparsi erano 77 e uno è stato battuto all’asta a Mosca il 22 dicembre a 30.500 euro. Ma perché Pushkin? Non c’è solo lui tra le opere razziate, è vero, ci sono Lermontov, Gogol e altri classici, ma è lui il più ambito.

aleksander pushkin 2 aleksander pushkin 2

 

[…] «Pushkin è sempre stato molto caro — spiega invece a Le Monde la studiosa Ekaterina Nikolaeva-Tendil — ha pubblicato molto poco in vita, spesso capitolo per capitolo. E poi, dopo le sanzioni i russi ricchi faticano a comprare in Europa». Ma Pushkin, morto a duello in uno spiazzo liberato dalla neve il 27 gennaio 1837, è anche altro. Nessun autore è tanto amato, venerato, tanto identificato con l’anima russa, qualsiasi cosa significhi, come lui.

prima edizione del libro di aleksander pushkin prima edizione del libro di aleksander pushkin

 

E nessuno, in tempi recenti, è stato citato quale simbolo dell’imperialismo di Mosca quanto Pushkin. Putin lo pone nel suo pantheon dopo Pietro il Grande. Gli ucraini da Kiev a Kharkiv abbattono le sue statue, perché il suo ritratto dei «cosacchi» (ucraini dell’epoca) è impietoso e «coloniale». Per gli slavisti come Serena Vitale, Pushkin è tutto, l’invenzione della prosa russa, della lingua, il legame profondo che lega i russi. Chi c’è dietro? Bibliofili ricchi di Mosca e San Pietroburgo che ingaggiano i falsari, come ufficialmente ipotizzano le polizie europee? Molti collezionisti non ci credono e vedono il timbro dello Stato. Qualcuno a Mosca ha lanciato l’Operazione Rimpatrio?

aleksander pushkin 1 aleksander pushkin 1 Aleksandr Pushkin Aleksandr Pushkin aleksander pushkin aleksander pushkin prime edizioni rare dei libri russi rubati e sostituiti da copie 1 prime edizioni rare dei libri russi rubati e sostituiti da copie 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...