L’ALTRA FACCIA DI MOANA – PARLA LA MADRE DELLA PORNODIVA MORTA TRENT'ANNI FA: “QUANDO TORNAVA A CASA DORMIVAMO INSIEME NEL LETTONE. E QUANDO CI STENDEVAMO VICINE, NON RIUSCIVO A CAPACITARMI. ERA SEMPRE LA MIA BAMBINA. LE DICEVO: ‘MA COME FAI A FARE QUELLE COSE?’. E LEI RISPONDEVA: IO SONO QUESTA CHE VEDI. NON SONO QUELLA LÀ’” – LA STORIA CON BETTINO CRAXI: È STATA ANCHE A HAMMAMET DA LUI, MI RACCONTAVA DI QUANTO FOSSE BELLA LA LUCE DEL DESERTO. MI DICEVA: ‘È UN UOMO MOLTO INTELLIGENTE. E POI SI PRENDE CURA DI ME, COME DI UNA FIGLIA’”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Niccolò Zancan per “La Stampa”

 

MOANA POZZI MOANA POZZI

Trent'anni senza Moana. Trent'anni senza Anna Moana Rosa Pozzi. Senza la diva del porno con il viso incantevole, senza una figlia. «Non è vero. Lei è qui. Parlo con Moana tutte le mattine. Alla sera recito il rosario e preghiamo. Io credo nell'aldilà. Voi direte: la madre di Moana Pozzi recita il rosario? Certo, la vita è così [...]»

 

La madre di Moana Pozzi vive a Lerma, fra le vigne del Gavi e il porto di Genova. Si chiama Rosanna Alloisio, ha 82 anni. È nata in questo paese di settecento abitanti. Niente minigonna, mai. Lunghe discussioni per potere indossare un paio di jeans.

 

Qui frequentava l'istituto delle suore, quando un ragazzo di nome Alfredo Pozzi, uno studente che poi sarebbe diventato ricercatore nelle centrali nucleari di mezzo mondo, venne in villeggiatura con la sua famiglia. «Mio marito era un uomo molto particolare. Badava solo a se stesso. Era uno che non sopportava i peli dei cani. Teneva al lavoro e alla forma fisica. Suo padre, poverino, era morto giovane e di cento chili, così lui era terrorizzato di ingrassare».

 

Che bambina era Moana?

Rosanna Alloisio moana pozzi Rosanna Alloisio moana pozzi

«Amava nuotare, ha imparato qui al fiume. Poi in Grecia, anche a Genova. Nel lago di Bracciano rimase avvinghiata in una gigantesca matassa di alghe, non tornava più a galla e stavo per morire di paura. Ma si buttava sempre, era un pesciolino. E poi imparava tutto velocemente. Ricordo quando ci trasferimmo in Brasile per il lavoro del padre. Una suora mi mandò a chiamare, e io temevo rimproveri. Invece, la suora disse: "In classe ci sono sessanta studenti. Nessuno parla il portoghese bene come Moana"».

 

Quando si è accorta di essere così bella?

moana pozzi moana pozzi

«Sono stati gli altri a farglielo capire. Eravamo proprio a Bracciano, vicino a Roma. Eravamo là per il lavoro del padre. In un ristorantino giravano un film con Edwige Fenech, una donna bellissima. Moana aveva 16 anni, le bastò passare: "Lo sai che potresti lavorare nel cinema?"».

 

Poi cosa è successo?

«Ha posato nuda per i pittori, senza mai dirmi niente. Ha voluto trasferirsi a Roma per fare la scuola di recitazione. Io non ero per niente tranquilla. Il papà disse una frase che non sopporto ancora adesso: "Lascia che si rompa la testa, poi tanto i cocci sono suoi". Non è mai così in una famiglia».

 

A quel punto arriva Riccardo Schicchi: l'uomo che lanciò Moana e Cicciolina nel porno. Lei lo ha conosciuto?

moana pozzi riccardo schicchi moana pozzi riccardo schicchi

«Non voglio dire neanche una parola su quella persona. Però mi dispiace che, ancora adesso, la moglie vada in televisione a dire che conosceva Moana. Ma è falso. In tanti lo dicono, ma nessuno conosceva davvero mia figlia».

 

Chi era?

«Una persona molto diversa da me. Non so spiegare il suo mistero. Si dice che la mela cade vicino all'albero, ma non sempre è vero».

 

Ancora: chi era Moana Pozzi?

«Giudiziosa, attenta, seria. Si è comprata due case a Roma. Ma era anche una gazza ladra. Amava ogni cosa che luccicava. E vestiti, mobili, quadri. Era anche generosissima. Andava personalmente a fare beneficenza perché non si fidava. Donazioni agli ospedali, ma più spesso viaggi in Africa e in India».

riccardo schicchi moana pozzi riccardo schicchi moana pozzi

 

Avete litigato?

«Tantissime volte. Una anche al telefono da Los Angeles. Ma dopo un po' lei richiamava sempre e diceva: "Mammina, guarda che non le penso quelle cose brutte che ti ho detto"».

 

Lei come esprimeva la sua contrarietà?

«Dicevo: "Ma come fai a fare quelle cose?" Lei rispondeva: "Non ti devi arrabbiare, io sono questa che vedi. Non sono quella là».

 

Il suo bigottismo di madre può averla spinta in direzione opposta?

«Non lo so, ci ho pensato. Non saprei dirlo. Ma so com'era Moana quando tornava qui a casa»

 

Com'era?

«Mangiavamo la cima. Cacciavamo il padre e dormivamo insieme nel lettone. E quando ci stendevamo vicine, io non riuscivo a capacitarmi. Era sempre la mia bambina, una bellissima ragazza bambina. Era così innocente. Moana non aveva malizia».

 

cicciolina e moana mondiali cicciolina e moana mondiali

È vero che non amava il sesso?

«Verissimo».

 

Lei ha mai guardato un film porno di sua figlia?

«No, non ce la farei. Non ho mai voluto farlo. E, a questo punto, credo che non lo farò mai. Ma sto iniziando a vedere le sue interviste».

 

Capitoli amori: cosa ne dice?

«Sapere scegliere gli uomini non era il suo forte. Fece questo matrimonio a Las Vegas, uno di quei matrimoni senza alcun valore. Aveva comprato una bellissima casa sulla Cassia, con due garage. Ma poi tornava sempre a dormire da sola».

 

Della storia con Bettino Craxi avete parlato?

BETTINO CRAXI BETTINO CRAXI

«Sì, credo che sia stata anche a Hammamet da lui, perché mi raccontava di quanto fosse bella la luce del deserto. Una volta è tornata con una sua gigantesca cintura. Io non capivo. Anche in quel caso, dicevo: "Ma come fai? Tu sei bellissima. Lui ti usa"».

 

Cosa rispondeva Moana Pozzi?

«"Sei tu, mammina, che non capisci. È un uomo molto intelligente, possiamo parlare di tutto. E poi si prende cura di me, come di una figlia. Allorché io rispondevo: "Ma certe cose con una figlia non si fanno"».

 

[…]

 

moana pozzi ph gianfranco salis moana pozzi ph gianfranco salis

 Roma, invece, cos'era?

«Il posto del successo. Diceva: "Questi soldi sono miei, me li sono guadagnati mammina". E metteva altri bellissimi fiori sul terrazzo».

 

Che fine ha fatto la camera da letto di Moana?

«È qui. È la mia. Io dormo nel suo letto a baldacchino. Tengo sul comodino il libro che aveva lei: "L'eta dell'innocenza". Questo è il fiocco azzurro con cui si legava i capelli. Queste sono le sue preghiere. Moana era profondamente religiosa. Sopra il letto teneva "La tavola del Cristo deriso". Insieme eravamo state tante volte a pregare sulla tomba di Papa Roncalli».

 

[…]

 

Leggende sulla morta presunta di Moana Pozzi. Cosa può dire?

«Leggende false. Morte vera. Ho qui tutti di documenti. Scoprì il tumore al fegato al ritorno da un viaggio in Africa. Era stanca, con gli occhi giallicci. Sette mesi dopo non c'era più».

 

LA FILOSOFIA DI MOANA LA FILOSOFIA DI MOANA

Perché non ha mai voluto dire dove sono le sue ceneri?

«Perché Moana odiava i cimiteri. Quando si trattava di andare a salutare dei parenti, lei diceva: "Non voglio andarci, ti prego non mi portare". E io non voglio che nessun posto per lei, adesso, possa ricordarle un cimitero».

 

Siamo al 15 settembre 1994, quasi trent'anni fa. All'Hotel Dieu di Lione. Cosa ricorda?

«Moana mi disse: "La nonna è venuta a trovarmi". Ma la nonna Rossana era morta. Lei insisteva: "Davvero, la nonna è venuta da me". Era la morfina. Io non avevo capito che la malattia fosse così grave. Moana era bellissima, una bambolina. Le gambe stupende. Parlavamo del futuro, di tornare a casa».

 

E poi?

«Poi sono uscita a comprare dei dolci, perché lei amava i dolcetti. Al ritorno, mi sono seduta accanto al suo letto. Moana ha detto: "Grazie mammina, ora dormo un po'. Li mangio poi domani"».

MOANA POZZI CON DAGO MOANA POZZI CON DAGO moana pozzi ph gianfranco salis moana pozzi ph gianfranco salis moana pozzi moana pozzi cicciolina e moana cicciolina e moana moana pozzi gioco di seduzione moana pozzi gioco di seduzione cicciolina e moana (2) cicciolina e moana (2) moana pozzi 1 (2) moana pozzi 1 (2) moana pozzi pippo baudo moana pozzi pippo baudo

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”

“QUELLA E' LA TU REGAZZA, O TE C'HANNO VOMMITATO ACCANTO?” – “TE RETTIFICO LA VENA CACATORIA'' - ''SI' TE 'O METTO 'N SPALLA, ALTRO CHE VIA CRUCIS’’ - ‘’ERA COSI' ARRAPATA CHE JO' DOVUTO STRIZZA' LE MUTANDINE – ‘’C'HAI DU' CORNA CHE SE VAI A VEDE 'NA PARTITA DE RAGBI TE FANNO META SUR CRANIO’’ – ‘’OGNI BUCO E' BONO; PURE QUELLO D'OZONO’’ - DAGOSPIA PRESENTA LO ZINGARELLI DELLA COATTERIA ROMANA - UN INDISPENSABILE MANUALE DI CONVERSAZIONE PER COLORO I QUALI DOVESSERO IMBATTERSI, INDIFESI, IN UN DIALOGO CON ''GIORGIA, LA REGINA DI COATTONIA'' – ULTIMA PARTE: APPREZZAMENTI A SFONDO SESSUALE... - VIDEO

‘’TE PIJO A PISELLATE SU'E GENGIVE’’ – ‘’M'HAI SCUCITO LA FODERA DER CAZZO’’ – ‘’TE STRAPPO LE BUDELLA E TE CE 'MPICCO’’ – ‘’’SÒNA 'N MEZZO ALLE COSCE DE TU' MOJE CHE CE STA PIU' TRAFFICO’’ – ‘’SI' TE SGRULLO TE FACCIO CASCA' TUTTI LI TATUAGGI’’ – “- A' COMETECHIAMI” - DAGOSPIA PRESENTA LO ZINGARELLI DELLA COATTERIA ROMANA - UN INDISPENSABILE MANUALE DI CONVERSAZIONE PER COLORO I QUALI DOVESSERO IMBATTERSI, INDIFESI, IN UN DIALOGO CON LA REGINA DI COATTONIA, ALIAS GIORGIA MELONI – SECONDA PARTE: MINACCE E INSULTI - VIDEO