L’INCHIESTA SULL’EREDITÀ DI MARELLA AGNELLI SI ALLARGA: L’OBIETTIVO NON È SOLO SCOPRIRE DOVE LA NONNA DI JOHN ELKANN AVESSE EFFETTIVAMENTE LA RESIDENZA, MA ANCHE SE AVESSE UN PATRIMONIO MILIONARIO ALL’ESTERO SOTTRATTO ALLA TASSAZIONE ITALIANA – YAKI È INDAGATO PER “DICHIARAZIONE FRAUDOLENTA”: SE IL COMMERCIALISTA FERRERO E IL NOTAIO VON GRUENIGEN HANNO CURATO E SOTTOSCRITTO LE DENUNCE DEI REDDITI, IL NIPOTE DELL’AVVOCATO LI AVREBBE AGEVOLATI, ASSUMENDO PERSONALE, DIRETTAMENTE O ATTRAVERSO LE FIDUCIARIE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Massimiliano Nerozzi  e Simona Lorenzetti per il “Corriere della Sera”

 

JOHN ELKANN E MARGHERITA AGNELLI JOHN ELKANN E MARGHERITA AGNELLI

Se la presenza s’era fatta residenza, quella di Marella Agnelli in Italia, è una delle prime cose che sta cercando di accertare l’inchiesta della Procura di Torino, avviata un anno fa in seguito a un esposto della figlia Margherita.

 

Così oggi, il procuratore aggiunto Marco Gianoglio e i pubblici ministeri Mario Bendoni e Giulia Marchetti continueranno ad ascoltare altri testimoni: personale in servizio, o che lo è stato, a Villa Frescot, sulle colline torinesi, dove la moglie di Gianni Agnelli avrebbe trascorso più di 183 giorni all’anno, almeno nel 2018, un intervallo temporale dalla ricaduta legale, appunto. Farebbe infatti scattare la residenza fiscale in Italia, e non più in Svizzera, con conseguenti obblighi fiscali.

 

gianni e marella agnelli gianni e marella agnelli

Va da sé, i magistrati — che coordinano l’indagine della Guardia di finanza — sono anche interessati a scoprire se Marella avesse milioni di euro all’estero, insomma capitali capaci di produrre interessi o utili: ovvero, redditi potenzialmente sottratti alla tassazione dell’erario italiano.

 

[...] Gli investigatori sono partiti prendendo in esame gli anni 2018 e 2019 perché ritengono di avere maggiori elementi e documenti in grado di dimostrare sia la presenza di Marella in Italia, sia la cornice disegnata dai cosiddetti «interessi vitali»: come lo sono i rapporti di famiglia, quelli di amicizia, di lavoro o anche solo il medico di fiducia.

 

Gianni Agnelli con Marella Gianni Agnelli con Marella

Per ora, stando alla contestazione presente sul decreto di perquisizione, gli investigatori ipotizzano un’Irpef evasa per 3,5 milioni nel 2018; e per 244 mila euro nel 2019, vista la scomparsa della donna il 23 febbraio di quest’ultimo anno. In ballo ci sono le imposte sulla «rendita vitalizia» che Margherita doveva pagare alla madre, in virtù degli accordi successori, sui 580 mila euro al mese, attorno agli 8 milioni in questione.

 

Da qui, l’ipotesi d’accusa di «dichiarazione fraudolenta», per la quale sono indagati John Elkann, presidente di Exor (estranea all’indagine), Gianluca Ferrero, storico commercialista della famiglia e numero uno della Juve, e Urs Robert Von Gruenigen, il notaio incaricato dall’autorità giudiziaria svizzera di amministrare l’eredità di Marella Agnelli.

margherita agnelli margherita agnelli

 

Ferrero avrebbe curato le denunce dei redditi, l’amministratore elvetico le avrebbe sottoscritte. E il primogenito — sempre secondo l’accusa — li avrebbe agevolati, assumendo personale, direttamente o attraverso alcune società fiduciarie: tutta gente che, in realtà, avrebbe lavorato presso la nonna.

 

 

gianni agnelli con la moglie marella e i figli edoardo e margherita gianni agnelli con la moglie marella e i figli edoardo e margherita

[...] Che potrebbe avere sviluppi da saga dinastica, a partire dal patto successorio del 2004 e il cui articolo 1 suonava grossomodo così, indirizzando la storia: «La signora Marella Caracciolo Agnelli dichiara che il suo testamento sarà esclusivamente e interamente regolato dalla legge svizzera».

 

Un’affermazione che potrebbe essere travolta dagli eventuali esiti dell’inchiesta penale. Detto che gran parte dei documenti sequestrati non sono stati ancora esaminati, i militari della Guardia di finanza cercano anche gli atti successori originali relativi al patrimonio di Gianni Agnelli: al momento, non sono saltati fuori.

SERGIO MATTARELLA E JOHN ELKANN SERGIO MATTARELLA E JOHN ELKANN Gianni Agnelli con Marella Gianni Agnelli con Marella gianni e marella agnelli gianni e marella agnelli edoardo agnelli marella caracciolo gianni agnelli edoardo agnelli marella caracciolo gianni agnelli MARELLA CARACCIOLO IN AEREO CON MARGHERITA, EDOARDO E DI SPALLE GIANNI AGNELLI MARELLA CARACCIOLO IN AEREO CON MARGHERITA, EDOARDO E DI SPALLE GIANNI AGNELLI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…