SANTA CAROLA VERGINE E MARTIRE - ARRIVA IL DOCUMENTARIO SULLA CAPITANA RACKETE: ALTRO PASSO VERSO LA “BEATIFICAZIONE” DELLA COMANDANTE TEDESCA DELLA SEA WATCH CHE SPERONÒ UNA MOTOVEDETTA DELLA GUARDIA DI FINANZA RISCHIANDO DI UCCIDERE 5 PERSONE - AL FESTIVAL DEI POPOLI DI FIRENZE SARÀ PRESENTATA UN'OPERA CHE NARRA LE SUE "IMPRESE"…

-

Condividi questo articolo


Lorenzo Mottola per “Libero quotidiano”

 

carola rackete carola rackete

È dai tempi di Babbo Natale alla conquista Marte che la critica cinematografica mondiale non registrava l' uscita di un film tanto irritante. La colpa è dell' ormai onnipresente Carola, capitana di vascello Ong con un passato da ricercatrice in mezzo all' artico e un probabilissimo futuro in politica da militante ambientalista.

 

Come arcinoto, a rendere famosa la ragazza di Preetz non sono state le sue campagne ecologiste, ma le imprese nel Mediterraneo, organizzate per traghettare clandestini dalle acque libiche a quelle italiane, con tanto di inseguimenti mozzafiato e scontri con navi militari. Una bella trama, insomma, tanto che qualcuno ha scelto di dedicare alla vicenda una pellicola in stile Michael Moore: una via di mezzo tra un documentario e un film di pirati. Con molto spazio alla fantasia.

 

carola rackete all'europarlamento carola rackete all'europarlamento

Capita infatti che a bordo della nave della Rackete si trovassero anche due sconosciuti giornalisti-registi (Jonas Schreijäg e Nadia Kailouli) che hanno filmato tutti gli eventi: l' avvistamento al largo della Libia di 53 migranti, la sfida alle autorità italiane e i racconti degli africani salpati da Tripoli per arrivare nella ricca Europa. E infine, ovviamente, gli arresti e gli insulti da parte dei cittadini di Lampedusa all' equipaggio al momento dello sbarco.

CAROLA RACKETE NELLA COPERTINA DELLO SPIEGEL CAROLA RACKETE NELLA COPERTINA DELLO SPIEGEL

 

OFFENSIVA MEDIATICA

Il tutto è stato raccolto in un'opera che è stata chiamata "Sea-Watch 3" e che verrà proiettata per la prima volta in Italia il 2 novembre in occasione dell' apertura del Festival dei Popoli di Firenze, alla presenza dei due autori. Un altro piccolo passo verso la completa santificazione di Carola, dopo l'ormai celebra discorso al Parlamento di Bruxelles. Per chi se lo fosse perso, la tedesca ha approfittato dell' invito delle istituzioni Ue per riversare una caterva di insulti sugli eurodeputati, accusati di non averla aiutata nella sua missione. «Quel che è successo è stato vergognoso», ha tuonato, «io sono stata attaccata, mi sono ritrovata da sola».

 

E gli onorevoli in questione, tutti contenti, si sono pure messi ad applaudire. I rappresentanti della sinistra europea sono arrivati a ringraziare per questa ennesima provocazione, studiata per cercare il massimo risalto mediatico possibile.

 

IN POLITICA

CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE

Come dicevamo, infatti, la capitana dopo i fatti di Lampedusa ha fatto capire a tutti qual è la sua aspirazione, ovvero occuparsi di politica e ecologia. Le sue avventure le hanno assicurato la necessaria celebrità, anche se la sua resta una figura assolutamente controversa. Per rendersene conto basta raccontare quanto successo nei giorni scorsi in Grecia. La Sea Watch ha recentemente deciso di lasciare il Canale di Sicilia e di avventurarsi verso la Turchia, dove tutti si aspettano un picco di partenze a causa dello scontro con i curdi. All' arrivo in porto a Lesbo, la nave della Ong è stata presa a sassate dagli abitanti dell' isola.

carola rackete carola rackete CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE LA BARCA DELLA GUARDIA DI FINANZA CHE RISCHIAVA DI ESSERE AFFONDATO DA CAROLA RACKETE LA BARCA DELLA GUARDIA DI FINANZA CHE RISCHIAVA DI ESSERE AFFONDATO DA CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE MEME SU CAROLA RACKETE MEME SU CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE - FOTO REPUBBLICA CAROLA RACKETE - FOTO REPUBBLICA

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

LARGO AL CAMPO LARGO! – ENRICO LETTA TENDE LA MANO A BERLUSCONI: “DOBBIAMO COSTRUIRE QUALCOSA CHE SIA VINCENTE RISPETTO AL 40% RAPPRESENTATO DA SALVINI E MELONI. IL CAMPO LARGO DEVE ESSERE DAVVERO LARGO”. BASTA FARE I CONTI: IL PD È AL 20% E I CINQUE STELLE AL 12. BASTA AGGIUNGERE L’8% DI FORZA ITALIA E COME PER MAGIA SI ARRIVA AL 40. A CUI ANDREBBE AGGIUNTO CALENDA, CHE PERÒ SUBITO FA LO GNORRI: “DA 30 ANNI L'UNICA RAGIONE DI STARE INSIEME È NON FARE VINCERE GLI ALTRI, SEMBRA IL PALIO DI SIENA. IO NON LO CONDIVIDO"

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute