SAPETE A CHE VELOCITÀ AVANZA LA MORTE? LA RISPOSTA DI DUE RICERCATORI DI STANFORD: 2 MILLIMETRI L’ORA – LA SCOPERTA GRAZIE ALLO STUDIO DELLE UOVA DI RANA: LE CELLULE SI AUTODISTRUGGONO PER MANTENERE L’EQUILIBRIO DEL SISTEMA A UN RITMO DI 30 MICROMETRI AL MINUTO…

-

Condividi questo articolo

 

Da “Libero Quotidiano”

 

morte morte

A che velocità avanza la morte? La risposta è stata trovata da due ricercatori di biologia di sistema della Stanford University, Xianrui Cheng e James Ferrell, che per la prima volta hanno calcolato la velocità alla quale si diffonde la morte in una cellula: 30 micrometri al minuto, vale a dire due millimetri l' ora.

 

La scoperta, pubblicata sulla rivista Science, è stata possibile grazie allo studio delle uova di rana: i ricercatori hanno misurato il ritmo con cui le cellule vanno in apoptosi, cioè subiscono una morte programmata, per contribuire al mantenimento del numero di cellule di un sistema.

apoptosi apoptosi

 

Va detto che, a volte, le cellule muoiono da sole, altre invece ricevono un segnale in questo senso da cellule vicine. Cheng e Ferrell hanno calcolato proprio questo: il ritmo con cui attraverso una cellula si propagano le trigger waves (onde scatenanti), il segnale biochimico di autodistruzione delle cellule, una volta che questo è stato lanciato.

 

morte 1 morte 1

L' autodistruzione delle cellule è per lo più un processo positivo per gli organismi. In media, un essere umano perde più di cinquanta miliardi di cellule al giorno e se la cava bene anche in loro assenza. A volte però le cellule si "confondono": quelle che dovrebbero morire continuano a vivere e viceversa.

apoptosi 1 apoptosi 1

 

La scoperta ha delle importanti ripercussioni nella cura di malattie come il cancro e l' Alzheimer: i medici hanno un' informazione utile in più per contrastare l' avanzare di queste patologie.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

“QUANDO FAI UNA SCENA DI SESSO IN UN FILM NON SENTI UN CAZZO…” - PASSIONI E DELIRIO DI ALESSANDRO HABER: “DOPO IL ‘ME TOO’ NON SI PUÒ PIÙ FARE LA CORTE A UNA DONNA. CHI VEDE SESSISMO OVUNQUE È RIDICOLO, HA PROBLEMI SERI - UNA DONNA CHE MI HA SEGNATO È STATA GIULIANA DE SIO: SIAMO STATI INSIEME 3 ANNI, IO AVEVO 29 ANNI, LEI 19, POI SI È ROTTO QUALCOSA - UNA VOLTA A MIA MAMMA DOMANDAI: ‘MA TU E PAPÀ LE FATE... QUELLE COSETTE LÌ?’. E LEI…” - VIDEO SCAZZO CON VERDONE

politica

business

cronache

sport

“NON LA VIVO COME UNA BATTAGLIA” - VIALLI TIRA FUORI GLI OCCHI DELLA TIGRE E RACCONTA COME STA AFFRONTANDO IL TUMORE. “NON E' UNA LOTTA. NON PUOI LOTTARE CONTRO UNA COSA CHE È PIÙ FORTE DI TE. LO VIVO COME UN VIAGGIO IN COMPAGNIA DI UN OSPITE INDESIDERATO, CHE PRIMA O POI SI STUFERÀ DI ME E SE NE ANDRÀ" – L'EX BOMBER TORNERA’ IN NAZIONALE COME CAPODELEGAZIONE, BARTOLETTI: "UN COMBATTENTE. L'AZZURRO (ACCANTO AL MANCIO) GLI FARÀ BENE" – LA FOTO CHE PREOCCUPA I TIFOSI

cafonal

viaggi

salute