SCANDALO A REBIBBIA! L'HANNO PICCHIATA E TRASCINATA NUDA TRA LE POZZE D'ACQUA FREDDA DAVANTI A TUTTI. POI HANNO FALSIFICATO LE RELAZIONI DI SERVIZIO - SOSPESI PER UN ANNO DUE AGENTI DELLA POLIZIA PENITENZIARIA - LA DETENUTA, CHE HA PROBLEMI PSICHICI, AVEVA DANNEGGIATO UN TERMOSIFONE PERCHÉ LE ERA STATA NEGATA UNA SIGARETTA. A QUEL PUNTO I DUE HANNO DECISO DI PUNIRLA…

-

Condividi questo articolo

M.E.V. per “la Repubblica - Edizione Roma”

 

rebibbia detenuta rebibbia detenuta

L'hanno picchiata e trascinata nuda tra le pozze d'acqua fredda davanti a tutti. Poi hanno falsificato le relazioni di servizio per timore di essere scoperti. Sono stati sospesi dal servizio per un anno due agenti della polizia penitenziaria, una sovrintendente e un assistente capo coordinatore in servizio presso la casa circondariale femminile del carcere di Rebibbia: sono accusati di falso ideologico e abuso di autorità. I fatti risalgono alla notte tra il 21 e il 22 luglio scorsi.

 

La detenuta, che ha problemi psichici, aveva danneggiato un termosifone perché le era stata negata una sigaretta. A quel punto i due hanno deciso di punirla. Le telecamere immortalano la donna che viene trascinata a terra, nuda, fino all'unica stanza senza telecamere. La vittima si vergogna, cerca di coprirsi, anche perché uno dei due agenti è un uomo.

rebibbia detenuta rebibbia detenuta

 

Quest' ultimo, alla fine, le consegna la sigaretta e la invita a non parlare dell'accaduto per evitare ulteriori violenze. Poi, per essere sicuri di nascondere tutto, i due compilano una relazione in cui parlano di violenze della donna ai danni della poliziotta, cosa che, secondo il gip, non corrisponde al vero e che rivela « le personalità del tutto spregiudicate » dei due indagati.  

carcere rebibbia 3 carcere rebibbia 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute