SIETE SICURI DI SAPERE TUTTO CIÒ CHE È ACCADUTO A CHERNOBYL? VI RACCONTIAMO 21 SPAVENTOSI FATTI CHE SONO RIMASTI NELL’OMBRA DEL DISASTRO CHE HA SEGNATO LA STORIA - L’EVACUAZIONE DELL’AREA INIZIÒ SOLO IL GIORNO DOPO: PER 33 ORE I CITTADINI DI PRIPJAT RIMASERO ALL’OSCURO DEL PERICOLO CHE STAVANO CORRENDO – NESSUNO HA MAI FATTO UN GIRO SULLA FAMOSA RUOTA PANORAMICA E ANCORA OGGI LA…(VIDEO)

Condividi questo articolo


 

DAGONEWS

 

chernobyl 8 chernobyl 8

1. È difficile fare un bilancio definitivo delle persone morte a causa del disastro di Chernobyl, ma il numero varia dai 4mila alle 90mila persone. Tra queste ci sono le due persone morte nell’esplosione, i 29 deceduti poco dopo per sindrome da radiazione acuta e le migliaia di persone che si sono spente per cause correlate alle radiazioni.

 

2. Vasily Ignatenko, uno dei vigili del fuoco accorso per primo sul luogo del disastro (uno dei personaggi della serie di HBO su Chernobyl), è morto dopo atroci sofferenze a due settimane dall'esposizione alle radiazioni. Ha sputato sangue e muco più di 25 volte al giorno. Alla fine, ogni volta che tossiva, sputava pezzi dei suoi organi interni.

lyudmila lyudmila

 

3. Al funerale il corpo di Ignatenko era così gonfio e deformato che le sue scarpe e i suoi vestiti non gli andavano più bene. La vedova Lyudmila ha raccontato nel libro “Voices From Chernobyl”: «Non potevano mettergli le scarpe perché i suoi piedi si erano gonfiati. Hanno anche dovuto tagliare i vestiti perché non sapevano come infilarglieli, non c’era un corpo intero su cui indossare quegli abiti».

 

4. Da altre testimonianze è emerso come alcune persone «siano diventate grasse come barili» e altre «abbiano assunto un colore nero come il carbone e si siano come rimpicciolite». Molte delle storie di “Voices From Chernobyl” provengono da persone che abitavano nelle vicinanze del disastro e sono dovute fuggite dalle loro case.

 

chernobyl 17 chernobyl 17

5. Ci sono stati circa 100.000-200.000 aborti in Europa dopo Chernobyl a causa della "radiofobia". Secondo Live Science, «molti medici in tutta l'Europa dell'Est e nell'Unione Sovietica consigliavano alle donne incinte di sottoporsi a un aborto per evitare di dare alla luce bambini con malformazioni o altri disturbi, sebbene il livello effettivo di esposizione alle radiazioni di queste donne fosse troppo basso per causare problemi».

chernobyl 16 chernobyl 16

 

6. L'area boschiva intorno a Chernobyl divenne nota come la Foresta Rossa a causa di tutti gli alberi che morirono, assumendo un coloro rosso vivo. Tuttora è l’area più radiottiva.

 

chernobyl 18 chernobyl 18

7. Pripyat, la città che era stata costruita nel 1970 per accogliere i lavoratori della centrale nucleare, era abitata da circa 47mila persone che vennero portate via solo 33 ore dopo il disastro. All’epoca era una città moderna e possedeva due ospedali, di cui uno pediatrico, un centro commerciale, due hotel, numerosi bar e ristoranti, un cinema, un teatro, un centro polifunzionale. La piscina coperta fu lasciata attiva fino al 2000 al servizio del personale che continuava a lavorare presso la centrale. Oggi è una città fantasma ed è illegale viverci.

chernobyl 14 chernobyl 14

 

8. Eppure nelle zone limitrofe, dopo l’evacuazione diverse persone sono tornate nelle loro case: si stima siano 130-150 persone, molte delle quali sono donne anziane che coltivano la terra contaminata, nutrendosi dei suoi frutti.

 

chernobyl 6 chernobyl 6

9. La vita nella zona di esclusione è triste. Non ci sono scuole o assistenza sanitaria e sicuramente non è sicuro viverci perché è considerata un’area ancora radioattiva.

chernobyl 9 chernobyl 9

 

10. Al momento dell’evacuazione i residenti non furono autorizzati a portare i loro animali domestici. Per mesi si sentirono i cani ululare e correre dietro agli autobus nella speranza di essere ripresi dai loro padroni. Come si vede nella serie, furono costituite delle squadre per abbattere gli animali.

chernobyl 15 chernobyl 15

 

11. Ancora oggi ci sono centinaia di cani randagi che sopravvivono nei boschi di Chernobyl e nella zona di esclusione. Sono i discendenti di quelli che sono stati improvvisamente lasciati dalle famiglie.

 

12. Purtroppo, però, questi cani hanno un'aspettativa di vita ridotta a causa dell’esposizione alle radiazioni. Secondo il Guardian «in pochi vivono oltre i sei anni».

 

chernobyl 4 chernobyl 4

13. Si può visitare la zona di esclusione grazie a dei tour organizzati: da quando è andata in onda la serie tv di HBO le prenotazioni sono aumentate del 40%.

 

14. Tra le cose che si possono vedere ci sono le centinaia di maschere antigas gettate a terra in una mensa scolastica.

 

15. Oppure le misteriose bambole che sono ordinate sui letti di un ospedale di Chernobyl. Non è chiaro chi l'abbia sistemate, ma è possibile che siano un omaggio ai bambini che una volta erano lì.

chernobyl 2 chernobyl 2

 

16. Ci sono persino pittoreschi dipinti che sono apparsi su vari edifici.

 

17. Nessuno ha mai fatto un giro sulla ruota panoramica di Pripjat: il parco divertimenti doveva essere inaugurato il 1 maggio del 1986, ma subito dopo l’esplosione del 26 aprile, la cittadina venne abbandonata il giorno successivo.

 

18. In Ucraina, nei primi cinque anni dopo il disastro, i casi di cancro tra i bambini aumentarono del 90%. E durante i primi 20 anni dopo l'incidente, circa 5.000 casi di cancro alla tiroide sono stati registrati in Russia, Ucraina e Bielorussia nei minori di 18 anni.

chernobyl 19 chernobyl 19

 

19. Ci sono voluti più di 25 anni per costruire una nuova copertura del reattore danneggiato di Chernobyl. Anche se c'è ancora qualche discussione sull'efficacia di questo container.

chernobyl 13 chernobyl 13

 

20. L'impianto nucleare di Chernobyl ha effettivamente continuato a funzionare fino a dicembre 2000.

 

chernobyl 12 chernobyl 12

21. Infine, l'area intorno a Chernobyl non sarà sicura per gli esseri umani per almeno 20.000 anni.

chernobyl 10 chernobyl 10 chernobyl 3 chernobyl 3 chernobyl, la serie chernobyl, la serie chernobyl 1 chernobyl 1 chernobyl 3 chernobyl 3 chernobyl 12 chernobyl 12 copertura della centrale di chernobyl copertura della centrale di chernobyl chernobyl 1 chernobyl 1 un asilo dopo chernobyl un asilo dopo chernobyl chernobyl 3 chernobyl 3 una scuola 30anni dopo chernobyl una scuola 30anni dopo chernobyl chernobyl 5 chernobyl 5 chernobyl 4 chernobyl 4 chernobyl igiene dentale chernobyl igiene dentale chernobyl 6 chernobyl 6 maschere antigas maschere antigas chernobyl chernobyl chernobyl dal 1986 chernobyl dal 1986 chernobyl fiume di pripyat chernobyl fiume di pripyat chernobyl ospedale di pripyat chernobyl ospedale di pripyat chernobyl pripyat 2 chernobyl pripyat 2 gli alberi su pripyat gli alberi su pripyat in un monumento dopo chernobyl in un monumento dopo chernobyl chernobyl pripyat chernobyl pripyat maschere antigas maschere antigas una scuola 30anni dopo chernobyl una scuola 30anni dopo chernobyl un asilo dopo chernobyl un asilo dopo chernobyl chernobyl 10 chernobyl 10 chernobyl 4 chernobyl 4 chernobyl 11 chernobyl 11 chernobyl 12 chernobyl 12 chernobyl 13 chernobyl 13 chernobyl 14 chernobyl 14 chernobyl 3 chernobyl 3 chernobyl 5 chernobyl 5 chernobyl 8 chernobyl 8 chernobyl 7 chernobyl 7 chernobyl 9 chernobyl 9 chernobyl 11 chernobyl 11 chernobyl 11 chernobyl 11

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)